Serie A: Granarolo, i numeri della stagione

La Granarolo Bologna ha chiuso felicemente la stagione regolare e si prepara alla sfida con i campioni d’Italia in carica dell’EA7 Emporio Armani di Milano, che inizierà con gara1 lunedì 18 maggio.
Rivediamo l’annata bianconera e proviamo a raccontarla attraverso i numeri più significativi, di squadra e individuali.

15 VITTORIE, IMBATTUTI IN CASA DALL’11 GENNAIO – La Granarolo chiude la stagione regolare con 15 vittorie su 30 partite. Con un andamento regolare: 7 vittorie su 15 all’andata, 8 su 15 nel girone di ritorno.
Eccezionale il ruolino di marcia casalingo:
all’Unipol Arena in tutto 12 successi su 15 partite (80%), con percorso netto nel girone di ritorno (7 vittorie su 7). Di fatto, la squadra di Valli ha perso l’ultima partita in casa il 29 dicembre 2014, 13ma di campionato, gara interna con Milano finita 58-81. Da allora, striscia positiva di otto successi su altrettante uscite, iniziata con Trento l’11 gennaio, fino all’ultima contro Roma alla penultima di campionato, il 3 maggio scorso (90-77).

GIOCHI DI SQUADRA – La Granarolo finisce la stagione regolare al settimo posto quanto a punti realizzati (77.7 per gara, contro gli 80.5 subiti). E’ sesta per media di rimbalzi conquistati (37.7), quinta nella percentuale dei liberi (76.6%) e in quella dei tiri da tre (35.6%). Quarto posto invece nella media di palle perse (15.4 a gara), nono in quella dei recuperi (6.9).

CONFRONTI DIRETTI – La Granarolo chiude con due vittorie su due contro tre squadre: è infatti 2-0 nei confronti diretti con Upea Capo d’Orlando, Giorgio Tesi Group Pistoia e Consultinvest Pesaro. Parità (1-1) nelle sfide con Sassari, Caserta, Cantù, Brindisi, Reggio Emilia, Avellino, Varese, Roma e Trento. Le “bestie nere” della stagione (0-2) sono invece Venezia, Cremona e Milano.

RAY RE DI LIBERI E TRIPLE – E’ Allan Ray il numero uno quanto a percentuali nel tiro da tre punti e nei liberi. Dalla lunetta, il capitano ha completato un percorso quasi perfetto: 107 realizzazioni su 115 tentativi, alla media del 93%, davanti a Stipcevic (92%) e Hayes (88.8%). Nei tiri da 3, un totale di 63 su 137, media del 46% (secondo Ragland col 45.1%, terzo Callahan col 43.1%.

MEDIA PUNTIAllan Ray è il secondo realizzatore del campionato, quanto a media partita. Ha viaggiato a 17.2 a gara (Tony Mitchell ha chiuso a 20.7) realizzando 482 punti in 28 partite. In questa classifica Jeremy Hazell figura all’ottavo posto con 477 punti in 30 partite, alla media di 15.9.

UN PO’ DI CIFRE – Detto del capitano, da segnalare il decimo posto di Abdul Gaddy nella classifica dei migliori assistmen, con 117 alla media di 3.9. Per lui un “high” di 8 assist serviti nella sfida casalinga con Reggio Emilia, e altre due gare a quota 7, contro Cantù e Varese, sempre in casa.
Tra i rimbalzisti, dodicesimo posto per
Okaro White (media 6.8), con punte di 12 a Capo d’Orlando e a Caserta, e quindicesimo per Valerio Mazzola alla media di 6.4, con 12 in una sola partita alla terza di campionato contro Caserta quando realizzò anche 18 punti (high personale stagionale eguagliato alla 27ma contro Pesaro, con 11 rimbalzi).
Jeremy Hazell ha chiuso due volte a quota 33 punti, sempre all’Unipol Arena: alla 19ma contro Cantù e alla 29ma contro Roma, quando anche Ray ha ottenuto l’high stagionale con 29 punti. Per White, 24 punti nella sconfitta a Milano contro l’EA7. 24 anche per Reddic nella trasferta di Caserta, alla 18ma di campionato.

LARGO AI GIOVANI – Tra i giovani provenienti dal vivaio, detto che Gabriele Benetti ha firmato proprio nel corso della stagione (il 9 gennaio) il suo primo contratto professionistico, sono entrati nel giro della prima squadra Andrea Tassinari, Riccardo Cattapan, Roberto Vercellino e Tommaso Oxilia.
Tassinari, 11 volte a referto, ha giocato 6 partite; per Cattapan 2 presenze su 5 chiamate nel roster; Vercellino è sceso in campo 4 volte, sulle 7 in cui è andato a referto.
Infine,
Tommaso Oxilia. Per lui 3 presenze in questo finale di stagione, con l’high raggiunto proprio ieri a Trento: 11 minuti in campo con 5 punti (i primi in assoluto in Serie A), con 2/2 da due, 0/1 da tre e 1/2 ai liberi. Il tutto all’età di 17 anni compiuti il 22 aprile scorso.

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author