Serie B gir.A: per il Basket Golfo con Oleggio è l'ora della verità

Dopo l´inatteso stop con il Cus torino, il Basket Golfo non può più permettersi errori, quei play/off che sembravano cosa fatta non sono più così sicuri, da dietro le altre hanno iniziato a correre e si sono fatte sotto, con la nona, ovvero la prima esclusa, a soli due punti dal Piombino.
E´ pur vero che la Sangiorgese deve giocare una partita in meno rispetto a Piombino e il suo calendario non è facilissimo, Varese in trasferta e poi due gare casalinghe, ma con Livorno e Siena, ma è altrettanto vero che lo diventerebbe anche il nostro in caso di sconfitta , perché andare a prendere 4 punti, quelli che darebbero la certezza dei play/off, con le trasferte di Mortara e Pavia e la partita casalinga con Cecina, diverrebbe impresa non facile, c´è da dire che potrebbero bastare anche 24 punti ma occorrerebbe che le altre ci dessero una mano.
Per capire quanto si è complicata la strada per l´obiettivo stagionale, basti dire che anche quota 26 non darebbe allo stato attuale la certezza matematica dei play/off, perché potrebbero arrivarci sia la Sangiorgese che il Monsummano, quest´ultima ha infatti 4 partite da giocare e 18 punti, ma su quest´ultime, salvo arrivi a parità con più squadre, godiamo del vantaggio negli scontri diretti, c´è da dire che potrebbero bastare anche 24 punti, ma occorrerebbe che le altre ci dessero una mano.
E poi se per i primi quattro posti sembra non esserci più speranza, per la lotta dal quinto in giù è tutto apertissimo e una piazza migliore ai play/off potrebbe dare le speranze per un quarto non impossibile ed una possibile semifinale, che al meglio delle cinque gare, sarebbe un grandissimo spettacolo, magari contro Siena.
Ma aldilà dei numeri occorre capire se la squadra ha ancora, gambe, cuore e qualcosa che sta più in basso da mettere in campo, non c´è più spazio per rendimenti alterni, è il momento degli uomini veri, il momento di dimostrare attaccamento alla maglia, alla città ad una tifoseria che ci sarà anche domenica e sosterrà la squadra fino al termine.
Ieri nell´amichevole a San Vincenzo la squadra ha dimostrato che dal punto di vista fisico c´è e quindi occorre rimuovere rapidamente i blocchi mentali, quei blocchi che stanno impedendo a questa squadra di fare quanto è nel suo potenziale, questa squadra è stata capace di vincere a Valsesia, battere Livorno ed espugnare il Palaestra della mitica Mens Sana, non può essere quella vista con Torino.

I nostri avversari
In questa quartultima gara diella fase regolare del campionato 2014/15 si incontrano due squadre in serie negativa, nelle ultime 8 partite due vittorie per Piombino e una soltanto per Oleggio, i piemontesi hanno infilato tre sconfitte consecutive nelle ultime tre uscite, con Torino e Siena in casa e a Valsesia.
Squadra comunque viva, perché domenica con la corazzata senese ha a lungo comandato l´incontro, a raggiungendo anche il più 9 quasi alla fine del terzo quarto, per poi crollare letteralmente nel quarto finale dove trova il suo primo canestro solo a 3 minuti dal termine.
Il quintetto di Oleggio è composto dai due piccoli Luca Bernardi play classe 84 ex Don Bosco (2011/12) arrivato a stagione in corso per la defezione per infortunio di Mirco Cavallaro, con lui in regia l´altro esperto play Claudio Sacco, classe 81, entrambi ottimi tiratori dalla distanza, 32% per il primo con 10.3 punti di media e 35% il secondo con 14.6 punti, all´ala l´espertissimo e bravo Federico Ferrari che coi suoi 39 anni si permette ancora 15.3 punti di media col 34% dalla distanza, sotto le plance l´atletico Claudio Negri classe 85, giocatore capace di attaccare molto bene il canestro, come dimostra il suo 49% da due e i suoi 11.4 punti di media, la sue doti atletiche ne fanno anche il miglior rimbalzista del girone con 10.4 rimbalzi a partita ed infine l´ unico centro di ruolo, Devil Medizza classe 90, arrivato nel mercato estivo da Francavilla (DNB), per lui 10.3 punti col 62% da due e 8.7 rimbalzi .
Squadra quindi, come si può vedere dal quintetto, con giocatori di molta esperienza, dalla sua ha anche il vantaggio di avere un gruppo già affiatato, con Ferrari, Sacco, Negri e Remonti reduci della squadra che ha conquistato la promozione la stagione passata, non è molto lunga, sia nel senso dell´altezza, nessun giocatore sopra i due metri, che della profondità della panca, ma col rientro di Marco Remonti, ala classe 86, fermo a lungo per infortunio , ora coach Zanotti ha qualche rotazione in più e oltre a lui può contare sui due giovani arrivati dal mercato, il play Prato ed il lungo Crespi entrambi del 95, resta il fatto che sono molto sfruttati i primi cinque, infatti viaggiano tutti sopra i 30 minuti partita, mentre per il sesto uomo Remonti i minuti sono 20, per Prato 15 e per Crespi 11.
All´andata terminò 82 a 73 per Ferrari e compagni , in una partita dove Oleggio condusse dall´inizio alla fine, con Piombino che era arrivato all´incontro con defezioni e con giocatori recuperati in extremis e ovviamente non al meglio.

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author