Serie C gir.F: una Robur Osimo da sballo vince il derby d’alta quota con Falconara

Una Robur superlativa spazza via Falconara e continua la rincorsa alla terza piazza. In un match bello e avvincente, i roburini hanno dimostrato ancora una volta di poter recitare un ruolo da assoluti protagonisti in questo campionato mettendo in un campo un grandissimo gioco corale e colpendo la Sandretto con ottime percentuali al tiro, concedendo poco o niente agli avversari. Da sottolineare il ritorno in panchina, insieme ai coach Magrini e Balercia, di coach Francesco Francioni dopo la lunga assenza per malattia. Partenza vibrante e aggressiva della Robur che mette da parte gli inizi soft delle altre occasioni e colpisce Falconara sia dall’arco dei 6.25 che in penetrazione. Gli ospiti sono sorretti dalle giocate individuali dei suoi protagonisti, Maggiotto e Benini su tutti, e riescono a rimanere agganciati ai roburini. Equilibrio confermato anche nella seconda frazione con i ragazzi di Magrini e Balercia che conducono il gioco in un match ad alti ritmi ma proprio nel finale la compagine di coach Reggiani trova l’aggancio sul 39-39. Terza frazione in cui i roburini partono non troppo convinti e Falconara ne approfitta trovando il primo vantaggio della serata sul +4, ma poi l’inerzia della sfida cambia nuovamente. Redolf buca la retina dall’arco dei 6.25 con precisione chirurgica e i roburini riprendono a macinare gioco. La Sandretto inizia ad innervosirsi e a non trovare più il canestro con continuità come nei primi due quarti e la Robur fugge sul 61-53. Finale tutto in discesa con i ragazzi di Magrini e Balercia che continuano a premere sull’acceleratore mentre Falconara va in tilt e gli ultimi minuti sono quasi una passerella per una grandissima Robur. “Siamo riusciti a mettere in campo quello che avevamo preparato in settimana – esordisce coach Maurizio Magrini – Siamo stati molto bravi a rimanere concentrati per tutto il match e faccio i complimenti a tutti i ragazzi per aver dato il massimo. Probabilmente è stata la miglior prestazione dell’anno, in una gara dagli alti contenuti tecnici, quasi di categoria superiore. Abbiamo risposto positivamente a questa sfida veramente difficile. E’ la conferma che noi abbiamo un obiettivo preciso, ovvero il terzo posto e faremo di tutto per cercare di raggiungerlo. L’importante è giocare sempre con questa intensità e questa grinta, se poi non riusciremo a raggiungerlo avremo però la consapevolezza di aver dato il massimo e di aver fatto tutto il possibile per arrivarci. Abbiamo dimostrato di essere una squadra che può giocarsela alla pari con tutti, anche con una compagine attrezzata e ben organizzata come Falconara. Siamo riusciti a limitarli e a colpirli con ottime percentuali al tiro. Ora dobbiamo rimanere concentrati – conclude Magrini – perché restano poche partite e saranno tutte finali”.

ROBUR – FALCONARA 86-65 (21-17; 39-39; 61-53; 86-65)

OSIMO: Breccia ne, Cunico 5, Cardellini 9, Cardinali 2, David 3, Quaglia 17, Redolf 17, Rodriguez 13, Rossi 12, Piloni 8 All. Magrini

FALCONARA: Gnaccarini 3, Pozzetti 2, Benini 11, Chiorri 8, Oprandi 4, Baldoni 4, Valentini 2, Maggiotto 14, Bartoli ne, Tessitore 17 All. Reggiani

Arbitri: Bertuccioli Nicolò di Pesaro e Curiotto Davide di Amelia (TR).

Spettatori: 800 circa

Commenta
(Visited 14 times, 1 visits today)

About The Author