Serie B femminile: la Carpedil espugna Alghero nello scontro salvezza

Ad Alghero è passato lo straniero. Palpitante il finale, ma la Carpedil Salerno di coach Falbo ha saputo gettare il cuore oltre l’ostacolo al PalaCorvia, guidata da una superlativa Insfran: successo pesantissimo per le campane in chiave salvezza (54-58) ottenuto in casa della Mercede, che resta così inchiodata all’ultimo posto. Le granatine ottengono i primi punti della poule retrocessione e salgono al penultimo a quota 2.

Equilibrio e sofferenza sul parquet, fin dai primi dieci minuti di gioco, chiusi sul 13-17 per la Carpedil che allunga a inizio secondo quarto: tripla di Insfran, 15-20, Alghero prova a rispondere ma Salerno è reattiva e va all’intervallo lungo sul +8 (25-33). Sarà di 11 punti il massimo vantaggio ospite prima del tentativo di rimonta della Mercede, che trova la forza di rifarsi sotto e chiudere sul 39-41 il terzo periodo. Solito black out della Carpedil. Che stavolta, però, reagisce alla grande. Ultimo quarto vietato ai deboli di cuore: dopo un’intera gara avanti, Salerno va sotto a 7’ dalla sirena (46-44) ma riesce a tornare a galla grazie allo show di Insfran nel giro di un minuto (46-48). Si procede punto a punto (50 pari a 5’ dal termine), ma alla fine la spunta Salerno col 54-58 finale che manda in visibilio la truppa cara a patron Angela Somma. Grossa prestazione da parte di tutte: vitale l’esperienza iniettata ad Braida nei momenti difficili del match, importanti i ritmi elevati tenuti da De Mitri, un vero e proprio “draghetto” per le avversarie.

Complimenti alle ragazze che hanno fatto il proprio dovere, lavorando ognuna per due – ha detto coach Paolo Falbo a fine partita, stanco ma felice – Alghero aveva Sanchez e Petrova che fisicamente ci sovrastavano ma abbiamo dato l’anima e siamo riusciti a tenere la partita praticamente sempre, tranne che su un passaggio poi subito recuperato. Il terzo quarto in affanno? Siamo arrivati anche a +11, nell’equilibrio della squadra poi è normale un momento di calo, si tratta pur sempre di ragazze molto giovani, per gran parte. La vittorie è un premio al grande impegno messo in settimana durante gli allenamenti e, naturalmente, in partita. È una soddisfazione importante, benzina nel serbatoio per continuare a lavorare sodo e crederci sempre più. Io ho fatto il possibile, sono soddisfatto perché so che si tratta di un’avventura complicata, ma mi piace lavorare con le giovani e il programma che il presidente ha in mente è stimolante. Se poi verranno i risultati, la soddisfazione sarà doppia”.

TABELLINO – MERCEDE ALGHERO-CARPEDIL SALERNO 54-58 (13-17; 25-33; 39-41)

ALGHERO: Sanchez 22, Azzelini 15, Petrova 7, Zanetti 6, Boi 4, Trubia ne, Canu ne, Sow, Gagliano ne, Solinas, Caneo ne, Spiga. Coach: Barria.

SALERNO: Valerio 11, Dentamaro 7, Insfran 14, Braida 9, De Mitri 10, Ardito 4, Maggiore 2, Viale 1, Carcaterra ne, Assentato ne. Coach: Falbo.

Arbitri: Mauro Pansecchi di Pavia e Marco Gazzè di Como

Commenta
(Visited 10 times, 1 visits today)

About The Author