Serie B gir.B: Erogasmet bella e sprecona contro la Fortitudo Bologna

L’Erogasmet disputa un’ottimo prova, esalta il pubblico del PalaCremonesi ma non riesce ad avere ragione di una Fortitudo scesa a Crema determinata ad incassare i due punti.
Gli uomini di Baldiraghi hanno spesso messo in difficoltà i titolati avversari, ma dalla metà del secondo parziale in avanti la maggior profondità della panchina di coach Boniciolli ha preso il sopravvento sulla combattività dei leoni biancorossi, sempre privi di Del Sorbo (stagione conclusa per il guerriero di Genova) e Cardellini (atteso al rientro in palestra nella prossima settimana).
Come nella gara d’andata, mattatore della serata nelle file ospiti è stato il playmaker Montano, autore di una prova da 25 punti col 62% dal campo e 34 di valutazione.
In casa cremasca era atteso al varco Daniele Manuelli, chiamato a sostituire Cardellini in regia. Il ventenne genovese ha sfoderato una prova di carattere, condita da accelerazioni improvvise e tagli verso il ferro che hanno messo a dura prova la difesa bolognese, in versione particolarmente fisica e sempre al limite del fallo.
Pronti via e Zanella punisce da tre la difesa fortitudina.
Gli fa eco Manuelli con una bella penetrazione ed i cinque punti di vantaggio conquistati verranno mantenuti dai cremaschi, con alterni riavvicinamenti e nuove accelerazioni, fino all’inizio del secondo quarto.
Colnago sfodera la migliore prova da un po’ di tempo a questa parte e crea continui problemi agli avversari, terminando la gara con 15 punti all’attivo.
È un gioco da tre punti del solito Montano a dare il primo vantaggio alla Fortitudo sul 24 a 25 poco prima della metà del quarto.
Bologna sembra poter allungare, ma l’Erogasmet tiene botta e si va all’intervallo sul punteggio di 34 a 40.
I biancoblu mettono in campo la grinta di chi vuole tornare nelle categorie che contano, pressando con determinazione su ogni rimessa cremasca e rubando diversi palloni.
Il divario tocca così la doppia cifra, con un massimo vantaggio di 14.
I biancorossi trovano grandi difficoltà nel trovare la via del canestro, la situazione falli si fa pesante per una formazione con il roster ridotto all’osso, ed ogni volta che lo svantaggio viene ridotto alla cifra singola arriva puntuale la tripla di Montano a ridare fiato alla Fortitudo.
Altro neo della prestazione cremasca è rappresentato dalla scarsa percentuale ai liberi: sarebbe probabilmente bastato fare un po’ meglio del misero 61% dalla lunetta per giocare punto a punto con gli avversari.
L’Erogasmet ha il merito di crederci sempre, tanto che all’ultimo minuto di gioco il gap è di soli 8 punti, sufficienti però a Carraretto e compagni per condurre in porto la vittoria e chiudere sul 75 a 63.
La standing ovation del pubblico del PalaCremonesi ripaga i leoni biancorossi degli sforzi fatti.
Ora l’obiettivo degli uomini di Baldiraghi è quello di chiudere il periodo difficile trovando ancora qualche affermazione prima di chiudere la prima stagione in B.

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author