Sfida insidiosa per Forlì, arriva la Scaligera Verona

Vittoria ed aggancio in classifica – con conseguente ‘sorpasso’ – in virtù di una prestazione energica di elevato spessore. E’ questo ciò che rimane, in tutto l’ambiente Unieuro, della festosa domenica al PalaRossini di Ancona. Un successo fondamentale e davvero imprescindibile per la corsa salvezza della compagine biancorossa, che apre ora un ‘mini-campionato’ di sei giornate complessive da qui a fine aprile con grande positività e consapevolezza dei propri mezzi. Sì, perchè sommando la decisa affermazione di sette giorni prima contro Piacenza alla vittoria (altrettanto ‘netta’) su Recanati, gli uomini di coach Valli hanno dato una ‘sferzata’ al proprio cammino tanto sul piano dei risultati quanto più sul piano del gioco, facendo scattare una ‘scintilla’ generale alla quale il tifo forlivese non è certamente nuovo.

Unieuro che cercherà dunque di continuare a ‘cavalcare’ l’onda positiva anche nel prossimo appuntamento di campionato, in cui i biancorossi si troveranno ad affrontare un avversario di rango quale la Scaligera Verona. Squadra solida, profonda nelle rotazioni e dall’elevato potenziale tecnico, i gialloblù veneti pagano a caro prezzo, in termini di classifica, lo ‘scotto’ di un inizio di stagione non propriamente dei migliori, costato l’esonero a coach Fabrizio Frates dopo appena otto turni di campionato. Andamento completamente ribaltato, poi, con l’arrivo in panchina dell’imolese Luca Dalmonte, abile a far rialzare la testa alla Tezenis dando grande continuità di risultati (tre vittorie di fila negli ultimi tre impegni), senza andare comunque a ‘toccare’ gli equilibri di squadra. L’unico arrivo stagionale in casa Scaligera, infatti, porta il nome del playmaker classe ’94 Andrea Amato, sbarcato poche settimane fa in riva all’Adige in prestito dalla ‘casa madre’ Olimpia Milano, dopo aver disputato la prima metà di stagione con la maglia di Cremona. Ma, del resto, con individualità del calibro dell’esperto Dawan Robinson e della grande rivelazione Michael Frazier (17.8 punti di media), tra i tanti altri, servono davvero pochi innesti.

Settimana di grande carica emotiva, invece, quella vissuta dalle parti di via Punta di Ferro, con gli ultimi due successi contro Piacenza e Recanati che hanno finalmente fatto respirare ‘aria sana’ a tutto il gruppo forlivese dopo infiniti mesi di sofferenza. Unica nota stonata in tutto ciò, se non altro, sono le notizie in arrivo dall’infermeria biancorossa riguardanti Davide Reati: fermo dal 29 gennaio scorso per un problema al polso destro, per ‘sistemare’ la lesione il giocatore dovrà giocoforza andare sotto i ferri, operazione che verrà effettuata già nei prossimi giorni. Tempi di recupero? Il decorso post-operatorio è stimato intorno ai 45-60 giorni, dunque, salvo un clamoroso recupero ‘lampo’, Davide dovrà considerare anzitempo conclusa la sua stagione. Nulla di preoccupante, infine, per Ryan Amoroso, con la bruttissima caduta del PalaRossini che, fortunatamente, non ha dato alcun problema degno di sorta. Sarà puntualmente della partita anche Paolo Rotondo, non al massimo della condizione per la ‘solita’ pubalgia ed anche febbricitante negli scorsi giorni.

Ufficio Stampa Pallacanestro Forlì 2.015

Commenta
(Visited 20 times, 1 visits today)

About The Author