Serie B gir.B: Apu Udine, battuta l'Urania Milano

La Gsa Apu Udine supera 82-68 l’Urania Milano nella terz’ultima di ritorno di B e torna alla vittoria dopo due sconfitte consecutive. La truppa di coach Luca Corpaci e del suo vice Federico Vignola piazza la zampata decisiva nell’ultimo quarto grazie alle iniziative di Mlinar e Piazza. Al cospetto del miglior impianto difensivo del girone B e nonostante l’assenza dello scavigliato Zampolli, la Gsa sfodera una solida prova corale. La valutazione finale lo testimonia: 93-50. Corpaci ridistribuisce le responsabilità, inserisce nel quintetto iniziale Anello e Fontecchio, riceve buone risposte anche dagli altri lunghi Pilotti e capitan Zacchetti e trova spazi importanti per il giovane Bacchin nel terzo e quarto periodo. All’alba del match, Milano scatta meglio (0-4 al 1’), ma dopo 3’42” perde Torgano a causa di una scavigliata. La Gsa produce immediatamente un break di 10-0 che le permette di arrampicarsi sul 10-4 al 3’. Il +4 esterno e il +6 interno sono i due massimi vantaggi toccati dalle due squadre nella prima metà della contesa. Segnale che l’equilibrio è una costante nel primo tempo. Dopo il riposo, Anello e Zacchetti danno due volte il +3 ai bianconeri (36-33 al 21’ e 39-36 al 23’), però i meneghini tornano avanti sul 39-42 al 24’. Alla fine, si rivelerà l’ultimo vantaggio ospite. Al 26’, la Gsa deve fare rifiatare Piazza gravato di quattro penalità, ma sono le triple a creare una forbice. Poltroneri ne mette due: 44-42 al 25’ e 47-44 al 26’. “Padre” Pilo una: 52-46 al 28’. Idem Di Viccaro: 55-47 al 29’. In avvio di quarto periodo, Mlinar segna di “rovesciata” proteggendosi con il ferro (65-55 al 33’) prima che Udine sprechi qualche occasione di troppo per allungare. Torna Piazza e l’ “architetto” dipinge il break decisivo, frutto di dieci punti nel rush finale (75-66 al 36’) che fanno da tappeto rosso alla tripla di Poltroneri che fa partire i titoli di coda (78-68 al 37’) e al massimo vantaggio di +14 finale. Tanti auguri di buona Pasqua a tutta l’Apu-mania!

GSA 82
MILANO 68

17-19, 34-33, 57-50

GSA APU UDINE
Anello 5, Piazza 12, Zacchetti 15, Mlinar 13, Di Viccaro 8, Pilotti 12, Bacchin, Fontecchio, Poltroneri 17; non entrato: Principe. Coach Corpaci.
URANIA MILANO
Stijepovic 6, Giovanelli 2, Del Vescovo, Torgano, Bazzoli 10, Paleari 25, Sartini 2, De Bettin 23; non entrati: Merlati e Pagani. Coach Ghizzinardi.
Arbitri Papini e Bellucci.
Note Tiri liberi: Gsa 14/22, Milano 13/20. Da tre: Gsa 8/21, Milano 13/20. Rimbalzi: Gsa 38 (Poltroneri 10), Milano 28 (Paleari 10). 5 falli: nessuno.

 

Così coach Luca Corpaci commenta la vittoria della Gsa Apu Udine per 82-68 sull’Urania Milano nella terz’ultima di ritorno di B.

«Abbiamo giocato una buona partita – dice Corpaci -, il segnale migliore è dato dal fatto che siamo cresciuti sull’arco dei 40 minuti. Nei primi due quarti, abbiamo giocato in modo un po’ superficiale facendoci ingolosire in attacco da ogni situazione e senza avere la dovuta pazienza. I milanesi, oltre a difendere forte, hanno avuto ottime percentuali da tre punti e siamo andati al riposo con un piccolo vantaggio. Poi, invece, pur non riuscendo mai ad ammazzare la partita, abbiamo avuto un rendimento costante che alla lunga ha fiaccato Milano. Ormai, siamo in pieno clima pre play-off. Oltre a provare a vincere le partite, dobbiamo dare un’occhiata alle condizioni dei singoli e della squadra guardando già oltre sia a livello tecnico che tattico. Dobbiamo arrivare nella miglior condizione possibile al primo turno e lavoreremo duro, per riuscirci, fin da domani. Il pubblico, in un sabato pre pasquale, è stato presente e si é fatto sentire. Sono bei segnali che danno fiducia e stimolo ad una squadra che ha bisogno di una città compatta e, come noi, alla ricerca di un grande obiettivo».

Commenta
(Visited 10 times, 1 visits today)

About The Author