Serie A2 Silver: trionfo per Roseto contro Imola

MEC-ENERGY ROSETO-ANDREA COSTA IMOLA: 86-73

Roseto: Pitts 15, De Dominicis, Borra 18, Ferraro 6, Bartoli, Marini 6, Janelidze 6, Bryan 6, Jackson 23, Moreno 6 All: Trullo

Imola: Bushati 14, De Nicolao 12, Maganza 8, Prato 9, Bartolucci 4, Anderson 9, Guazzaloca, Hassan 3, Preti, Perry 14 All. Ticchi

Arbitri: Cappello, Maschio, Nuara

Note: Roseto: 33/73 dal campo, 24/46 da 2, 9/27 da 3, 11/13 ai liberi, 46 rimbalzi (14 off), 18 assist, 10 palle perse, 3 palle recuperate, 108 di valutazione. Imola: 27/75 al tiro, 18/43 da 2, 9/32 da 3, 10/12 ai liberi, 38 rimbalzi (13 off), 10 assist, 6 palle perse, 2 palle recuperate, 60 di valutazione. Usciti per 5 falli: nessuno. Turno di A2 Silver: 24°. Luogo: PalaMaggetti. Spettatori: 3000.

Roseto torna a vincere tra le mura amiche del PalaMaggetti, regolando Imola con il risultato di 86-73, infilando la 6^ vittoria nelle ultime 8 uscite. Numeri che testimoniano il gran momento della squadra biancazzurra, che, davanti alle telecamere di Sky e a un grande pubblico (assolutamente da categoria superiore), compie la sua missione e si aggiudica meritatamente i 2 punti. Vittoria che consente ai ragazzi di coach Trullo sorpassare in classifica proprio Imola: entrambe a quota 22 punti, ma gli Sharks con lo scontro diretto in proprio favore in virtù dello scarto di 13 punti di questa sera. Prima della partita, bellissimo momento: Rauf, ospite d’eccezione al PalaMaggetti, è stato premiato dagli Squali con il ritiro della maglia numero 5, che aveva indossato nella serie A 2004/2005 nella sua avventura a Roseto. Ovazione del pubblico per il Califfo, indimenticato malgrado siano passati ben 10 anni. Spettacolo sugli spalti durante la gara, con i 1.500 “manoni” in stile NBA (consegnati gratuitamente al publico), che hanno colorato le tribune del palazzetto, gremito e pieno di entusiasmo.

Tornando al match, alla palla a due i padroni di casa schierano Pitts, Jackson, Moreno, Janelidze e Bryan. Risponde Imola con De Nicolao, Prato, Guazzaloca, Perry e Maganza. L’inizio è molto equilibrato ed è caratterizzato da continui sorpassi e contro-sorpassi. Imola accelera negli ultimi minuti, così da allungare nel finale di primo quarto fino al 16-21. All’inizio della seconda frazione, però, gli Sharks si rifanno sotto e prima della metà del quarto tornano in vantaggio (27-25). Roseto continua a tenersi avanti (massimo vantaggio 37-32); la sirena dell’intervallo lungo arriva su una tripla del play biancorosso De Nicolao, per il 37-35.

Nel terzo quarto l’equilibrio continua a fare da padrone: i romagnoli tornano anche avanti nel punteggio, ma Pitts e Bryan permettono alla Mec-Energy di ritornare in vantaggio. Grazie a una delle 5 triple messe a segno da Jackson, i biancoazzurri trovano ben 10 lunghezze di vantaggio (56-46). Al 30° minuto il distacco è ancora più ampio: addirittura 15 punti, sul 61-46. L’ultimo periodo si apre con un 5-0 per la Andrea Costa che tiene ancora i giochi aperti sul 61-51. Roseto cerca l’allungo decisivo, con Pitts e Borra sugli scudi, ma gli ospiti non mollano e riescono a rimanere sempre sotto le dieci lunghezze di svantaggio. Jackson sigilla la partita dalla linea della carità, con un 2/2 che vale il nuovo +15 (80-65), e spegne definitivamente le speranze di rimonta dei biancorossi. Il trionfale finale di partita (86-73) aumenta ancora di più l’entusiasmo e il clima di festa dei 3000 spettatori presenti sugli spalti. Una serata memorabile, che resterà per sempre nel cuore di tutti gli Sharks, compreso Mahmoud Abdul-Rauf.

Commenta
(Visited 12 times, 1 visits today)

About The Author