Serie B girone D, il punto dopo la prima di campionato

In archivio la prima giornata del campionato di serie B girone D; oltre al successo di Salerno nel derby con Battipaglia, si impongono Catanzaro, Valmontone e Barcellona


L’opening game del campionato di serie B girone D 2017-2018 targato Old Wild West va in archivio e lascia dietro sé una scia di sensazioni e pronostici rispettati, ma, come da consuetudine, anche qualche upset qua e là.

Le due squadre campane ai nastri di partenza del campionato cadetto, ovvero Virtus Arechi Salerno e Polisportiva Battipagliese, per uno strano scherzo del destino, si sono ritrovate una contro l’altra sin dalla primissima palla a due stagionale.

E nel match di un PalaSilvestri infuocato come non mai (quasi 500 persone gremivano gli spalti dell’impianto sportivo sito in località Matierno) ad aver ragione, al termine di una contesa tanto intensa quanto emozionante, è stata la compagine cara al patron Nello Renzullo.

I “blaugrana”, infatti, si sono imposti col punteggio finale di 71-61, guidati dalla leadership in cabina di regia di Circosta e dai centri di un immarcabile Leggio.

Serie B

Per Battipaglia, tanti applausi e meritata standing ovation considerando la situazione del giovane gruppo ottimamente allenato da coach Sanfilippo.

Gli ospiti, ancorati alla commovente prestazione di un generosissimo Di Capua, hanno tenuto testa ai più quotati avversari giocando una pallacanestro di primissimo livello, pur essendo privi dell’infortunato Anunmba.

D’altra parte, il primo turno della serie B girone D targata Old Wild West ha raccontato altre interessanti storie sui parquet centro-meridionali dello stivale.

La partenza sprint di Catanzaro

Vincono e convincono le compagini considerate favorite da esperti ed addetti ai lavori; su tutte, fa rumore per le proporzioni il successo casalingo della Mastria Verding Catanzaro che rifila al malcapitato Basket Patti un pesante passivo di ben 38 punti (punteggio finale: 93-55).

Partita equilibrata solo nel primo quarto quella del PalaPulerà, nel corso della quale gli ospiti si arrangiano come possono per i primi dieci minuti, ma sono poi costretti ad alzare bandiera bianca dinnanzi alla grande qualità offensiva di Biordi e compagni.

L’ala-centro giallorossa gioca una partita monstre e, con 22 punti in appena 21 minuti di gioco, suona la carica per i suoi.

Serie B

Ma le notizie positive per coach Tunno arrivano da parte di tutti gli effettivi a disposizione; ben cinque uomini in doppia cifra, una grande circolazione palla con la propensione all’extra-pass – caratteristica tipica di un attacco per nulla in rodaggio – e impressionante atteggiamento difensivo.

Se il buongiorno si vede dal mattino, in quel di Catanzaro ci sarà davvero di che divertirsi.

 

Barcellona corsara a Roma

Primo hurrà anche per il Basket Barcellona che, pur con qualche patema di troppo, espugna il parquet della Tiber Basket Roma.

I primi venti minuti di gioco non sorridono certamente ai viaggianti che, seppure tengono in piedi la baracca nel primo quarto, rischiano grosso nella seconda frazione andando persino sotto, all’intervallo lungo, di ben sette lunghezze.

Nei secondi dieci minuti di gioco, infatti, l’attacco di coach Friso va in evidente rottura prolungata realizzando la miseria di tredici punti e mostrando grosse lacune a cospetto di un avversario determinato e ben organizzato.

Serie B

Tra i padroni di casa da segnalare la prestazione di Filippo Bertoldo, autentico go to guy dell’attacco capitolino; per lui 25 punti in appena 29 minuti al termine della gara condizionata sì da qualche fallo di troppo, ma segnata da percentuali rilevanti (5/6 da due, 5/10 da tre, 4/4 ai liberi e 24 di valutazione) e tanta operosità in mezzo al campo.

