Serie A2 Gold: la Novipiù soffre ma supera Napoli

Importante quanto sofferta vittoria della Novipiù che espugna il PalaBarbuto. Superata un’incerottata Givova Flor do Cafè Napoli, costretta a rinunciare anche a David Brkic, con rotazioni così ridotte all’osso. Nella seconda parte di gara i rossoblù salgono di intensità, piazzando il break decisivo. In evidenza, Andrea Amato, top scorer del match con ben 18 punti.

LA PARTITA – Parte bene la Junior col canestro di Natali che realizza anche il libero aggiuntivo per il 3-0 rossoblù. Primi punti partenopei ad opera di Allegretti che interrompono il break iniziale rossoblù: 8-2 dopo 3’ di gioco. Dopo il canestro dell’ex rossoblù Ganeto, tocca a Marshall siglare il 13-4 con cui la Novipiù si porta al massimo vantaggio. Napoli lotta, ma soffre sotto le pance, (vista anche l’ulteriore assenza di David Brkic) concedendo seconde chance ai ragazzi di coach Ramondino: 22-9 a poco più di 1’ dalla prima sirena, grazie al sottomano di Amato. Prima frazione chiusa dal break di 5-0 firmato da Traini e Ganeto che fissa il punteggio sul 22-14 per Casale. Ancora Napoli in apertura di secondo quarto: Traini costruisce per Allegretti che riporta i suoi al -5 (27-22), a meno di 7’ dall’intervallo lungo. La zona allungata ed il gran cuore della Givova creano più d’una difficoltà alla Novipiù, costretta a sparare a salve dalla lunga, subendo il rientro di Napoli (32-32 a 1’ dalla seconda sirena), coi liberi di Allegretti e Tomassini a fissare il punteggio sul 38-34 all’intervallo. Casale sembra rientrare bene sul parquet, segnando un illusorio 4-0, prima della reazione dei padroni di casa che ritrovano la parità a quota 42, grazie alle giocate di puro talento di Allegretti. Amato e Marshall infilano le due triple con cui la Novipiù riallunga sul 52-44, per arrivare al massimo vantaggio di +12,  a meno di 1’ dalla terza sirena, chiudendo poi il quarto avanti 57-47. La Junior allunga ancora in apertura di ultima frazione, mettendo 16 punti tra sé e la Givova Flor do Cafè, controllando il match e mantenendosi sempre avanti (68-52, a 3’30” dal termine). Alla sirena finale è la Novipiù a vincere per 76-62, rendendo però l’onore della armi ad una Azzurro Napoli mai doma.

GIVOVA FLOR DO CAFE’ NAPOLI – NOVIPIU’ CASALE 62-76 (14-22, 34-38, 47-57)

GIVOVA FLOR DO CAFE’ NAPOLI: Cacciapuoti ne, Bianco ne, Allegretti 13, Sabbatino 17, Traballesi, Esposito 2, Testa, Ganeto 20, Traini 10   All. Calvani

NOVIPIU’ CASALE: E. Giovara, Amato 18, Tomassini 10, Natali 10, Blizzard 9, Martinoni 2, Fall 6, L. Valentini ne, Samuels 6, Marshall 15   All. Ramondino

Ramondino: “Costruiti buoni tiri nella seconda parte di gara”

Il coach dopo Napoli-Casale

RAMONDINO: “COSTRUITI BUONI TIRI NELLA SECONDA PARTE DI GARA” – “Sapevamo che partivamo  favoriti, viste le vicissitudini sofferte dal roster di Napoli con l’assenza per infortunio di Malaventura e di Brkic. Per questo eravamo preoccupati di dover prendere subito l’iniziativa per imporci nella partita, avendo però grande rispetto delle qualità messe sul parquet dai partenopei: qualità non solo emotive, ma anche tecniche. L’assetto con Ganeto e Allegretti sotto le plance, utilizzati come ‘finti’ lunghi, poteva crearci problemi nella nostra fase difensiva, senza poi costringere la Givova a pagare dazio nelle loro azioni di difesa, fase in cui proteggevano l’area con cambi sistematici e zona. Abbiamo avuto un buon approccio alla partita, iniziando bene, ma andando in difficoltà poi nel secondo quarto, anche probabilmente a causa del mio errore nell’utilizzo del pressing. Nella seconda parte siamo andati meglio, grazie ad un leggero calo fisico di Napoli ed alla nostra miglior costruzione dei tiri, seppur abusando troppo delle conclusioni da 3 punti, forzate anche dal loro ‘sfidarci’ a tirare da fuori. Ora arriva un’altra sosta che ci costringe a fermarci prima della prossima gara con Trapani che rappresenterà per loro un dentro/fuori nella corsa di qualificazione ai playoff. Dovremo essere bravi ad organizzare bene il lavoro, gestendo al meglio le energie emotive per arrivare al massimo alla partita”.

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author