Serie B gir.C: Ecoelpidiese, ko a Rimini e stagione finita per Torresi

Crabs Rimini – Ecoelpidiense Bk PSE 90-77

CRABS: Perin 16 (1/2, 4/5), Tassinari 14 (1/5, 4/9), Chiera 8 (1/2, 2/3), Meluzzi (0/1), Cercolani 2 (1/3, 0/2), Biordi 4 (2/2), Perez 18 (4/6, 3/6), Aglio 2 (1/1), Crotta 26 (12/15), Hadzic ne. All. Mladenov.

ECOELPIDIENSE PSE: Torresi, Centanni 13 (2/6, 2/8), Fabi 14 (4/6, 2/3), Viozzi, Boffini 11 (1/1, 3/6), Salvatori, Romani 19 (6/6, 2/5), Quartieri ne, Vallasciani 8 (2/3, 0/3), De Leo 12 (3/6, 2/4). All. Schiavi.

RIMINI – Domenica nefasta per la Ecoelpidiense che cade al Flaminio per 90-77 contro i Crabs Rimini i quali possono festeggiare così la salvezza con due turni di anticipo. E’ stata l’ennesima giornata nera anzi nerissima perché come se non bastasse oltre alla sconfitta è arrivata la tegola dell’infortunio occorso a Diego Torresi. Per il lungo elpidiense stagione finita: rottura del perone destro. Resta difficile commentare una partita che è stata lo specchio di una stagione. Squadra volitiva, mai doma e mai arrendevole. Squadra che ha risposto colpo su colpo alla giornata stellare di un avversario che ha trovato percentuali assurde mai raggiunte nel corso della stagione. Tutti campioni alla vista dell’Ecoelpidiense. Questo, purtroppo, è quanto. Finchè le forze hanno retto i biancoazzurri sono stati in partita grazie ad un positivo Romani (19) e ai soliti Fabi, Boffini e Centanni. L’equilibrio non si è mai spezzato neanche quando nel terzo parziale Rimini ha toccato il +8 perché Vallasciani e Boffini hanno subito ricucito il gap chiudendo sotto di uno alla penultima sirena.
L’ultimo quarto, come due pugili senza difesa, è stato tutto da gustare per gli esteti del basket. Rimini sempre al comando con lo scatenato Crotta (26) assistito da Perez e dall’ex Poderosa Perini. La Ecoelpidiense non cede e con le bombe di De Leo tiene testa fino a tre minuti dal termine quando le forze vengono a mancare, la lucidità anche e Rimini può scappare sul 90-77 col quale si chiude la disputa.
Difficile analizzare una domenica fortemente condizionata dall’ennesima sciagura stagionale, tanto l’impegno e lo sforzo profuso da chi è sceso in campo nonostante errori madornali nei momenti chiave. Chissà come sarebbe finita questa e tante altre partite con la squadra al completo, chissà. Domanda che non avrà mai risposta, ciò che è certo è che nonostante Giulianova e con se l’ottavo posto sia ancora distante due punti, questo campionato sembra sempre più un girone dantesco dell’inferno.

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author