Serie C Emilia-Romagna: Banco Emiliano, vittoria contro Granarolo

BANCO EMILIANO LG BASKET BATTE GRANAROLO 80 A 73

Parziali:

25/20, 43/35, 61/46, 80/73

Tabellini:

BANCO EMILIANO LG BASKET: Guarino 7, Canuti 2, Filippi, Generali, Paulig 24, Siani12, Vanni 10, Vezzosi 3, Mallon 9, Ovi 13.

GRANAROLO: Spettoli 2, Paoloni, Tugnoli 6, Calanchi 6, Marchi 7, Bonetti 13, Fava, Bertuzzi 13, Millina, Ferri12, Busi 12.

Arrivano i due punti per l’ LG Banco Emiliano C. Monti  contro la Granarolo Bologna al termine di una gara che i castelnovini conducono sempre , senza pero” mai dare l’impressione di controllare veramente la partita. Nel primo quarto alla buona vena di Bertuzzi, biondo esterno bolognese , rispondono con intensita’ specie offensiva Paulig e Siani, che insieme ad un redivivo  Ovi confezionano il piu’ 5 di fine periodo. Nella  seconda frazione di gara, invece sono i lunghi LG a segnare con piu’ continuita’ e un Vanni  un po’ distratto nella propria area pitturata e un poco utilizzato Mallon , entrato solo  a fine quarto , fissano il risultato sul 43 a 35, giusto risultato dopo un tempo giocato da entrambe le squadre con tante palle perse e disattenzioni certamente evitabili con un po’ piu’ di concentrazione. L’LG tiene la testa ,meritatamente, anche grazie al maggior tasso tecnico dei propri giocatori, ma ancora il gioco appare farraginoso e poco fluido. Dopo l’intervallo , il Banco Emiliano prova  a dare quella spallata che dovrebbe  fargli chiudere il discorso con i bolognesi, non apparsi  oggi al meglio e incisivi come nelle ultime gare.Grazie soprattutto a Siani e Guarino , con Mallon a supportarli, si arriva anche al piu’ 18, per 2 volte, per poi arrivare all’ultima pausa con un piu’ 15 sul tabellone con il risultato di 61 a 46. Sembra fatta, ma il basket , e soprattutto noi quest’anno.., ci ha abituati a improvvisi capovolgimenti di fronte, cosa  che puntualmente …accade. La squadra locale si incaglia nelle secche di una zona press dei giocatori felsinei neanche tanto aggressiva, ma basta questo per rosicchiare lentamente e inesorabilmente il vantaggio accumulato nelle prime tre frazioni di gioco, portando ripetutamente gli ospiti al meno 3. i giocatori di Djukic , apparso meno convincente del solito, dilapidano il loro vantaggio  grazie a passaggi e tiri non troppo ponderati e solo il grande cuore di  Ovi riesce a ricacciare indietro rtipetutamente i tentativi di aggancio, con rimbalzi importanti in attacco e successivi  secondi tiri e falli subiti, che lo portano in lunetta dove risulta infallibile e glaciale, cosa a lui… non molto consona! Ormai il tempo e’ ..tiranno  e l’inerzia  si e’ riportata  dalla parte giusta per far tagliare il traguardo finale ai montanari. Finisce 80 a 73, con due punti  importanti per la classifica, ma ancora qualche problema  da risolvere per la squadra appenninica.

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author