Serie B gir.D: La Geofarma sfida Pescara. Il TM Quaranta: "L'auspicio è di trovare il solito Pala Pinto pronto e a spingerci verso i due punti"

L’esilio è terminato, domenica si tornerà finalmente a far vibrare le pareti del Pala Pinto dopo un mese esatto dal derby col Bisceglie. Il 2015 è stato l’anno della svolta in esterna, dopo aver rincorso fino a Dicembre del precendente il primo successo lontano da casa della nostra storia in B (Venafro), l’incipit di questo nuovo ci ha visto prendere confidenza con la trasferta e tornare vincenti da Vasto, Francavilla e Taranto. Ora è giunto il momento di ricominciare a ringhiare a casa nostra, dove l’ultimo ruggito è datato 18 Gennaio, giorno della splenidda e tachicardica sfida all’Aquila Palermo, risolta con una tripla senza pensieri di Francesco Teofilo.

Domenica andrà in scena la sfida con l’Amatori Pescara, ottima quarta di questo torneo, in buon momento di forma con quattro vittorie nelle ultime cinque gare disputate, roster guidato dalla esperienza a vagonate tra le mani di Rajola, il matusalemme del basket, 43 primavere e mostrarne la metà in campo. Una pausa quella del campionato che avrà giovato a Pepe, tenuto a riposo nell’ultima sfida col Venafro per problemi alla schiena e speriamo sia stata d’aiuto anche per la caviglia del nostro capitano Salamina, giocatore assolutamente imprescindibile e costretto di recente troppo spesso a calcare il parquet sgtringendo il dolore tra i denti.

L’analisi della sfida con gli abruzzesi nelle parole del Team Manager Geofarma Paolo Quaranta: “Domenica dopo due settimane di distanza dal basket giocato incontriamo un team che come noi è in ascesa rispetto al girone di andata, che può vantare un ottimo play e una discreta profondità nelle rotazioni”

Statistiche alla mano vien fuori una propensione marcata del lungo Polonara al tiro dall’arco dei 6,75 fondamentale nel quale eccelle e nel quale si distingue in assoluto con una realizzazione del 50% (secondo al solo Giovanatto del Palermo) e la spiccata dote di rimbalzista offensivo di Di Donato, 56 in 20 gare disputate.

Fondamentale la gara di andata, forse vero e proprio snodo per l’atteggiamento esterno, prima scossa tellurica lontano da casa dopo un avvio lontano non proprio positivo, decisa nel testa a testa finale da due bombe del giovane De Martino.

“Si, verissimo, – continua Paolo – proprio nella sfida di andata abbiamo a mio parere constatato la bontà del nostro roster che è arrivato vicinissimo al colpaccio nonostante proprio in quella occasione abbia dovuto rinunciare a Salamina per infortunio nel momento clou della sfida.

Adesso con un girone di distanza e 18 punti incamerati l’auspicio è quello di trovare il Pala Pinto pronto e carico, disponibile come sempre a supportare i nostri ragazzi per la conquista dei due punti”

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author