Serie B gir.D: in un derby dai due volti l’Ambrosia Bisceglie soffre ma la spunta

Mola-Ambrosia Bisceglie 65-72

Mola: Salamina 9 (3-4, 1-6), Didonna 8 (2-3, 0-2), Chiriatti 13 (3-4, 1-5), Teofilo 13 (2-7, 2-8), Leo 20 (9-18, 0-4), Lonigro 2 (1-1), Musci (0-1), Calò, Pavone, Stimolo. Allenatore: Alessandro Lotesoriere.
Ambrosia Bisceglie: Stella 11 (0-5. 2-4), Torresi 6 (3-7, 0-3), Gambarota 12 (0-1, 3-4), Cena 3 (0-1, 1-4), Corral 16 (7-12), Drigo 14 (1-4, 3-5), Caceres 10 (4-7, 0-1), Abassi (0-3, 0-1). N.e.: Falcone, Vitanostra. Allenatore: Pasquale Scoccimarro.

Arbitri: Roca, Rodia di Avellino.

Parziali: 10-26; 36-48; 46-57. 

Note: spettatori 400. Nessun uscito per cinque falli. Tiri da due: Mola 20-38, Bisceglie 15-40. Tiri da tre: Mola 4-25, Bisceglie 9-22. Tiri liberi: Mola 13-19, Bisceglie 15-19. Rimbalzi: Mola 34 (24+10, Teofilo 9), Bisceglie 36 (27+9, Corral 9). Assist: Mola 14 (Didonna, Salamina 4), Bisceglie 13 (Stella, Corral 3).

Sul parquet del PalaPinto di Mola l’Ambrosia Bisceglie ha centrato il quinto successo consecutivo, piegando un avversario mai domo e legittimando il secondo posto in classifica nel girone D del campionato di Serie B. Limitati nelle rotazioni dalle non perfette condizioni fisiche di Enzo Cena (febbricitante) e Juan Caceres (al rientro da un infortunio), con Mathias Drigo tornato a disposizione dei compagni solo sabato di ritorno da Palermo a causa di un lutto familiare, i nerazzurri allenati da Pasquale Scoccimarro hanno tenuto a bada i padroni di casa e conseguito la 14a affermazione stagionale.

Derby dai due volti, caratterizzato da un agonismo talvolta ai limiti. Terrificante l’approccio nerazzurro sulla gara: diluvio di triple dagli angoli, ben quattro, nei primi dieci minuti, con Mola relegata ai margini, tenuta a 5-19 dal campo con sette errori su sette conclusioni dal perimetro. Bisceglie ha raggiunto il massimo vantaggio a inizio seconda frazione con una tripla di Giovanni Gambarota e il tiro libero realizzato da Mauro Stella conseguente al fallo tecnico fischiato per proteste a coach Lotesoriere (15-38 al 13°). Match finito? Nient’affatto.

Mola, raschiando il fondo del barile, ha avuto il merito di credere nell’impresa anziché sprofondare: break di 14-2 propiziato dall’ex di turno Andrea Chiriatti (il migliore fra i suoi) oltre che dagli esperti Francesco Teofilo e Lillo Leo. L’Ambrosia ha comunque mantenuto un vantaggio in doppia cifra fino all’intervallo lungo, impedendo agli avversari di avvicinarsi oltre anche per gran parte della terza frazione. Mola ha insistito, risalendo fino al -8 con una tripla di Teofilo e un canestro dalla lunetta di Chiriatti (46-54), cui ha replicato Cena dalla lunga distanza.

L’inerzia del match è sembrata cambiare all’inizio dell’ultimo periodo: fallo antisportivo fischiato a Gambarota: Lillo Leo ha ridotto ulteriormente il gap sul -6 (51-57). Sarà lo svantaggio minimo di Mola fino al termine del confronto. Due canestri di Diego Corral hanno riportato gli ospiti sul +10. Di Teofilo l’ultimo sforzo (63-69 a -1’03”), vano perché i nerazzurri non si sono scomposti, chiudendo il derby con un 2/2 di Stella dalla lunetta. 

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author