Serie B gir.B: Erogasmet Crema, il campionato è salvo ma per l’orgoglio ancora due sfide.

I cremaschi soffrono la panchina corta

L’Erogasmet Crema perde a Lugo 73-64. Per la quarta giornata consecutiva i leoni biancorossi soffrono la panchina corta: ancora infortunati i titolari Cardellini e Del Sorbo.

L’Orva Lugo è stata in vantaggio quasi tutti i 40 minuti: solo nel primo e nel terzo quarto l’Erogasmet, stringendo i denti, è riuscita a conquistare il sorpasso. All’inizio dei due tempi, concentrati e freschi delle parole del coach Baldiraghi, i leoni hanno dimostrato il proprio spirito combattente e la voglia di vincere, ma con lo scorrere del cronometro la stanchezza aumenta e la lucidità svanisce.

Buona la difesa, ma il gioco offensivo è troppo individuale

Si presenta preparata l’Erogasmet dal lato del campo difensivo: ottimo il gioco sui blocchi, decisamente ben gestiti dai locali, Capitan Tagliaferri contiene Ruini spendendo tutti e 5 i falli individuali, Zanella conquista ben 16 rimbalzi (difensivi) e se le palle recuperate sono solo 6, sono incalcolabili ma decisivi i palloni sporcati alla formazione emiliana da Colnago e Ferri.

È in attacco che Crema perde il match: solo 22 i punti in area, nessun punto in contropiede e 13 palle perse. I 34 punti firmati da Alessandro Ferri, e i soli 2 assist di squadra in tutta la partita dimostrano la disorganizzazione del gioco che deve puntare sulle performance individuali.

Dall’altro lato del campo l’Orva Lugo gioca sulla costanza, mantenendo un ritmo discreto per tutto l’incontro e potendosi permettere una distribuzione più equilibrata di minuti e risorse: 22 minuti di media giocati dai singoli emiliani, 8,22 i punti (con in doppia cifra solo Ruini e Pederzini) e 7,65 i rimbalzi (Chiappelli 10).

I parziali biancorossi e lo sprint di Ferri sul finale

Siamo appena rientrati dall’intervallo lungo quando Ferri gioca l’azione più importante per risollevare il morale cremasco: il tiro da due punti realizzato con fallo subito e tiro libero supplementare a segno riporta il punteggio a proprio vantaggio 34-37. Lugo prova a riallontanarsi, ma Colnago non intende lasciarli passare e a 4 minuti dal termine della terza frazione mette a segno la tripla dell’ultimo sorpasso biancorosso: 42-43.

L’ultima frazione è completamente a vantaggio dell’Orva: a 5 minuti dalla sirena finale i ragazzi di coach Baldiraghi concedono troppo, e i padroni di casa ne approfittano per segnare il vantaggio più ampio dall’inizio dell’incontro: 71-56 a un minuto dalla fine. È Alessandro Ferri che non si arrende, e con le ultime due azioni ricostituisce l’orgoglio dei leoni biancorossi firmando due triple e riportando il gap alla cifra singola.

La situazione in campionato

La neo-promossa Erogasmet Crema può vantare la salvezza garantita matematicamente già 5 giornate prima della chiusura del campionato di Serie B; i gravi infortuni di Cardellini e Del Sorbo hanno sfumato il sogno play-off e il nuovo obiettivo dei leoni è quello di dimostrare l’integrità della squadra a prescindere dalle sfortune mediche.

Una sconfitta in più non può che aver demoralizzato ulteriormente la squadra cremasca, ma ricordando la grande performance contro la Fortitudo Bologna, sappiamo che l’Erogasmet può ritrovare la forza e l’energia per affrontare al massimo delle proprie capacità le ultime due partite della stagione: contro la capolista Cento (in casa, il 12 Aprile) e la trasferta lunga a Udine.

Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author