Serie B gir.D: la Dueesse Martina espugna Vasto

La Valle Ditria Basket Martina espugna Vasto con il risultato di 65-68 e lo fa dopo una gara estremamente equilibrata e ben gestita nei minuti finali dai ragazzi di coach Russo. Una vittoria importante e sofferta, ottenuta su un campo difficile e con un Vasto senza più obbiettivi stagionali, che permette alla DueEsse di essere ancora in corsa per il sesto posto. Tra le notizie positive da segnalare anche il ritorno nel roster di Francesco Forti, in seguito alladdio di inizio dicembre per motivi familiari che lo aveva portato ad accasarsi a gennaio nella Pallacanestro Empoli, in Serie C. Il play toscano, legato ancora dal doppio tesseramento con la società martinese, aveva successivamente intrapreso una nuova esperienza sportiva e di vita in Danimarca, nella locale squadra degli Svendborg Rabbits, terminata il mese scorso. Un ritorno importante che aumenta le rotazioni a disposizione di Aldo Russo nel finale di stagione, e si somma alle buone indicazioni avute a Vasto in chiave playoff: la vittoria di Vasto, come dicevo alla vigilia, è importante soprattutto per la nostra preparazione a livello mentale, in vista dei playoff. Dopo essere partiti bene con un break di 8-0 – continua coach Russo – abbiamo probabilmente sottovalutato il rientro di Vasto che, ricordo, è una squadra di grande qualità, con giocatori prevalentemente abili sugli esterni e nel tiro da fuori. Questo ci ha portato a compiere alcune leggerezze che hanno aperto loro il campo, permettendogli di rientrare in partita e di prendere vantaggio, anche per la nostra gestione dei possessi offensivi abbastanza statica rispetto alle ultime uscite. La gara è stata vinta dai blu-arancio solo negli ultimi minuti, dopo avere toccato uno svantaggio anche di 17 punti nel corso del 2° quarto. Rispetto al passato, la DueEsse sembra avere anche una maggior capacità nel controllo dei finali di partita, grazie alla quale riesce a portare a casa il risultato. La chiave della partita è stata, come ci eravamo detti in preparazione, resistere all1c1 di Vasto e negare le situazioni di uscite che avevano dato troppi tiri aperti e in ritmo. Questo di conseguenza ci ha aperto il nostro contropiede, gestendo a metà campo i vantaggi che la maggiore fisicità dei nostri esterni ci dava in avvicinamento a canestro. Pur con le assenze avute in corso dopera di Nwokoye, che non è riuscito a rimanere in campo più di 7 minuti per via dellinfortunio alla caviglia trascinatosi dalla vigilia del match con Isernia, e di Bruno per una botta alla coscia, abbiamo ugualmente tenuto alta la concentrazione, gestendo anche quintetti atipici per le rotazioni obbligate. Il -17 era un pofrutto di percentuali basse, soprattutto da tre punti (solo 4-20 da 3, ndr), e di uninerzia che non riuscivamo a prendere contro una squadra senza particolari pressioni e a mente sgombra, diciamo libera. Siamo stati bravi ad agguantare la partita, anche se potevamo andare avanti un poprima nel punteggio, e poi nel punto a punto labbiamo gestita bene nelle scelte di tiro, sfruttando i maggiori vantaggi che si sono venuti a creare e senza frenesia. La DueEsse è una squadra che negli ultimi mesi è cresciuta tantissimo, tipico di un gruppo giovane ma di talento, e questi sono i segni evidenti a cui la squadra e la gente deve far riferimento, il risultato ha importanza ma credo che la prestazione sia sempre il punto di riferimento a cui dobbiamo attenerci, per questo non ci accontentiamo mai. Chiaramente io dal punto di vista tecnico riesco a cogliere maggiormente questi aspetti ma la testimonianza di pubblico presente anche a Vastocredo sia levidenza che il carattere ed il lavoro è apprezzato, permettendoci di avere un supporto sempre più notevole da parte del pubblico durante il corso della stagione, e questo ci rende felici e orgogliosi. E proprio davanti al pubblico del Pala Wojtyla è previsto, per domenica 19 Aprile, lultimo match di regular season contro la New Basket Mola, in seguito al quale si conoscerà lavversario del quarto di finale playoff. Contro Mola mi aspetto una partita che dia risposte utili per lapproccio alla domenica successiva, a quella che sarà gara 1. Ovviamente la disputeremo al meglio delle nostre possibilità, sapendo che Mola non avrà da chiedere nulla al campionato e quindi avremo un banco di prova simile a quello di Vasto, ma giochiamo in casa e sarà una gara che pur non influendo più di tanto sulla nostra classifica vogliamo interpretare nel giusto modo. Proveremo ancora una volta a gestire, recuperando infortuni e acciacchi. Laugurio è di trovare un palazzetto sempre partecipe anche in una partita che non assegna nulla di particolare, perché i ragazzi e noi tutti ci teniamo in maniera specifica ad abbracciare il nostro pubblico, continuando sulla scia di questa sintonia ed energia che dura dallinizio dellanno e che, sono sicuro, si protrarrà a lungo”.

Commenta
(Visited 15 times, 1 visits today)

About The Author