Serie B gir.D: un ottimo San Michele batte Monteroni

Pall. San Michele Maddaloni- Nuova Pall. Monteroni 85-78
Maddaloni: Ragnino, Piscitelli 4, Guastaferro 10, Desiato 7, Marini 9, Garofalo 13, Rusciano 10, Chiavazzo 18, Pascarella n.e., Sergio 14, All. Massaro, Ass. Ricciardi.
Monteroni: Ingrosso 11, Paiano 6, Grosso 2, Potì 15, Errico n.e., Leucci, Laudisa 6, Mocavero 24, De Giorgio, Leggio 14, All. Lezzo.
Parziali: 28-13; 48-24; 69-56.
Arbitri: Claudio Borrelli di Cercola (NA) e Giuseppe De Prisco di Nocera Superiore (SA).

La Pallacanestro San Michele Maddaloni torna a vincere tra le mura amiche del Pala Angioni-Caliendo battendo un mai domo Monteroni che nel primo tempo ha subito l’ottimo gioco degli avversari prima di avere un moto d’orgoglio nella ripresa rientrando in gara a meno cinque a circa un minuto dal termine dell’incontro.
Pronti, partenza e via i primi giri di lancette vedono due squadre che si affrontano a viso aperto cercando di mettere in atto il proprio piano partita. Monteroni riesce a trovare con costanza la via del canestro e così si porta in vantaggio sul 6-9. I salentini nonostante siano più grossi dei locali si limitano quasi a prendere conclusioni dalla media e lunga distanza, e nel momento in cui le percentuali si abbassano il Maddaloni prova il primo affondo. Grazie alla verve da contropiedista di Francesco Chiavazzo i biancazzurri non permettono ai dirimpettai di schierarsi in difesa e questo li lancia sul 21-11 del 7′ con il vantaggio che si allargherà ancora prima del mini riposo.
La seconda frazione di gioco segue sostanzialmente lo stesso copione, con Maddaloni che si rende artefice forse del miglior quarto del proprio campionato. L’attacco rispetta come un orologio svizzero i tempi e le spaziature liberando i tiratori Gabriele Guastaferro e Giovanni Marini sul perimetro che colpiscono a ripetizione. La difesa a zona 2-3 dei viandanti viene messa a dura prova dalla circolazione della palla maddalonese e così il match si avvia praticamente ad un assolo dei locali che vanno all’intervallo superando le venti lunghezze di vantaggio.
Al rientro dagli spogliatoi il leit movit dell’incontro non tende a cambiare, con i biancazzurri che continuano a dettare i ritmi e gli avversari che faticano in attacco e quasi non s’impegnano in difesa. Al 24′ grazie alla realizzazione di Biagio Sergio Maddaloni iscrive il massimo vantaggio sul punteggio di 58-32. Da li però cambia l’inerzia della partita in virtù di un arbitraggio che, assolutamente non di parte, vuole diventare protagonisti. Diversi falli in attacco, due tecnici con espulsione a Guastaferro, un antisportivo a Potì e un tecnico a Ingrosso fanno perdere la bussola che permette agli ospiti di accorciare in silenzio sino a tredici punti.
Dopo poco più di un minuto di gioco dell’ultimo periodo Monteroni accorcia ulteriormente sul 69-61 costringendo coach Massimo Massimo a chiamare timeout. I padroni di casa tornano allora a correre sfruttando i contropiede di capitan Nino Garofalo che mantengono a debita distanza gli avversari sul 77-70 al 37′. Le ultime battute di gioco sono ovviamente emozionanti, e nonostante i salentini si facciano più volte sotto i maddalonesi non perdono la testa e conquistano due punti meritati dopo una prestazione comunque ottima.

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author