Serie A2 femminile: terzo sigillo per il Ponte Casa d’Aste, battuta la Mercede Alghero

Prosegue il buon momento de Il Ponte Casa d’Aste, le ragazze di coach Franz Pinotti travolgono la Mercede Alghero, priva del totem Carolina Sanchez, e timbrano la terza vittoria consecutiva nella seconda fase. Decisiva la partenza a razzo delle Orange che sfruttano tutta la loro abilità in transizione, protagoniste come sempre Giulia Maffenini e Valentina Ruisi (35 punti combinati) ispirate dalla regia di Federica Bottari. Calano un po’ di tono nella parte centrale della sfida le padrone di casa che subiscono la grinta di un’indomita Azzellini, il rientro in campo dopo tre partite ai box di una scatenata capitan Gottardi chiude i giochi per l’allungo torrenziale di Milano.

LA GARA
Concentrazione e difesa ai massimi livelli per le Orange che sono semplicemente incontenibili in avvio. Le mani velenose di Colli, Ruisi e Maffenini producono comode transizioni per l’immediato allungo de Il Ponte Casa d’Aste, 10-2. Alghero fatica a trovare soluzioni offensive patendo in modo consistente l’assenza della grande Carolina Sanchez. Milano ne approfitta e vola in contropiede con Bottari che regala preziose assistenze che ancora Maffenini ed una Ruisi ancora “on fire” capitalizzano nel clamoroso 34-10 con cui si conclude la prima frazione. Le Orange staccano un po’ presto il pedale dall’acceleratore ed Alghero ne approfitta trovando buoni canestri con la promettente Lucrezia Zanetti e qualche fiammata di Carla Spiga e Francesca Boi, 45-28 il parziale a metà gara. Dopo la pausa lunga il Sanga non riesce a ritrovare il ritmo e la brillantezza dei primi minuti, arrivano i 4 falli di Colli ed Alghero ha la forza per arrivare a meno 14 trascinata dall’orgoglio di Azzellini, 30 punti e 7 rimbalzi per il play delle ospiti. Nel momento di maggiore difficoltà è Silvia Gottardi a ridare serenità alle Orange. Al rientro dopo tre turni di stop per un problema alla caviglia il capitano produce 14 minuti sinfonici, migliora le spaziature offensive e mette a referto 21 punti con 28 di valutazione complessiva. Alghero non ha più risorse nonostante il coraggio di Petrova che prova ad arginare lo strapotere di Calastri, 21 con 16 rimbalzi per il centro di Varedo, ed il Sanga finisce sul velluto controllando il finale, 90-64.
A fine gara grande soddisfazione in casa Orange per la terza vittoria, ora per le milanesi arriva un quanto mai opportuna settimana supplementare di riposo concessa dal calendario, come conferma il play Federica Bottari a fine partita: “Siamo molto soddisfatte per il modo con cui abbiamo approcciato la gara di oggi. Aggressive e concentrate in difesa dove abbiamo prodotto subito il massimo sforzo per recuperare palloni importanti per azionare la transizione. E quando abbiamo la possibilità di giocare in contropiede tiriamo fuori il meglio del nostro repertorio fatto di velocità e rapide esecuzioni offensive. Una vittoria importante che arriva proprio prima della pausa, necessaria per permetterci di recuperare dai tanti guai fisici che ci hanno attanagliato in questa fase di stagione, oggi è stato intanto molto importante riavere il nostro capitano Silvia Gottardi che ha dimostrato tutta la sua classe con un grande secondo tempo”.

Il Ponte Casa d’Aste Milano: Gottardi e Calastri 21, Maffenini 19, Ruisi 16, Colli 5, Taverna, Bottari, Falcone e Valli 2.
Mercede Alghero: Azzellini 30, Zanetti 14, Petrova 8, Spiga e Boi 6

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author