Serie C gir.F: Robur Osimo, sfuma il sogno play-off

Robur, il sogno play-off si spegne. La vittoria di Campli sabato pomeriggio nel campo della Loreto Pesaro ha matematicamente tagliato fuori i roburini dalla possibilità di arrivare alla terza posizione, ultimo piazzamento utile per raggiungere i play-off. Pertanto il derby contro la Vigor Matelica serviva solo per delineare gli ultimi piazzamenti in classifica generale. Ciò nonostante i ragazzi di Magrini e Balercia hanno onorato nel migliore dei modi il match, vincendo con autorità per 86-71 e blindando la quarta piazza. Un ottimo commiato dal pubblico del PalaBellini, che non ha fatto mancare il suo calore nonostante la sfida non avesse più risvolti play-off. Che dire? Rimane la delusione per non esser riusciti ad arrivare all’obiettivo, sfuggito veramente di un soffio. Tuttavia rimane la consapevolezza ai giocatori di aver dato tutto e di aver dimostrato di essere una squadra di livello. Onore ad Ortona e Falconara che hanno fatto campionato a sè e a Campli che è venuta fuori alla distanza, inanellando una striscia di undici vittorie consecutive. Tuttavia i nostri ragazzi hanno dimostrato sul campo di potersela giocare alla pari con chiunque e solamente un pò di sfortuna nei momenti topici della stagione ha impedito un accesso ai play-off che sarebbe stato il giusto coronamento per l’ottimo campionato disputato. Per quanto riguarda il match c’è da dire che è stato un derby intenso e giocato dalle due compagini senza troppa pressione. Ne è scaturita una bella sfida, con i roburini che hanno preso subito in mano le redini del gioco dopo un avvio stentato. La fiammata nel finale con un break di 11-2 ha indirizzato la gara a favore della Robur che chiudeva la frazione sul 28-20. Da lì in poi è stato un match in discesa per i roburini, che hanno limitato gli attacchi vigorini supportati dagli ex Amoroso e Usberti mentre i ragazzi di Magrini e Balercia incrementavano il loro vantaggio nel finale di quarto con un altro break di 12-3 firmato da Rossi e Quaglia. Si andava al riposo lungo sul 47-37. Nella terza frazione Matelica perdeva il filo del match e forzava molte giocate, mentre la Robur colpiva con inesorabile precisione e chiudeva sul 68-50. Ultimo quarto di gestione con la compagine di coach Pecchia che provava a rientrare sull’82-70 a due minuti dal termine, ma Quaglia e Rossi chiudevano definitivamente la pratica sull’86-71. “Ci tenevamo a chiudere nel migliore dei modi il campionato, – esordisce Emanuele Piloni – soprattutto vincere un derby davanti ai nostri tifosi che ci hanno sempre sostenuto. Purtroppo il risultato di Campli ci aveva già estromesso matematicamente dai play-off ma abbiamo dimostrato sul campo di essere una squadra che può giocarsela alla pari con chiunque. Dispiace che sia finita così. Purtroppo tra Dicembre e Gennaio abbiamo avuto un pò di problemi, con il cambio di alcuni giocatori e lo stop forzato di coach Francioni. Situazioni che chi hanno lasciato spaesati e nel momento topico della stagione siamo un pò mancati. Tuttavia quando siamo riusciti a ritrovare l’equilibrio abbiamo disputato una seconda parte di stagione ottima, vincendo anche sfide difficili contro Falconara e inanellando una striscia positiva importante. Con il regolamento “anomalo” di questa stagione siamo i primi dei non ammessi ai play-off. Sicuramente avremmo potuto dire la nostra anche nei play-off visto che siamo in un ottimo stato di forma. Comunque ci siamo tolti qualche soddisfazione, vincendo qualche derby importante. Da parte mia posso dire che questa esperienza, che sta per volgere al termine, è stata positiva. Mi sono trovato in un bell’ambiente e ringrazio la società per aver creduto in me. Lo scorso anno per motivi di studio sono stato fermo e pertanto – conclude Piloni – ringrazio la Robur per avermi dato fiducia”.

ROBUR OSIMO – VIGOR MATELICA 86-71 (28-20; 19-17; 21-13; 18-21)

 

OSIMO: Cardinali 10, Quaglia 22, Redolf 5, Rodriguez 17, Piloni 9, Cunico 3, Cardellini, Bakovic 7, David 1, Rossi 12. All. Magrini

MATELICA: Pecchia J. 10, Novatti 6, Servadio 4, Amoroso 31, Usberti 13, Ferretti, Alex, Nasini, Ciccolini 1, Dolic 6. All. Pecchia A.

Arbitri: Abbassi Omar di Ascoli Piceno e Vedovi Fabio di Fano (PU).

Commenta
(Visited 35 times, 1 visits today)

About The Author