Serie C gir.H: Virtus Pozzuoli, coach Serpico è cauto: "Alla fine tireremo le somme"

La rincorsa continua. La distanza dal podio della classifica è importante, cospicua (8 lunghezze), ma il buon momento va sfruttato, cavalcato. La speranza e l’ambizione devono essere le ultime a morire perché, in questo sport più di altri, tutto può sempre accadere. Solo la sirena del 30° turno della regular season emetterà i verdetti definitivi, insindacabili. “Sino a quella giornata proveremo ad arrivare più in alto è possibile – chiarisce coach Mauro SerpicoSoltanto la sera del 19 aprile prossimo tireremo le somme. Per ora dobbiamo solo concentrarci su una partita per volta per ottenere il massimo da ognuna. Sicuramente pensando al girone d’andata non faccio grandi ragionamenti. Mi concentro soprattutto sui confronti casalinghi ed in particolare su quelli con il Magic Team Benevento (65–76 del 5 ottobre) e con il Bernalda (76–85 del 9 novembre). Se li avessimo vinti entrambi, oggi, saremmo a sole 4 lunghezze dal terzo posto, quindi, in piena corsa per quel traguardo. Comunque ci proveremo sino all’ultimo senza mai mollare”. La giusta mentalità che ha sempre contraddistinto, anche nei momenti più difficili, la Gma Virtus Pozzuoli che ora sta iniziando a raccogliere i frutti dell’impegno profuso e del lavoro svolto. Sabato sera, contro Potenza, i flegrei hanno centrato il 5° successo consecutivo. Un +32 (81–49) che può apparire semplice, ma non lo è stato. Soprattutto nel periodo inaugurale i lucani hanno reso la vita dura ai campani che apparivano poco concentrati, attenti in entrambe le fasi di gioco (11–17 al 10°). Il risultato ha sorriso ai viaggianti sino al 14° (22–23) quando è iniziata un’altra gara: 8–2 il break del sorpasso (30–25 al 20°). Una volta avanti i gialloblù non si sono più voltati indietro sciorinando tante belle azioni offensive e la giusta applicazione, concentrazione in difesa (44–18 l’eloquente parziale della ripresa). “Nel primo quarto abbiamo faticato un poco – riconosce l’allenatore – Sulla distanza siamo stati bravi a costruire tiri puliti che ci hanno permesso di recuperare il divario, ma soprattutto di fuggire via, ampliando progressivamente il vantaggio. Sono contento per la conquista della 5a vittoria consecutiva. Abbiamo così recuperato la medesima serie negativa rimediata nel girone d’andata”. San Severo (49–89), Ostuni (68–59), Bernalda, Scafati (83–80), Sarno (75–81) sono gli stop (interni e esterni) che hanno rallentato il cammino dei partenopei che, ora, sono attesi dagli stessi ostacoli (ma a campi invertiti).

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author