Serie A2 Gold: continua la maledizione Verona per il Brescia

Una serata di grande pallacanestro, in un PalaOlimpia caldissimo, si chiude con la vittoria della Tezenis Verona sulla Centrale del Latte Brescia con il punteggio di 84-76. Ma la Leonessa ha dato ancora una volta prova di grande compattezza e cuore, lottando dall’inizio alla fine e ricucendo più volte gli strappi che la Scaligera creava grazie soprattutto alle giocate di De Nicolao e Monroe. Quattro giocatori in doppia cifra per la Leonessa: Brownlee con 21, Cittadini con 14, Loschi con 13 e Alibegovic con 11.

Inizio scoppiettante al PalaOlimpia, con Monroe e Cittadini subito protagonisti sotto le plance. Brescia gioca però, sin dal primo minuto, con la faccia e l’intensità giusta: Roberto Nelson scalda la mano da oltre l’arco e con il tiro pesante trova il primo vantaggio della serata sul 7-5. La risposta di Verona non tarda però ad arrivare, con Umeh e De Nicola protagonisti e c’è il +7 dei padroni di casa dopo il canestro di Darryl Monroe. Brescia riceve e risponde, questa volta con Juan Fernandez che, nonostante una settimana travagliata causa infortunio al ginocchio rimediato con Trieste, è caldissimo e mette subito a referto due bombe consecutive che fanno esplodere i 600 tifosi bresciani presenti al PalaOlimpia. Verona risponde da grande squadra con due triple consecutive di Ndoja e De Nicolao e il primo quarto si chiude con i padroni di casa in vantaggio (30-25). Brescia apre i secondi 10 minuti con un parziale di 6-0 firmato da Loschi, Fernandez e Alibegovic, che vale nuovamente il vantaggio per la Leonessa sul punteggio di 30-31. Continua però il valzer dei parziali, questa volta con Verona protagonista: Giuri e soprattutto Monroe, costruiscono un 8-0 per il nuovo +7, che diventa +4 dopo i liberi di Passera. Il distacco rimane invariato per qualche minuto, fino alla tripla di Boscagin che sancisce il -9 (50-41) alla pausa lunga.

Al rientro in campo arriva l’immediato -12 per la tripla di Umeh, che dà una scossa ai ragazzi: parziale di 10-0 costruito dalla spettacolare coppia Fernandez-Brownlee, che riporta a sole due lunghezze la distanza tra le due squadre e incendia i tifosi della Leonessa, ammutolendo il PalaOlimpia. Verona trova però ancora la forza di reagire alle offensive bresciane, ritornando a +6 in poco più di 30 secondi: il terzo quarto è chiuso da una magia di Alibegovic sulla sirena che permette a Brescia di arrivare all’ultimo quarto con soli quattro punti di distacco (61-57). Verona vola a +6 nei primi minuti dell’ultimo quarto ma Brescia, con un parziale di 5-0 propiziato da un canestro di Alibegovic e uno spettacolare gioco da tre punti di Brownlee si riporta nuovamente a -1. La reazione di Verona è portata da Capitan Boscagin che realizza 5 punti fondamentali per ridare vigore a una Scaligera un po’ scarica: il fallo e canestro di Umeh scava un solco di 9 punti che la Leonessa prova a riempire con voglia ed energia ma al massimo arriva un -5. Verona controlla con grande freddezza gli ultimi possessi di gioco e porta a casa il derby del Garda.

Tezenis Verona 84

Centrale del Latte Brescia 76

Parziali: 30-25; 20-16 (50-41); 11-16 (61-57); 23-19 (84-76)

Arbitri: Masi, Ciano, Pepponi

Tezenis Verona: Umeh 19, Reati 5, De Nicolao 11, Boscagin 10, Bartolozzi ne, Ndoja 9, Mazzantini ne, Gandini 5, Giuri 5, Monroe 20 (12 rimbalzi). All. Ramagli

Centrale del Latte Brescia: Fernandez 9, Cittadini 14, Bolis ne, Alibegovic 11, Benevelli, Loschi 13, Passera 3, Tomasello ne, Nelson 5, Giammò, Bronwlee 21. All. Diana

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author