Serie B gir.D: La Geofarma concede il bis, Vasto ko

E sono due. Finalmente. C’è voluto un girone d’andata e spiccioli per sfatare il tabù delle due vittorie consecutive, ma questi ragazzi ce l’hanno fatta regalandosi e regalando due punti preziosissimi a coach Lotesoriere nella domenica delle sue 100 panchine con la Geofarma. Vittoria importante che ha le radici nel successo della settimana precedente con Palermo, autentico inietta fiducia, e nella crescita di condizione e mentalità, componenti indispensabili per qualunque successo sportivo. Ripagato con la stessa moneta il golpe d’andata del Vasto, in Abruzzo finisce 76-73 con i bianco-blu bravissimi nei minuti finali del secondo quarto a ricucire un disavanzo pesante (-13) e giocarsi la sfida nel secondo tempo e fino al rettlineo conclusivo sempre punto a punto.

Per la sedicesima giornata Lotesoriere recupera in extremis Salamina e Teofilo e può così mettere sul parquet il quintetto d’approccio consueto con Chiriatti, Didonna e Leo. Coach Cardinale manda in campo per la contesa Di Pierro, Di Tizio, Lagioia, Durini e Mirone. Meglio Vasto all’avvio che si porta subito davanti con le triple di Lagioia e Durini, che rispondono spigliati ai primi canestri di serata firmati Teofilo e Didonna. E’ Lagioia l’uomo caldo per gli abruzzesi e sono ancora due sue traiettorie scagliate dall’arco dei 6,75 a scavare il primo break della gara con i padroni di casa a giungere al traguardo dei primi 10 minuti davanti 23-16. Comincia il secondo parziale e Vasto sembra poter prendere il largo, sempre Lagioia e quattro punti di Cordici regalano il massimo vantaggio interno della serata, al minuto 13 è 33-19. I successivi sette minuti vedono però la Geofarma difendere alla grande e lasciare solo tre punti agli avversari, sono Leo e le due triple a stretto giro di Salamina e Chiriatti a rimettere in equilibrio la sfida e sigillare il 37-36 dei tabelloni al momento del rientro negli spogliatoi. Mola impatta la terza tornata con una tripla di Calò e si innesca così un tira e molla che perdurera’ costante sino allo spirare della frazione, timbrato dai punti dell’onnipresente Lagioia, chirurgico dalla distanza da una parte, e di un buon Musci, in campo per Leo. Al minuto 25 permane la parità (47-47) disgelata in finale di quarto dal primo sorpasso esterno costruito sulle due bombe firmate Chririatti e Calò. L’inerzia sta cambiando e Vasto sembra non disporre di ossigeno a sufficenza per presentarsi al rush finale, inoltre perde definitivamente un pezzo importante come Cordici mentre Mirone si deve accomodare in panca con 4 falli. Bravissimi Salamina e compagni a portare Vasto subito al quinto fallo di squadra nel quarto definitivo, negli ultimi 4 minuti è lunetta sistematica, ma prima Salamina e Lagioia (6 triple e 20 punti, best scorer di serata) trovano l’ennesimo tripla (64-63), Vasto prova a resistere ma è poco lucida, Chiriatti in contropiede la infila e confeziona il +6 a 3 miuti dalla sirena (64-70) . Fuori Mirone, gli abruzzesi barcollano e sono ad un passo dal ko, Mola all’appuntamento fisso con la linea della carità fa solo il 50%, ma è sufficiente per tamponare il tentativo di rientro del roster abruzzese sospinto negli ultimi secondi dal neoentrato Ierbs. Sulla sirena sono in 4 ad avere la doppia cifra, Chiriatti e Teofilo con 16 punti, Leo con 15 (10 rimbalzi) e Salamina 13 a testimonianza dell’ottima prova corale, suggellata dalla buona prezena in campo di Musci e Calò, autori di 12 punti. Vittoria importante anche perchè ribalta il -2 dell’andata, successo di un gruppo che sta trovando l’amalgama giusta come confermato dalle parole di Alessandro Lotesoriere a fine gara: “Bella vittoria, nonostante una settimana dove Salamina e Teofilo si sono visti in palestra solo venerdì ed è grazie all’ottimo lavoro del nostro fisioterapista Jerry Del Medico che ho potuto averli in campo.

Abbiamo avuto un brutto passaggio a vuoto nel secondo quarto e siamo andati sotto di 14, i ragazzi però hanno reagito con la giusta testa difendendo alla grande nei sei minuti che mancavano all’intervallo. Poi è stato un bel punto a punto, ma col passare dei minuti abbiamo capito che l’inerzia del match stava cambiando padrone.

Sono contento perchè stiamo crescendo come mentalità, la strada è ancora in salita, abbiamo d’ora in avanti un calendario ostile e dovremo restare umili se vorremo ottenere altri risultati positivi.

Infine vorrei fare un ringraziamento agli amici che ci hanno seguito a Vasto e ai ragazzi che mi hanno fatto uno splendido regalo per questo traguardo importante delle 100 panchine. Da martedì cominceremo a lavorare in ottica Agropoli, autentico schiacciasassi di questo campionato che ieri ha conosciuto il primo stop per mano di Monteroni, di certo saranno arrabbiati e vorranno cancellare questo passo falso, ma ora più di prima sappiamo che non sono invincibili e lavoreremo sodo per metterli in difficoltà al Pala Pinto.”

Due vittorie di fila e doemnica c’è la capolista indiscussa del torneo. Sognare non è vietato.

Perche, “il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni. (P.Cohelo)”

Commenta
(Visited 13 times, 1 visits today)

About The Author