Serie A2 femminile: Castelcarugate, ritorno alla vittoria

In altri modi ed in altri tempi, la partita casalinga contro Muggia si sarebbe potuta considerare un ostacolo facile da superare, ma ieri pomeriggio le situazioni erano molto più complesse. Carugate arrivava da tre sconfitte consecutive, mentre Muggia dalla vittoria contro Viterbo. Per Carugate lo spettro di essere risucchiata nella zona playout, per Muggia l’ultima chance per evitare la retrocessione, così è stata partita vera. Le giuliane partivano subito col piglio giusto la slovena Masic siglava un 0-6 iniziale a loro favore, con la Castel contratta, che sbagliava facili conclusioni da sotto, poi si sbloccava Cagner, tre canestri per lei nel primo quarto, movimenti da pivot, che lasciavano sul posto Mezgec. A seguire era Frantini che dalla media segnava i canestri del sorpasso, per chiudere la prima frazione sul 15-12. Per limitare i falli e per non tirare il collo alla stessa Frantini, in pessime condizioni fisiche, i coach Gavazzi e Puopolo decidevano di passare a zona, e Muggia si impantanava sulla difesa biancoazzurra bloccandosi a 16 punti per svariati minuti fino alla conclusione del quarto. Castel ne approfittava per mettere a segno il primo break della giornata, che poi si dimostrava quello vincente. La solita Cagner siglava con due punti dall’angolo il 27-16 che mandava le squadre negli spogliatoi. Nulla è scontato nella ripresa, una scatenata Masic, ribatte colpo a colpo le conclusioni di Giunzioni e delle due lunghe locali, Casartelli e De Gianni, e il 41-31 dopo 30’ non garantiva ancora la vittoria per Castel. Negli ultimi 10’ di gioco, si alzano dalla panchina la capitana e vice capitana Robustelli e Colombo, e sono proprio loro a chiudere il match. 1/1 da due 1/1 da tre per Colombo, scavano il +14 per la Castel, ci pensa poi Robustelli, 1/1 da due e 2/2 da tre, chirurgicamente e senza un errore al tiro, sanciscono la chiusura del match in favore di Carugate. Dopo la pessima prestazione di Sabato scorso con Biassono di tutta la squadra, è il pacchetto lunghe, Cagner-Casartelli-DeGianni, con 25 punti, e le due esterne partite dalla panchina, Colombo-Robustelli, con 13 punti, a dare una svolta alla partita, segnali incoraggianti in vista dell’incontro del 12 Aprile, sempre in casa, contro Albino, che potrebbero sancire definitivamente e matematicamente, la salvezza per Carugate, con tre giornate di anticipo. Da segnalare l’esordio in serie A della giovane Marta Pettrone, 16 anni, del vivaio carugatese.

Castel Carugate – Querciambiente Muggia 60-46 ( 27-16 )

Carugate : Cagner 10, Giunzioni 9, De Gianni, Robustelli, Frantini 8, Casartelli 7, Colombo e Stabile 5

Muggia : Masic 22, Policastro 7, Castelletto 6, Zizola 5, Mezgec 4, Capolicchio 2

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author