Serie A: Granarolo Bologna, l'analisi di coach Valli dopo Pistoia

“C’è da essere soddisfatti. Una squadra che spinge in difesa e costringe Pistoia a fare 22 punti nel secondo tempo è un ottimo risultato. Orfana di Ray abbiamo . Ma sono soddisfatto perché lavoriamo tutti alla grande perché partite come queste non le vincno solo i giocatori ma veramente tutti. Questo gurppo di lavoro è il segreto.

Eravamo molto aggressvia a metà campo a coprire pick and roll e non serviva, nel secondo tempo siamo stati più lucidi nel difendere e nel fare le cose che dovevamo fare con la gusta tempestività. Pistia ha torvato un muor davanti a se e ci siamo opposti a tutti i tipi di tiro. In attacco abbiamo avuto l’umiltà di passarci la palla. Sono contento di aver ritrovato Mazzola e Fontecchio. Io ho detto in spogliatoio: se li teniamo sotto il 70 punti abbiamo buone possibilità di vincere. Dal 42-35 credo che abbiamo capito come giocare la partita, più preoccupati a non prendere canestro piuttosto che a farlo. Abbiamo dato minuti a tutti i giocatori e quindi sono molto soddisfatto.

Abbiamo dovuto alternare tanti quintetti diversi, perché pistoia ti mette in difficoltà con giocatori “strani”. Con la uomo, con la difesa con cambi sistematici e con un po’ di zona gli abbiamo fatto trovare contro un muro. Una bella vittoria di gambe di aiuti difensivi.

Era una partita molto ostica, si poteva benissimo perdere. Adesso avremo davanti un mese particolarmente duro, con quattro partite difficili di cui tre in trasferta, ma i ragazzi sono sempre pronti a mettere qualcosa in più per la squadra.

Spero con Ray di fargli fare qualcosa di pallacanestro con la squadra da metà settimana.

La forza di questa squadra è quella di giocare partita dopo partita e pensare che ogni partita per noi è un big game. Andiamo in campo con il desiderio di battere chiunque. Questo è quello che mi piace, poi vedremo alla fine”.

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author