Serie D Puglia: Action Now, impegno e coraggio non bastano per superare il S.Pietro

Inizia con una sconfitta il girone di ritorno della Serie D pugliese per l’Action Now! Monopoli, che incappa nella seconda sconfitta consecutiva nella delicata trasferta di S. Pietro Vernotico. Un match che sarebbe stato complicato anche giocando a ranghi completi, poiché la squadra di coach De Vita è una delle formazioni più solide del campionato, avendo un roster ben assortito tra esperienza e qualità fisica e tecnica.

Arduo andare a punti su un campo così difficile dovendo rinunciare ad uomini del calibro di Rollo, Masciulli, Lagalante e capitan Rosato, soprattutto perché anche tra gli “arruolati” vi erano giocatori in condizioni precarie, come Leo Dimola (fermo da settimane per problemi muscolari) e Stomeo (alle prese con un principio di pubalgia).

L’Action Now! ci ha provato con tutte le sue forze e per 3 quarti ha tenuto testa agli avversari, arrivando agli ultimi decisivi 10 minuti di gioco con mezzo canestro di vantaggio (51 – 52). Ma il basket a volte sa essere scientifico e – com’era ampiamente prevedibile – le forze hanno cominciato a difettare proprio a quei giocatori che non erano al meglio, ma che coach Carolillo non aveva fino allora potuto risparmiare. Il S. Pietro ha saputo attendere il momento migliore per sferrare il colpo del k.o., giocando in modo semplice e tatticamente sagace: nulla da fare per i biancazzurri, che non avevano risorse psico – fisiche per resistere all’ultima, decisiva spallata dei giocatori di casa, sospinti da uno scatenato Bruno. Una prova dignitosissima per il team monopolitano, che ha avuto la cattiva sorte di arrivare ad un momento decisivo della sua stagione privo di diversi giocatori fondamentali. Ancora bene i giovani del ’98 Calisi e Palmitessa, ed il ’95 Russano. Encomiabile Leo Dimola finchè le forze lo hanno sostenuto, mentre Ciccio Centrone sta recuperando di gara in gara un livello di forma accettabile, considerato il lungo stop.

Sereno il coach Sergio Carolillo a fine gara: “Nulla da rimproverare ai ragazzi, stasera abbiamo dato tutto quello che avevamo. Restare in partita fino alla fine è stato possibile solo grazie all’orgoglio ed alla voglia di non mollare, ma ad un certo punto non eravamo più lucidi ed i problemi di falli di Sabino Calabretto ci sono stati fatali, la sua uscita è coincisa con il break decisivo. Non ci abbattiamo, abbiamo le risorse tecniche ed il morale per uscire da questa situazione in fretta. Naturalmente, abbiamo bisogno di recuperare uomini e salute, ma sapremo stringere i denti e ripartire, come abbiamo sempre fatto negli ultimi 2 anni”.

Sabato si torna in casa, ospitando il Molfetta di coach Ilario Azzolini.

U.S. SAN PIETRO – ACTION NOW! MONOPOLI 78 – 66

(1° Q: 16 – 19; 2° Q: 34 – 34; 3° Q: 51 – 52)

U.S. SAN PIETRO: Dell’Atti 8, Bruno 27, Risolo 14, Pennetta 0, Masi 12, Piliego 3, Puglia 13, Roma 0, Miglietta n.e., Favatano 1. All.: Mimmo De Vita

ACTION NOW MONOPOLI: Stomeo 0, Calabretto 12, Palmitessa 3, Calisi 13, Centrone F. 18, Russano 9, Sabato 0, Dimola 11, Settanni e Centrone L. n.e.. Allenatore: Sergio Carolillo

Arbitri: Rizzi e Saggese

Commenta
(Visited 36 times, 1 visits today)

About The Author