Serie C gir.E: Ortona troppo forte, Siena cede al Palaperucatti

LA SOVRANA PULIZIE VIRTUS SIENA-WE’RE BASKET ORTONA 54 – 76 (21-19; 31-43; 42-54)

La Sovrana Pulizie: Fatucchi 2, Cappelli, Ricci 4, Bianchi 9, Mugnaini 4, Zeneli 11, Olleia 10, Lenardon 7, Falossi 2, Nasello 5. All. Ricci.

Ortona: Di Carmine 9, Gialloreto 10, Musso 11, Leonzio 5, Brown 4, Agostinone, Diomede 4, Munjic 15, Gatteso 2, Comignani 16. All. Sorgentone.

SIENA- Ortona si dimostra una super corazzata e per la Virtus non c’è niente da fare. Nello spareggio di andata della fase finale della Coppa Italia, la Sovrana Pulizie perde tra le mura amiche contro la formazione abruzzese, che si impone con merito per 54-76. I ragazzi di coach Ricci (ancora out Imbrò) partono bene e tengono botta per oltre un quarto e mezzo, respingendo i tentativi di allungo degli ospiti. Nel periodo finale Ortona trova il break decisivo e chiude definitivamente la contesa sul +22. In avvio di match gli ospiti fanno subito valere la loro fisicità portandosi sullo 0-6. La Virtus riordina le idee ed affidandosi a Bianchi, Olleia e Zeneli prende in mano il pallino del gioco, superando Ortona e portandosi a +5 (17-12), salvo poi chiudere in vantaggio di 2 lunghezze alla prima sirena. Con gli ex rossoblu Diomede e Gialloreto non brillantissimi, ci pensa Comignani, subentrato dalla panchina, a dare il via al break abruzzese. Ortona gioca benissimo, sfruttando soprattutto la differenza di stazza sotto canestro e nel ruolo di 3, con i vari Brown, Munjic e Di Carmine che fanno la voce grossa. La Virtus è troppo morbida in difesa e gli ospiti non hanno troppe difficoltà a chiudere all’intervallo lungo sul +12. Nella terza frazione Ortona scappa subito a +16 con una tripla allo scadere dei 24’’ di Gialloreto, ma la Sovrana Pulizie non ci sta e con 2 buone iniziative di Nasello e Falossi torna a -11, costringendo coach Sorgentone al time-out. Si arriva così all’ultimo quarto con gli ospiti sul +12. In avvio di ultimo periodo il team abruzzese prova a chiudere il match spingendo sull’acceleratore. Diomede e Comignani colpiscono dalla distanza, mentre Munjic continua a dominare nel pitturato. Ortona scappa sul +18 a 7’ dalla fine e visto che domenica la Virtus è attesa da un match di campionato importantissimo, coach Ricci decide di dar fondo a tutta la sua panchina. Il match scivola via senza scossoni e con un paio di belle giocate di Zeneli (una schiacciata a due mani nel traffico) e Fatucchi (rubata e contropiede), concludendosi sul 54-76 per Ortona. Gli abruzzesi, già matematicamente qualificati prima di giocare, legittimano così l’accesso alle Final-8, rendendo praticamente una formalità la gara di ritorno. Per la Virtus sarà infatti difficilissimo ribaltare il risultato, ma resta sempre aperta la possibilità di qualificazione in caso di sconfitta di 2 squadre con peggiore coefficiente al termine del girone di andata. Ancora tutto è possibile.

Gara di ritorno ad Ortona giovedì 5 febbraio alle ore 20.30.

Ufficio Stampa Virtus Siena

Commenta
(Visited 21 times, 1 visits today)

About The Author