Serie A1 femminile: Techmania Battipaglia, un nono posto che rende orgogliosi

La settimana delle riflessioni, quelle che toccano alla Techmania Battipaglia al termine della prima stagione in serie A1. Poco importa se i playoff sono svaniti proprio all’ultimo, in casa PB63Lady si deve essere orgogliosi per quello che si è fatto.

Un lavoro ideato dalla proprietà, portato avanti dall’esperienza di coach Riga e dal suo staff ed infine messo in pratica dalla squadra. Una squadra sorretta dal capitano Marida Orazzo, per lei 78 presenze e 707 punti realizzati in tre anni.

Un nono posto in classifica che significa cosa?

Rappresenta un buon risultato per una squadra giovane come la nostra, soprattutto poi se consideriamo che questo per noi era il primo anno in A1. Penso che, nonostante tutto, possiamo ritenerci soddisfatte”.

C’è un rimpianto?

Un po’ di rammarico c’è perché in fondo, secondo me, meritavamo di andare ai playoff. Se avessimo avuto quei 4-6 punti in più che abbiamo buttato in partite abbordabili non ci saremmo ritrovate ad aspettare il risultato di Cagliari”.

La prima stagione da capitano come la giudichi?

Emozionante e positiva. La squadra ha dato tutto quello che aveva, era normale un calo. Abbiamo pagato la poca esperienza”.

Commenta
(Visited 31 times, 1 visits today)

About The Author