Serie B Femminile: Luigia Boccadamo a Tuttobasket."Partite in sordina, poi siamo diventate squadra! La classifica? Un riconoscimento importante!"

Pugliese, classe’94 e mattatrice della classfica delle ‘bomber’ del campionato di Serie B 2016/2017 che ha visto chiudere i battenti con la stagione regolare e la fase ad orologio e si appresta ad entrare nel vivo con i play off per l’accesso alla Serie A2.

302 punti messi a segno in 18 partite, e una ultima fase di campionato, quella ad orologio a cifre davvero elevate. Venti punti di media  ad allacciata di scarpa. Così si può presentare la stagione di Luigia, Gigia Boccadamo della Virtus Ariano Irpino, mattatrice della classifica marcatrici!

L’abbiamo intervistata noi di Tuttobasket.net!

 

Avventura ad Ariano: siete partite lente e timorose Poi un cambiamento.. Ci racconti cosa è cambiato? 

‘Si questo è assolutamente vero. Siamo partite abbastanza con il freno a mano tirato. Questo penso sia stato dovuto essenzialmente alla nostra giovane età. Un gruppo di giovani, alcune giovanissime , di cui alcune alla prima esperienza fuori casa, fattore da non sottovalutare. Un gruppo creato completamente nuovo e quindi abbiamo impiegato forse qualche allenamento di troppo per creare quel gruppo affiatato che poi ci siamo dimostrate. Abbiamo lavorato duramente , giorno dopo giorno cercando di trarre il meglio da noi stesse, focalizzandoci su tecnica e lavoro in sala pesi. La nostra allenatrice, con allenamenti mirati, ha cercato di risolvere e lavorare sui nostri limiti e punti deboli. Ci ha fatto capire come affrontare al meglio e con maggiore tranquillità le partite. Forse in noi, giorno dopo giorno è cresciuta la consapevolezza dei nostri mezzi e le potenzialità che avevamo e quindi sono iniziate ad arrivare le prime vittorie!’

La serie B Campana,  cosa pensi?

‘La serie B campana sicuramente un campionato molto difficile. Campionato difficile in quanto molte squadre avevano componenti importanti, cioè ragazze molto esperte, provenienti anche da serie maggiori. È stato quindi molto impegnativo affrontare queste squadre e preparare al meglio le partite , anche da un punto di vista psicologico, ma ci abbiamo sempre creduto. Ogni partita rappresentava uno stimolo per confrontarci con ragazze sicuramente più esperte , ma è anche questo che ci ha permesso di crescere singolarmente e come gruppo. Io personalmente, riassumendo il campionato in 3 parole, l’ho trovato avvincente, stimolante e divertente!’

Hai vinto la classifica marcatrici che forse lascia il tempo che trova ma è un indizio della tua bella stagione.

 

‘Sembra banale dirlo , ma onestamente non me lo aspettavo . È sicuramente un riconoscimento importante che mi rende tanto soddisfatta di me stessa e delle stagione che ho svolto, in cui mi sono impegnata davvero molto. Certo è che senza le mie compagne non sarei riuscita ad essere la miglior realizzatrice del campionato. Hanno sempre creduto in me e mi è stata data tanta fiducia anche da parte dell’allenatrice . Devo e dedico questo raggiungimento a loro. D’altronde in un gioco di squadra, il singolo non può nulla!’

Ora ritrovi la tua Brindisi Ti è mancata? Le differenze con Ariano Irpino?

‘Ovviamente partire per Ariano ha significato lasciare la mia famiglia , i miei affetti e i miei cagnolini. E da salentina ho lasciato anche il mio mare e il mio sole . Temevo di perdere anche il calore dei tifosi che mi seguivano a Brindisi, ma così fortunatamente non è stato. Ad Ariano ho trovato una seconda famiglia e mi riferisco alla società che mi ha accolta e coccolata come una figlia, alle mie compagne che sono diventate le mie amiche e i miei punti di riferimento, e chiaramente a tutti i tifosi che anche nei momenti di difficoltà ci hanno sempre supportato , fornendoci sempre tanto affetto e calore. Ho potuto conoscere persone speciali che sono entrate nel mio cuore e che già mi mancano. Fin da subito Ariano è stata casa!’

 

Commenta
(Visited 125 times, 1 visits today)

About The Author