Serie A2 femminile: Rossi e Ruisi piegano la Virtus Cagliari, per il Ponte Casa d'Aste la salvezza è ad un passo

Successo fondamentale nel cammino verso la salvezza anticipata per Il Ponte Casa d’Aste, le ragazze di coach Franz Pinotti fermano ancora la Virtus Cagliari ed ora sono ad una sola vittoria dalla matematica permanenza in A2. Gara sempre controllata dalle Orange che però non sono mai riuscite a dare il colpo del KO, un po’ per mancanza del solito killer instinct, ed in parte per la grinta di Bedalova e compagne che non hanno mollato sino alla fine nonostante lo svantaggio spesso in doppia cifra. Decisiva la prova della coppia Ruisi e Rossi, la double R delle Orange (17 punti a testa) sforna una prestazione super in termini di grinta, aggressività ed efficacia. Di Ruisi i 5 punti che ricacciano indietro la Virtus nel momento della sfida, del play di Legnano le incursioni ed i liberi della staffa. In caso di successo nella trasferta di Alghero della prossima settimana per le Orange sarà salvezza certa.

LA GARA
Partono come sempre con le marce alte le Orange che cercano prima con insistenza le lunghe Calastri e Contestabile, della lunga varesina anche la zampata per il primo tentativo di fuga di Milano. E’ al solito però la velocità di esecuzione e la buona pressione difensiva a generare il primo vero break del Sanga, volano Rossi e Ruisi con la guardia di Segrate che è ancora una volta letale dall’arco come nella gara di andata, 21-9 il primo parziale. Le sarde provano a reagire aumentando l’intensità difensiva e cercando con maggiore insistenza la pericolosa Bedalov, un paio di siluri di Saba e Fava riportano sotto la doppia cifra lo svantaggio delle ospiti all’intervallo, 34-25. E’ un Sanga motivato e che vuole cercare il colpo del KO quello che entra in campo dopo la pausa lunga. Si dilata il vantaggio delle padrone di casa con buone iniziative della rientrante Maffenini (11 con 9 rimbalzi a referto), netta la superiorità Orange anche in area colorata, 45-28 il massimo divario. Si ferma sul più bello la squadra milanese che perde di brillantezza in attacco, Ruisi è costretta ad uscire per qualche minuto, Bedalov sale improvvisamente di colpi con una serie di canestri di classe purissima, Giorgi dall’angolo riporta a meno 7 Cagliari, 55-48. E’ il momento di massima difficoltà ed immediata arriva la risposta della rientrante Ruisi e di Rossi. La prima piazza una tripla di importanza capitale che esalta il PalaGiordani, la seconda confeziona 3 minuti tutta sostanza e leadership, compresi i liberi che mettono in cassaforte il risultato e, probabilmente, anche l’agognata salvezza, 65-56 il finale.

A fine partita Carlotta Falcone descrive tutte le emozioni di una gara che è lo specchio fedele della stagione delle Orange:” La vittoria di oggi rappresenta un risultato importantissimo, un passo decisivo verso la salvezza ed una bella iniezione di fiducia per tutte noi dopo aver attraversato un momento davvero difficile. Durante la sfida è emerso tutto il nostro carattere, il nostro orgoglio, un gruppo che nonostante difficoltà, infortuni, non accampa scuse ma trova invece la forza e l’energia per reagire, sempre. E lo faremo anche nelle prossime partite, ci sentiamo pronte per affrontarle con lo stesso entusiasmo, unite più che mai per concludere al meglio questa stagione che, personalmente, mi ha regalato emozioni indescrivibili”.


Il Ponte Casa d’Aste Milano: Rossi e Ruisi 17, Maffenini 11, Contestabile 7, Colli 6, Calastri 5, Falcone 2.
Virtus Cagliari: Bedalov 24, Giorgi 8, Fava 6, Innocenti e Saba 5, Oppo 3, Mastio e Mura 2, Dettori 1.

Commenta
(Visited 12 times, 1 visits today)

About The Author