Serie A: la Dolomiti Energia torna al successo, Brindisi ko

La Dolomiti Energia Trentino torna al successo battendo per 95 a 83 l’Enel Brindisi al termine di una partita che i bianconeri hanno dominato nei primi due quarti, chiusi avanti per 55 a 31 e poi controllato nei due quarti rimanenti. I bianconeri hanno offerto un’eccellente prestazione sia in attacco che in difesa trovando ottime giocate di squadra con nove giocatori a referto e con più di 10’ di gioco ciascuno. Ora la Dolomiti Energia Trentino avrà una giornata di riposo prima di pensare ai quarti di finale di Final Eight di Coppa Italia di venerdì contro la Grissin Bon Reggio Emilia.

IQ – Tony Mitchell si presenta ai suoi tifosi con un bel jumper che apre il match in favore dei bianconeri. L’Aquila sembra in palla: in attacco gira tutto con Sanders e Pascolo sugli scudi. Anche in difesa i trentini non si lasciano intimorire ed alzando il pressing con capitan Forray recuperano 3 palloni convertendoli in facili lay-up. Dopo 6 minuti Bucchi è costretto al time out, 12-4 per Trento. Il forcing offensivo non si ferma e con le bombe consecutive di Pascolo e Grant i bianconeri volano sul +17. Ma Brindisi non occupa la quinta posizione in campionato per caso e, nel giro di due minuti, ritrova verve in attacco e riporta sotto la doppia cifra lo svantaggio. Almeno fino alla bomba di Baldi Rossi sulla sirena del periodo che sancisce il 27-13 conclusivo con una Dolomiti Energia Trentino da applausi.

IIQ – Dada Pascolo continua imperterrito a martellare la difesa pugliese (già 15 per lui) mentre dall’altra parte le percentuali dell’Enel sono insufficienti sia da tre che da due punti. Gli ospiti arrivano a tirare sempre negli ultimi secondi dell’azione a causa della difesa aggressiva di Forray e compagni e Bucchi non riesce a darsi pace in panchina. Pullen da leader offensivo qual è, prova a caricarsi la squadra sulle spalle guadagnandosi un paio di viaggi in lunetta ma Tony Mitchell decide che è arrivato il momento di prendersi il palcoscenico ed in un amen infila la tripla e la schiacciata in contropiede che valgono il 41-18. Si iscrive a referto anche Isaiah Armwood con un bel gioco da tre punti mentre Brindisi continua a faticare sotto il profilo del ritmo: Trento ne approfitta e a metà gara il risultato è sul 55-31.

IIIQ – La ripresa si apre come era iniziato il match. Trento tiene alta la difesa e trova subito con Sanders due palle rubate. L’Enel Brindisi trova le triple di Turner e prova a riavvicinarsi, ma i bianconeri però rispondono di squadra a questo momento di difficoltà trovando con Owens e Sanders le soluzioni giuste in attacco mantenendo il vantaggio acquisito (71-46 a 3′ dal termine del terzo periodo). L’intensità del match cala e gli ospiti piazzano un parziale di 2-15 che riporta la squadra di Bucchi a -12. Turner e Pullen fanno segnano con continuità e fine terzo quarto il punteggio è di 73 a 61.

IVQ – L’impatto dei bianconeri è buono ed arriva subito il controparziale di 8-0 targato Marco Spanghero (anche questa sera in doppia cifra) e Keaton Grant. L’attacco dell’Enel trova i primi tre punti del quarto con James dopo 5 minuti, segno emblematico che i gli arancio-blu hanno dato veramente tutto nel terzo periodo per tentare la rimonta. Gli ultimi 4 minuti si trasformano in una passerella per i trentini che tengono a bada l’ultimo colpo di coda degli ospiti riuscendo anche a ribaltare la differenza canestri negli scontri diretti. 95-83 il risultato finale, all’andata in terra pugliese era stato -8.

Dolomiti Energia Trentino. Mitchell 29, Sanders 10, Pascolo 19, Grant 5, Forray 3, Flaccadori, Owens 10, Baldi Rossi 6, Armwood 3, Spanghero 10. All. Buscaglia

Enel Brindisi. Pullen 20, Harper, James 13, Bulleri, Cournooh, Di Salvatore ne, Denmon 6, Morciano ne, Zerini, Turner 28, Mays 5, Eric 11. All. Bucchi

MAURIZIO BUSCAGLIA (coach Dolomiti Energia Trentino): Dopo il ko con Cantù era nato il forte desiderio di preparare questa partita al meglio per reagire alla sconfitta. Dovevamo ritrovare continuità di gioco e ci siamo riusciti sin dall’inizio, quando abbiamo avuto un ottimo impatto. Abbiamo messo tanta energia e tanta voglia nel recuperare palloni in difesa, nel catturare i rimbalzi, e in tutte le cose sui cui in questa e nelle precedenti settimane avevamo lavorato molto. Nel terzo quarto c’è stata la reazione di Brindisi e abbiamo affrontato un piccolo momento di difficoltà perché non siamo riusciti a gestire al meglio palla, tempo e falli. Dal 30esimo al 35esimo però abbiamo avuto una reazione positiva alla difficoltà, piazzando un 10-3 in un momento della gara per niente facile. Gli ultimi minuti? Abbiamo giocato per la differenza canestri, certo, ma lo abbiamo fatto più che altro per maturare una esperienza di queste situazioni che potrà tornarci utile in futuro. Non siamo stati bravissimi nel farlo, comunque abbiamo raggiunto l’obiettivo”.

PIERO BUCCHI (coach Enel Brindisi):Non serve guardare le statistiche per commentare questa sconfitta. Abbiamo avuto un pessimo approccio alla partita, e questo è stato decisivo nell’economia del match. Nel secondo tempo la squadra si è compattata, ma non è bastato. Parlerò con la squadra e con i ragazzi di quanto fatto stasera, poi potrò dire qualcosa di più. Martedì saremo di nuovo in campo in Coppa, poi da venerdì saremo alle Final Eight. Possibile che conti anche la stanchezza, mentale in particolar modo”.

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author