Serie B gir.D: brutta sconfitta per Cerignola a Benevento

La partita più brutta della stagione della Castellano Udas va in scena nel freddo PalaParente, dove i biancazzurri vengono letteralmente annientati dagli stregoni del Magic Team, che con una magia fanno “sparire” i cannibali dal parquet e, con loro, le residue speranze di terzo posto.
La sconfitta più pesante della stagione, quella rimediata dal roster ofantino, sceso in campo tutt’altro che affamato, con scarsa determinazione a far risultato e senza la giusta concentrazione.

Che la gara si potesse mettere male lo si capisce già dopo 3′ di gioco, con il quintetto di Parrillo intenzionato a prendere il largo con un 9-2 che porta coach Totaro a chiamare il primo time-out per far suonare la sveglia ai suoi; le cose però non migliorano perché il Magic Team mette dentro canestri (Marchetti in evidenza) sfruttando l’inizio tutt’altro che incisivo dei cannibali, assolutamente inesistenti.
La partenza è sbagliata ed allora ci provano Lele Di Nanni e Svoboda ad accorciare le distanze (doppietta da tre), ma gli errori in difesa consentono a Pignalosa e company di gestire i dieci di vantaggio (22-12) con facilità.
La musica sembra iniziare a cambiare nel secondo quarto, che propone una Castellano diversa, meno distratta e più incisiva in attacco; Svoboda e Liguori iniziano a “vedere” il cesto ed i sanniti restano guardinghi ma comunque pericolosi con Fratini e Trionfo. Si segna e si sbaglia su entrambi i fronti e nonostante ciò, i nostri recuperano mostrando un ritrovato carattere, tanto da accorciare le distanze (-6) all’intervallo lungo che regala qualche speranza ai circa 30 tifosi ospiti giunti al PalaParente.

Riposo che però, alla lunga, risulterà deleterio ai cannibali, che negli spogliatoi lasciano anche la testa e lo spirito giusto mostrato poco prima al contrario dei padroni di casa, che trascinati dai canestri di Pignalosa e Marchetti e approfittando della lunga fase di sbandamento totale degli avversari, si regalano un + 24 parziale a dieci minuti dalla fine (100% al tiro, non hanno mai sbagliato), gettando nello sconforto l’Udas, stordita ed incapace di reagire.

Un divario netto, quello costruito dalla Magic Team, che migliora nell’ultimo quarto di gioco (+ 28 finale), quello che evidenzia il monologo sannita rapportato alla resa di Cerignola, troppo brutta per essere vera.

MAGIC TEAM BENEVENTO – UDAS CERIGNOLA 85-57 (22-12, 36-30, 67-43)

MAGIC TEAM ’92 BENEVENTO: Norcino 4, Marchetti 17, Pignalosa 17, Fratini 9, Balestrieri 6, De Gregorio 3, Ronconi 2, Ucci 4, Trionfo 23. Non entrati: D’Angelo. Coach: Adolfo Parrillo

CASTELLANO UDAS CERIGNOLA: Jonikas 10, Svoboda 12, Falcone 6, Liguori 6, Martone 5, Di Nanni 5, Maggi 13. Non entrati: Serazzi, Cristiani, Sciusco. Coach: Matteo Totaro

ARBITRI: Sabatino di Salerno e Di Martino di Scafati

TIRI LIBERI: Benevento 92%, Cerignola 55%
RIMBALZI: Benevento 43 (Ronconi, Balestrieri, Pignalosa 7), Cerignola 22 (Jonikas 5)
ASSIST: Benevento 18 (Norcino 5), Cerignola 7 (Di Nanni 3)

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author