Serie B gir.D: Ambrosia, decimo successo consecutivo. Stella decide il derby con Monteroni

Ambrosia Bisceglie-Monteroni 71-69

Ambrosia Bisceglie: Stella 12 (4-8, 0-4), Torresi 11 (2-6, 2-3), Drigo 8 (1-2, 2-4), Caceres 3 (1-5, 0-3), Corral 17 (8-14, 0-2), Cena 10 (4-8, 0-3), Abassi 7 (3-3, 0-1), Gambarota 3 (1-1, 0-4). N.e.: Falcone, Vitanostra. Allenatore: Pasquale Scoccimarro.

Monteroni: Grosso 7 (1-6, 0-1), Ingrosso 9 (4-10, 0-2), Potì 11 (2-5, 1-3), Leggio 16 (4-5, 1-3), Mocavero 20 (4-8, 3-5), Paiano 6 (3-4, 0-2), Errico (0-1 da tre), Laudisa, Leucci. N.e.: De Giorgio. Allenatore: Lezzi.

Arbitri: Pilati, Suriani di Torino.

Parziali: 15-25; 38-38; 51-52.

Note: spettatori 1000. Usciti per cinque falli: Abassi, Ingrosso, Mocavero. Tiri da due: Bisceglie 24-47, Monteroni 23-55. Tiri da tre: Bisceglie 4-24, Monteroni 5-17. Tiri liberi: Bisceglie 11-19, Monteroni 18-21. Rimbalzi: Bisceglie 33 (22+11, Corral 9), Monteroni 41 (35+6, Mocavero 12). Assist: Bisceglie 11 (Abassi 3), Monteroni 10 (Ingrosso 5).

Gioia all’ultimo colpo di reni per l’Ambrosia Bisceglie, che ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per sconfiggere un lodevole Monteroni, conquistando il decimo successo consecutivo e avvicinando l’obiettivo del secondo posto nella regular season del campionato di Serie B.

Scatto veemente del collettivo salentino, trascinato da un Manuele Mocavero ispiratissimo. Suoi 10 dei primi 14 punti del team ospite, che ha provato a prendere il largo in un primo parziale marcato dalle buone percentuali dei gialloblu (9-16 dal campo, 3-4 dal perimetro), il cui ottimo approccio alla gara ha lasciato di stucco i nerazzurri.

Nel secondo periodo il team di casa ha continuato a far fatica in attacco, prestando il fianco all’inziativa di Monteroni, capace di salire fino al +15 (15-30) approfittando del nervosismo della compagine di coach Pasquale Scoccimarro, combinato disposto fra il momento di particolare difficoltà sul campo e le legittime lamentele per un arbitraggio non all’altezza. Quando tutto è sembrato girare contro, l’Ambrosia ha reagito, rientrando prepotentemente: break di 21-6 per il controsorpasso, sancito dalle folate, a turno, di Mauro Torresi (con due triple), Mauro Stella ed Enzo Cena.

Terza frazione equilibrata, con Bisceglie mai in vantaggio e lo score al limite in parità. In ogni caso Monteroni non è stato in grado di andare oltre il +4 (38-42) e l’intensità difensiva sui due lati del campo ha preso notevolmente il sopravvento. L’incontro, malgovernato dai direttori di gara piemontesi, ha preso una piega eccessivamente fisica. 

Gli ospiti, determinatissimi, hanno continuato a dare filo da torcere alla vicecapolista, toccando anche il +5 (54-59 al 33°) ma Cena e Stella, con quattro punti consecutivi, hanno nuovamente capovolto la situazione (60-59). Gli ultimi tre minuti si sono aperti con la tripla di Mathias Drigo, cui ha replicato l’under Gianmarco Leggio (64-64). Bisceglie ha scelto di andare dal suo centro, Diego Corral, per i possessi decisivi: il pivot italo-argentino ha ripagato con due canestri (68-66), inframezzati dal momentaneo pari di Alessandro Potì. 

Finale concitato, in cui è accaduto di tutto. Mocavero, dopo aver commesso il quinto fallo, ha preso un tecnico ma i padroni di casa non sono riusciti a sfruttare a pieno la situazione. Monteroni ha accorciato sul -1 con Grosso dalla lunetta: sul secondo tiro libero fallito dal playmaker abruzzese Leggio ha conquistato il rimbalzo offensivo ma ha fallito il tiro da tre punti. Fallo di Ingrosso su Torresi e 1/2 del capitano biscegliese (69-67).

L’Ambrosia ha deciso di gestire l’ultimo tiro, spendendo fallo a 11″ dal termine: Grosso ha pareggiato i conti, lasciando il possesso decisivo ai nerazzurri, che a 6 secondi dallo scadere hanno trovato il canestro della vittoria con un jumper dalla media di Mauro Stella. Tripudio per i sostenitori biscegliesi al suono della sirena. 

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author