Serie B gir.D: Maddaloni si arrende in gara-uno

Ambrosia Bisceglie- Pall. San Michele Maddaloni 96-65
Parziali: 31-20; 50-36; 67-51.
Bisceglie: Torresi 13, Gambarota 16, Stella 7, Drigo n.e., Abassi 10, Corral 23, Caceres 9, Cena 14, Smorto 4, Galantino, All. Scoccimarro, Ass. Fracchiolla, Ass. Falcone.
Maddaloni: Ragnino, Piscitelli 11, Guastaferro 8, Desiato 13, Marini 2, Garofalo, Rusciano 9, Chiavazzo 10, Borrelli, Matrone 12, All. Massaro, Ass. Ricciardi.
Arbitri: Lorenzo Lupelli di Aprilia (LT) e Mirko Picchi di Ferentino (FR).

Cronaca: La Pallacanestro San Michele Maddaloni ha iniziato il proprio cammino playoff in quel di Bisceglie dopo una vera e propria avventura. Durante il tragitto per arrivare a destinazione, infatti, il pullman dei maddalonesi ha riscontrato un guasto che li ha costretti a fermarsi ed attendere l’arrivo di un altro mezzo che gli permettesse di giungere a Bisceglie. In tutto ciò, ovviamente, la partita ha subito un ritardo nel suo inizio.
Detto ciò, alla palla a due i biancazzurri non si sono fatti trovare impreparati visto che i primi tre minuti di gioco hanno visto un acceso testa a testa con i locali che passavano in vantaggio e gli avversari pronti a rispondere colpo su colpo (8-6). I pugliesi hanno comunque provato a mettere saldamente la testa avanti portandosi sul 16-10 ma Maddaloni è stato capace di accorciare lo svantaggio. Gli ultimi tre minuti d’orologio sono iniziati con un bel parziale da parte di Bisceglie che fissava il punteggio sul 25-14 costringendo coach Massimo Massaro a chiamare il primo timeout della gara. L’andazzo della gara però non tende a cambiare.
Anche il secondo quarto è completamente a favore dei padroni di casa che sono bravi a sfruttare l’inerzia a propria vantaggio raggiungendo dopo quattro minuti di gioco addirittura il più diciotto (42-24). Maddaloni tiri e sbaglia tanto, e proprio sembra non riuscire a rimettere in piedi la partita. Eppure mai dare per morti i biancazzurri perché in esattamente 1’57” mettono a segno un parziale di 10-0 che li riporta prepotentemente sotto la singola cifra. Bisceglie perde la bussola ma prova subito a risistemarsi dopo un paio di attacchi andati a vuoi e così torna a toccare il più quattordici con il quale sostanzialmente si va al riposo lungo.
Al rientro dagli spogliatoi il gioco si fa maschio, cresce l’intensità e in verità si segna anche poco. Tutto ciò a favore dei padroni di casa che devono difendere il proprio vantaggio che rimane all’incirca sempre sui quattordici punti. Maddaloni prova a ricucire ma diverse palle perse ed una mira non proprio perfetta dalla linea della carità permettono ai dirimpettai di restare saldamente al comando. Ed anzi, di aumentare il gap sul più diciotto a due giri di lancette dalla conclusione del terzo periodo.
Anche l’ultimo periodo inizia sulla falsariga di quello precedente con Bisceglie che muove la retina con grande continuità. I pugliesi diventano un fiume in piena e per i maddalonesi contrastare madre natura diventa una mission impossible da non poter realizzare. Al 33′ i locali scollinano la soglia dei venti punti di vantaggio ma c’è ancora tanta strada da percorrere. Infatti purtroppo la resistenza dei viandanti viene meno e per Bisceglie il finale di gara diventa addirittura un’ipotesi chiudendo con addirittura un roboante più trentuno.

Commenta
(Visited 7 times, 1 visits today)

About The Author