Il terzo quarto di gioco della sfida ha ribadito il medesimo copione, con Roma ancora in controllo e capace di portarsi sul +8 al termine della terza frazione.

Nel momento più complesso, tuttavia, è arrivata la reazione dei ragazzi cari al patron Bonina.

Una risposta vera, da grande squadra: 31 punti realizzati negli ultimi dieci minuti a fronte dei soli 18 concessi ai padroni di casa e vittoria in volata a quota 82 realizzati.

Fondamentale il contributo di uno stakanovista Giovanni Bruni a cui, in virtù della leadership e dei 26 punti realizzati, va a furor di popolo la palma di MVP.

Cagliari ok ad Isernia

Successo che fa morale anche quello dell’ Accademia Basket Cagliari sul difficile parquet del Basket Isernia.

I sardi, dopo una prima frazione da dimenticare nel corso della quale a mettersi in mostra sono stati solo gli esterni molisani (buone le prove di Smorra Murolo), l’hanno ripresa per i capelli dopo l’intervallo lungo.

Nonostante le pessime percentuali al tiro dai 6,75, Cagliari è stata brava a trovare le giuste contromisure e a sfruttare la velocità in contropiede di un attacco arioso  e ben organizzato che ha permesso di portare a casa i primi due preziosi punti della stagione su un campo difficile in una serata non esattamente positiva al tiro.

Romeo Trionfo ha tracciato la strada per i suoi. Per lui, 17 punti al termine del match nonostante le percentuali non propriamente ottimali.

Il segnale che, tuttavia, lancia la squadra sarda è di quelli importanti viste le difficoltà di un match che non si era messo affatto in discesa per i ragazzi di coach Caboni.

Brilla la Stella Azzurra

Esordio felice anche per la Stella Azzurra Roma. In una partita che, come si sarebbe detto un tempo, è stata fortemente “condizionata dai parziali” dall’uno e dall’altro lato, ad aver ragione sono stati i padroni di casa, protagonisti di un primo quarto strepitoso in cui hanno realizzato ben 26 punti a fronte dei soli 9 concessi al Costa d’Orlando.

Partita in ghiaccio? Neanche per sogno. I secondi dieci minuti di gioco sono un autentico incubo per gli i blu’ stellati che subiscono la feroce remuntada di una Capo d’Orlando per niente propensa a recitare il ruolo della sparring partner o, peggio, della comparsa.

Balic Di Coste (16 punti per ciascuno dei due al 40′) hanno letteralmente sorretto l’attacco siculo che, nel corso della terza frazione, ha continuato a macinare buona pallacanestro.

Gli ultimi dieci minuti di gioco, però, hanno visto i padroni di casa tenere botta alle realizzazioni dei viaggianti e, con un Corbinelli da 25 punti, chiudere la contesa tra gli applausi del pubblico amico.

 

Gli altri campi: dalla corrida di Scauri all’exploit di Valmontone

Tante altre emozioni dai restanti campi della serie B girone D targata Old Wild West.

Non sono bastati i classici quaranta minuti a Basket Scauri Pallacanestro Palestrina per trovare un vincitore.

Nel match più vibrante della prima settimana, infatti, al termine di un overtime, Serino e soci hanno superato la corazzata ospite, compiendo una vera e propria impresa sportiva.

Partita equilibratissima con le difese a dominare sugli attacchi.

Gli ospiti sembrano soffrire troppo il pressing ottimamente preparato in settimana da coach Renato Sabatino ma, pur con qualche grattacapo di troppo, conducono la contesa grazie alla sontuosa prestazione dell’ex Napoli Visnjic (29 punti, 10/13 da due, 1/4 da tre, 6/7 ai liberi, 11 rimbalzi e 38 alla voce valutazione).

Serie B

Ma Scauri non molla un centimetro e, quando il gioco si fa duro, risponde colpo su colpo, in virtù dei centri di Longobardi e del solito superlativo Serino.

