Serie C gir.A: la Tarros ritorna al successo

Ho rivisto la mia squadra: grinta, determinazione e bel gioco” – torna disteso il volto del Presidente dello Spezia Basket Club Tarros Danilo Caluri che, al termine del match contro la Tecnopol Savigliano, afferma – “Finalmente ci siamo ritrovati”.
Quindici giorni fa, contro il Cus Genova, infatti, i bianconeri avevano strappato la vittoria, ma assolutamente senza convincere; oggi, contro il Savigliano, invece, vincono e convincono. Primi su ogni pallone, sempre attenti al rimbalzo, concentrati dalla palla a due alla sirena, anche quando il vantaggio era talmente elevato ed il tempo così ridotto da potersi concedere un po’ di tranquillità ed abbassare la guardia. Invece no: la Tarros di stasera non si è distratta un attimo, non ha avuto il minimo calo di tensione ed ha lottato su ogni pallone, anche quando la partita era abbondantemente chiusa. Segnali di una squadra che ha ritrovato se stessa, che ha ritrovato quella determinazione che ne è stata una delle principali armi vincenti sino a poche settimane fa.
“Non abbiamo avuto paura, come contro il Cus; abbiamo preso le redini del gioco e abbiamo dettato legge, dall’inizio alla fine” – afferma soddisfatto il coach bianconero Marco Mori – “Stavolta sul parquet abbiamo fatto vedere tutto quello che sappiamo fare, tutto quello che in allenamento io ho sempre visto, ma che ultimamente non riuscivamo a replicare in campionato e a mostrare ai nostri tifosi. Oggi, invece, abbiamo messo in pratica quello che sappiamo fare. Penso si sia vista una buona squadra, con un bell’organico e rodate dinamiche di gioco. Abbiamo affrontato gli avversari a viso aperto, senza timori e con la necessaria determinazione. Ogni giocatore che è entrato ha dato davvero tutto, mettendosi a disposizione della squadra, non tirandosi mai indietro e giocando come se fossimo punto a punto, anche quando il gap non lasciava più dubbi su come sarebbe finita la partita. Ecco, questa è la mia squadra, questo è l’atteggiamento giusto”.

La cronaca dell’incontro non fa che confermare il dominio bianconero e la volontà dei giocatori di dimostrare, a se stessi prima di tutto, di aver superato il periodo di difficoltà.

La Tarros impiega più di due minuti per segnare il primo canestro: 180 secondi per prendere in mano la partita e non lasciarla più.

La prima frazione è piuttosto equilibrata, anche se dal secondo minuto in poi i bianconeri sono sempre avanti e chiudono il tempino sul 16-12, +4. La svolta si ha ad inizio del secondo quarto: parziale di 14-0, assoluto dominio dei padroni di casa ed il gap tra le due squadre diventa davvero consistente. La Tarros mette le mani sul match e va alla pausa lunga avanti di 19 punti. Il terzo tempino serve a mettere il risultato in cassaforte: la corsa dei padroni di casa è inarrestabile ed il divario nel tabellone si fa praticamente incolmabile: agli ultimi 10 minuti gli spezzini si presentano avanti di 34 lunghezze, sul 72-38. I titoli di cosa possono già scorrere, ma la quarta frazione serve a dimostrare che la Traros è davvero tornata perché nessuno cede di un passo, la tensione non cala minimamente, i bianconeri lottano su ogni pallone, anche quando il loro vantaggio supera i 40 punti. Si chiude leggermente sotto, con il tabellone che alla sirena segna 89-50, +39, a sancire una vittoria che è stata un vero e proprio dominio.

La Tarros vince e convince; ora, dopo aver ritrovato vittoria e gioco, deve ritrovare la continuità per tornare a sperare, perché se i giochi per i primi tre posti della classifica sembravano praticamente già fatti, ora, complice qualche risultato a sorpresa, potrebbero essersi riaperti. Certo ora, dopo il black out delle scorse settimane, la Tarros è costretta a guardare anche ai risultati che arrivano dagli altri parquet e sperare in combinazioni favorevoli. Prima di tutto, però, serve vincere: condizione sine qua non per continuare a sognare.

Prossimo appuntamento con la Tarros, sabato 21 marzo alle ore 21.00 sul parquet del Moncalieri.

SPEZIA BASKET CLUB TARROS – TECNOPOL SAVIGLIANO: 89-50 (16-12; 42-23; 72-38)

SPEZIA BASKET CLUB TARROS: Marchini 15, Dalpadulo 4, Ferrari 19, Seravalli 13, Laquintana 25, Caluri 0, Pipolo 7, Bucci 0, Fazio 2, Manzini 4. Coach Marco Mori

TECNOPOL SAVIGLIANO: Stassi 1, Marcello 14, Giusto 2, Sena 9, Sacco 5, Testa 6, Nicolucci 8, Agbogan 0, Mondino 3, Amateis 2. Coach Andrea Fiorito

Commenta
(Visited 12 times, 1 visits today)

About The Author