Si salva Civitanova, la Galletto Carpedil si giocherà la salvezza col Castel Carugate

 

Amara pure gara 2 con le marchigiane. Braida: “Troppo macchinose nella seconda metà”

 

La Galletto Carpedil Salerno si arrende anche in gara 2 alla Infa Feba Civitanova Marche e dovrà necessariamente giocarsi la salvezza in A2 femminile nella seconda ed ultima serie playout che avrà inizio il 1 maggio: avversaria di turno sarà una compagine lombarda, Castel Carugate, kappaò nel doppio confronto contro Castelnuovo Scrivia.

Al PalaSilvestri non basta una Costa in più, rispetto a gara 1, nello scacchiere delle granatine. Partenza contratta: subito a segno le ospiti, poi De Mitri apre le marcature delle sue con una tripla. Penetrazioni di Dentamaro positive, gara equilibrata e granatine che non riescono ad arrivare allo strappo decisivo (15-15 al primo intervallo). Lo fa Civitanova a fine secondo quarto, con l’esperienza di Gomes a fare da traino e qualche errore di troppo di Salerno in fase difensiva: 29-37 a fine secondo quarto. Il terzo periodo inizia con una tripla di De Mitri ma non è la sveglia, solo un’illusione: le ospiti arrivano anche a + 14 dopo 4’, poi Salerno risale fino al 48-58 che conduce all’ultimo quarto. Dove, tuttavia, la Infa Feba allunga: circolazione di palla migliore, facilità di arrivare a canestro con la fisicità di Vorlova che non presenta una Galletto Carpedil Salerno arruffona in attacco, distratta in difesa e penalizzata da qualche fallo di troppo fischiato a Costa. Finisce 60-80, dopo il ko di gara 1 nelle Marche arriva il poco atteso bis.

“Nei primi due quarti abbiamo giocato bene, poi siamo diventati prevedibili e macchinose. Al rientro dagli spogliatoi siamo sempre nervose e non riusciamo a reggere il gioco. L’agonismo c’è stato, è una buona indicazione, ma per salvarsi occorre anche altro e adesso il tempo è davvero poco. Ci giocheremo l’ultima serie playout sperando di recuperare qualche giocatrice e cercando di migliorare il più possibile”, il commento di coach Sara Braida. Ora sotto col Castel Carugate: dieci giorni di tempo per preparare la prima sfida, adesso è vietato fallire.

 

TABELLINO – GALLETTO CARPEDIL SALERNO-INFA FEBA CIVITANOVA MARCHE 60-80 (15-15; 29-37; 48-58)

SALERNO: Assentato, Sapienza 4, Rauti 13, Costabile, Dentamaro 10, Pastena, Diouf 8, Fabbricini 1, Costa 9, Patera 2, De Mitri 13. All: Gibboni-Braida.

CIVITANOVA MARCHE: Zaccari, Gomes 15, Perini 11, Bocola 2, Trobbiani 4, Di Costanzo 7, Vinciguerra, Marinelli 4, Stronati, Vorlova 23, Manzini 14. All: Perini E.

Arbitri: Valleriani e Picchi di Ferentino

 

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author