Il supplementare si gioca in un clima incandescente, Manzo diventa protagonista del match in positivo riuscendo a far commettere all’avversario diretto, Rossi, un fallo che gli arbitri giudicano antisportivo.

Il resto lo fanno il solito Serino Bersanti. Alla sirena finale, a far festa è Scauri che firma un upset importante all’esordio stagionale.

Sempre in tema di risultati a sorpresa, da segnalare il successo della Virtus Valmontone che sgambetta la favorita Cassino col punteggio finale di 73-70.

Successo meritato per i ragazzi di coach Avenia al termine di una gara anche bella a tratti, certamente intensa fra due compagini presentate ai nastri di partenza del campionato con roster e ambizioni differenti.

In casa Virtus – priva dell’infortunato Scodavolpe – grandi protagonisti un monumentale capitan Luca Bisconti (26 punti alla fine) e il nuovo play Simone Rischia (17 per lui e tanta leadership nei momenti topici del match).

Tutto il gruppo dei senior (da Ferraro a Gentili fino ad arrivare a Pierangeli, autore di 13 punti alla sua prima gara ufficiale dopo il grave infortunio di un anno fa) ha dato il massimo.

Ottime risposte anche dai giovani Di Francesco, Mathlouthi e Ugolini che coach Avenia, fedele a quanto dichiarato alla vigilia della gara, ha utilizzato a lungo.

Le armi in più della Virtus sono state una grande difesa nei momenti caldi della gara (soprattutto nella seconda metà del quarto quarto) e la predisposizione a soffrire e a non disunirsi anche nelle fasi più difficili, quando Cassino ha rimontato lo svantaggio del quarto iniziale ed ha a lungo condotto, senza tuttavia mai dare l’impressione di poter domare i ragazzi di Avenia.

Bene anche l’attacco dove coach Avenia ha puntato in primis sul gioco sotto le plance – dove Bisconti e Ferraro hanno a lungo dominato – fino a che l’iniziativa è passata agli esterni, vista la capacità di Cassino di ben interpretare la situazione tattica.

Ottima Luiss, Venafro ko

Ultimo match da segnalare in questo focus sulla prima giornata del campionato di serie B girone D è quello andato in scena a Roma tra Luiss e Dynamic Venafro.

A spuntarla sono stati i padroni di casa in un match non esattamente entusiasmante dal punto di visto tecnico, ma caratterizzato dalla grande intensità e dalla voglia di portare a casa la vittoria da parte di ambedue le compagini.

La Luiss, dopo i primi tre quarti di gioco caratterizzati da grande equilibrio e percentuali non immacolate, ha letteralmente scavato il solco nell’ultima frazione mettendo a referto 24 punti a fronte dei soli 11 realizzati da Venafro.

Il match si è chiuso sul punteggio finale di 73-66.

Quattro uomini in doppia cifra nel boxscore dei padroni di casa (e doppia-doppia dal peso specifico fondamentale per Eugenio Beretta), che hanno tenuto alla grande difensivamente e dimostrato di saper condividere le responsabilità offensive nei momenti più caldi della partita.

 

 

 

Commenta
(Visited 146 times, 1 visits today)

About The Author

Carmine Lione Carmine Lione è uno scrittore e giornalista freelance, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Attualmente iscritto al Corso di Laurea in “Lingue e Culture Straniere” presso l'Ateneo di cui sopra, ha collaborato con varie testate giornalistiche, tra cui zerottonove.it. Ha ricoperto l'incarico di Capo Addetto Stampa della società cestistica Polisportiva Battipagliese ed attualmente presta la sua voce per le telecronache del Basket Bellizzi in onda su LiraTv e del Salernum Baronissi per l'emittente SeiTv. Per quanto concerne la scrittura, nel corso della sua esperienza artistica, ha pubblicato due opere: “Tempi Moderni”, raccolta di racconti edita dalla casa editrice Gruppo Albatros Il Filo e “Luce al neon”, primo romanzo autopubblicato.