Serie C gir.H: Virtus Pozzuoli, coach Serpico analizza la gara con Ostuni

La prima missione è stata compiuta. La sconfitta a San Severo è stata resa un piccolo incidente di percorso dal +25 (86–61) rifilato all’Ostuni che, sulla distanza, ha ceduto. Sempre avanti nel risultato, nella ripresa la Gma Virtus Pozzuoli ha giocato con più leggerezza, scioltezza, regalando percentuali realizzative superiori (48 punti segnati). “Ci tenevamo soprattutto a vincere – ricorda coach Mauro SerpicoImmaginavamo che poteva essere una gara strana, particolare per le diverse motivazioni delle due squadre. Volevamo partire forte per costruirci un margine importante da poter gestire. Ci siamo riusciti anche se con un po’ di fatica (+8 al 10°, +9 al 20°). Non sempre ci alleniamo a ranghi completi per diversi motivi e, questo, non ci consente di preparare adeguatamente tutti i quintetti. Quando il campo hai una formazione meno rodata si nota una minore fluidità di gioco. Sono meccanismi che dobbiamo migliorare”. Sarà fatto nelle prossime settimane anche alla luce delle indicazioni emerse da quest’incontro in cui il fatturato offensivo dei flegrei è decollato nella ripresa. Nel primo tempo i brindisini hanno rallentato l’ingresso nei giochi, sporcato passaggi, recuperato palloni. L’aumento dei falli, il calo delle energie ha penalizzato i pugliesi che, poi, hanno, pure, dovuto fronteggiare la serata magica di Stefano Orefice: 29 punti con 6/7 da tre (per l’esterno anche 6 recuperi e 4 rimbalzi). “Quando è “caldo” fa la differenza – sottolinea il tecnico – Domenica lo era ed abbiamo sfruttato questa condizione. Positiva la sua performance, ma importante anche quella degli altri che hanno scritto tutti il proprio nome sul tabellino. Hanno terminato il confronto in doppia cifra anche Luongo (12 con 6 rimbalzi), Bastoni (12 con 6/6 da 2), Innocente (11 con 10 rimbalzi)”. Meno canestri, ma “fatti” ugualmente utili alla causa per Aprea (3 rimbalzi, 3 assist e 3 falli subiti), Orsini (2 rimbalzi e 2 falli subiti), Loncarevic (7 rimbalzi), Errico (3 rimbalzi e 1 assist). Minuti significativi anche per i giovani Longobardi (13’ con 4 punti, 1 assist ed 1 rimbalzo) e Caresta (6’ con 3 punti, 2 rimbalzi).

Commenta
(Visited 10 times, 1 visits today)

About The Author