Serie D Toscana: la SBA fa l'impresa a Chiesina e vola in finale play-off

Don Carlos Chiesina-Scuola Basket Arezzo 80-86
Parziali: 25-22; 50-42; 62-66
Don Carlos: salani 6, moroni 18, cappellini 11, iozzelli 1, santini 6, puccinelli 2, ormeni 21, romano 9, boncristiani 5, amico 1 All. Traversi
SBA: castelli 17, nencioli 2, cutini 14, peruzzi 5, castellucci 8, cappanni 5, balsimini 2, giommetti 8, provenzal, kebede 25. All. Liberto

La SBA coglie il risultato che non era ancora riuscito a nessuno in questa stagione ovvero sbancare il PalaFiume di Chiesina Uzzanese con il punteggio di 86 a 80 in Gara 3 di Semifinale PlayOff guadagnandosi il diritto di giocarsi la promozione in Serie C. Gli amaranto fin dai primi minuti giocano la partita a viso aperto, mantenendo un ritmo alto nonostante il Don Carlos avesse preso nella prima parte l’inerzia del match con i punti di Cappellini e Ormeni. la SBA infatti rimane a stretto contatto con gli avversari (25-22 al 10′) e solo una deficitaria percentuale ai liberi (8 su 16 al 20′) consente a Chisina di andare all’intervallo avanti di 8 lunghezze con il punteggio di 50-42. Al rientro dagli spogliatoi gli aretini con i denti rientrano subito in partita, Kebede diventa una vera spina nel fianco della difesa pistoiese, così punto dopo punto è Balsimini a regalare il primo vantaggio ospite con un appoggio da sotto. Ancora un gioco da tre punti di Kebede vale il più 4 al 30′ (66-62) con la SBA che sembra avere le contromosse giuste per frenare la determinazione della coppia Ormeni-Moroni. Capitan Castelli apre il quarto decisivo con una tripla molto pesante che ricaccia indietro la rimonta dei padroni di casa, ma la gara scivola via sui piani dell’equilibrio nonostante la SBA abbia qualche lunghezza di vantaggio. Un positivo Moroni al rientro dopo la squalifica firma il sorpasso del Don Carlos sul 75-74, ma Castellucci e Balsimini firmano il vantaggio preziosissimo aretino. Cutini e Giommetti trovano due canestri da sotto di fondamentale importanza, poi è un contropiede di Castellucci a tagliare le gambe a Chiesina. I punti dalla lunetta di Salani non bastano per ribaltare la partita perchè prima Castellucci poi Kebede non falliscono i canestri che valgono una splendida vittoria e l’accesso in finale. Festa grande per il pubblico aretino salito a Chiesina per spingere la squadra verso un traguardo ambizioso, alla sirena finale (86-80) meritati festeggiamenti in casa amaranto, ma i complimenti vanno anche ad un avversario mai domo come il Don Carlos di coach Traversi che ha venduto cara la pelle fino all’ultimo secondo. Adesso gli amaranto cominceranno a pensare alla finale che inizierà mel prossimo weekend, serie che sarà al meglio delle cinque partite contro un avversario che uscirà dalla sfida tra Sestese e Quarrata.

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author