Serie A2 femminile: il Sanga prima crolla poi rimonta, ma alla fine sorride ancora Salerno

Il Ponte Casa d’Aste Milano non sfata il tabù Salerno, le ragazze di coach Franz Pinotti prima affondano, poi recuperano con orgoglio e carattere ma alla fine non completano la rimonta e la Carpedil chiude con un 2-0 il back to back con le milanesi. Sconfitta che porta con se, ormai come di abitudine, anche altri acciacchi ed infortuni con i due play Rossi e Bottari uscite malconce dalla sfida del PalaSilvestri. Ora per le Orange chiusura in casa contro Roma per ritrovare le residue energie e la voglia di regalarsi un ultimo successo davanti al pubblico amico.

LA GARA

Partenza subito in salita per Milano che patisce il ritmo e la maggiore organizzazione delle avversarie. Valerio ed Insfran-Gonzales sono sempre una sentenza ma è Ardito (14 con 11 rimbalzi) questa volta a fare la differenza sotto i tabelloni ribaltando la superiorità del Sanga nella sfida di martedì, 38-30 per la Carpedil il dato alla sirena finale. Le ospiti provano una reazione guidate da Colli e Ruisi, di Giulia Rossi il canestro del meno 2 alla fine del primo quarto, 13-11. E’ un fuoco fatuo spento subito dalla maggiore reattività ed organizzazione delle campane che allungano con decisione, Insfran-Gonzales prende per mano la squadra e guida Salerno al massimo vantaggio, 32-17 all’intervallo. Spartito che non cambia ad inizio ripresa, Il Ponte Casa d’Aste affonda travolto dall’intensità delle avversarie, 41-19 e gara che sembra ormai in archivio. Alle Orange non ha mai fatto difetto l’orgoglio, si scatenano Colli e Ruisi, arriva l’eccellente impatto di Giulia Trianti (MVP per agonismo ed efficacia) che sigla due triple di capitale importanza e mette il bavaglio ad Insfran-Gonzales. Milano arriva ad un passo grazie alla grinta di Bottari prima e Falcone poi, 54-50 ad un minuto dal termine. Il piccolo miracolo del Sanga si ferma però qui, come nella gara del PalaGiordani manca lo sprint e la lucidità per chiudere la rimonta, Salerno ancora una volta chiude rischiando ma strappa un altro successo in questa eccellente seconda fase.
A fine gara coach Fran Pinotti analizza la sconfitta al PalaSilvestri: “Le ragazze hanno dimostrato un grande carattere nella ripresa, purtroppo non è bastato per vincere la partita. Abbiamo avuto anche la palla per il pareggio sul 46-48, poi nel finale abbiamo pagato ancora una volta il dazio degli infortuni (fuori entrambi i play Rossi e Bottari), bella la reazione delle giovani con Falcone e Trianti (2 bombe e 2 stoppate su Insfran-Gonzales). Proviamo a vedere il bicchiere mezzo pieno, ci saranno da rivedere alcune cose ma scorgo segnali molto positivi in prospettiva per il prossimo anno”.

 

 

Carpedil Salerno: Insfran-Gonzales 16, Ardito 14, Valerio 13, Dentamaro 5, Viale 4, Braida 3

Il Ponte Casa d’Aste Milano: Ruisi 13, Rossi 11, Colli 10, Trianti 6, Bottari e Calastri 4, Falcone 2

Commenta
(Visited 13 times, 1 visits today)

About The Author