In casa SIBE si tirano le somme al termine di un anno positivo anche se sfortunato

Già aver chiuso l’anno solare con un record positivo, 17 vittorie contro le 16 sconfitte, per i Dragons non può che essere considerato un successo, considerato soprattutto i tanti infortuni che hanno costretto la SIBE a dover giocare almeno 25 delle 33 gare stagionali, ad handicap. Le 19 gare saltate per infortunio dal bomber Staino sono state un macigno per i lanieri, come lo sono in questo ultimo periodo le assenze forzate di Biscardi e Fontani. Ma lo staff pratese non vuole piangere sul latte versato tant’è che il lavoro supercompetente di tutti, sta dando ugualmente ottimi frutti. La SIBE è adesso appaiata a Montevarchi al 4° posto in classifica ed insegue Arezzo, che la precede di due lunghezze, e la coppia San Vincenzo – CMB Carrara di 4. Altro motivo di vanto per tutta la Dragons Family, è la crescita del settore giovanile. Per la prima volta dopo diversi anni, la Pallacanestro 2000 torna a lavorare in proprio sulla cantera, settore che aveva appaltato ad un’altra società del territorio. Da settembre, non solo minibasket, iniziato in collaborazione con il CGFS l’anno precedente, ma sono state iscritte anche due squadre ai campionati regionali: l’Under 13 e l’Under 14 affidate alla esperta guida di Carlo Mariotti, che si avvale della collaborazione di un encomiabile giovane istruttore, Marco Gabbiani e dell’esperienza di Marco Masi. Il responsabile del settore giovanile Fabio Amerighi s’è detto più che soddisfatto di questa prima parte di annata, soprattutto per il gran coinvolgimento delle famiglie che hanno dato fiducia in fin dei conti, ad una società per molti versi alle prime e armi, anche se non dimentichiamo che nella prima decade del 2000 sono stati innumerevoli i giocatori che hanno fatto splendide carriere, uscendo dal vivaio dei Dragons. Soddisfazione anche per i risultati agonistici, con l’Under 13 addirittura arrivata da 2^ alla seconda fase. Anche l’Under 14, pur con tanti ragazzi sotto età, si sta comportando meglio del previsto, ed ha terminato il girone d’andata con ben 4 vittorie! Anche Esordienti ed Aquilotti si stanno facendo onore nei loro tornei di minibasket. L’Under 20 affidata a coach Fusi, era partita alla grande, ma sta patendo oltre alla rosa quasi completamente sotto età, anche l’esigenza di dare settimanalmente diversi effettivi alla prima squadra, falcidiata dagli infortuni. Ma la determinazione dei ragazzi darà sicuramente buoni risultati nel girone di ritorno.

Per tornare alla prima squadra, abbiamo chiesto a coach Pinelli cosa si aspetta dal nuovo anno:
“Dal 2018 mi aspetto di vedere sul campo di quello che stiamo programmando, e già intravedendo sul campo e fuori , con l’ambiente e il movimento in crescita continua; Dragons Junior Program è un’idea interessante, che in poco tempo siamo riusciti a rendere reale, e che sta dando ottimi risultati: le collaborazioni nate con CGFS, Poggio a Caiano e Calenzano, e presto con le altre realtà della provincia di Prato, sono la risposta di come Prato e la Provincia hanno voglia di fare crescere la Pallacanestro; tocca quindi a noi, stimolare il territorio e fare di tutto per alzare il livello per lo sport che più amiamo. Gli effetti positivi del Dragons Junior Program, sono già reali e hanno toccato tutti i livelli, dal mini basket alla prima squadra, basti pensare non solo ai progressi dei nostri giovanissimi Sangermano e Lancisi, ma ai minuti giocati in coppa dal 15enne Saccenti o dal tesseramento in prima squadra dei giovani 2001 e 2002 di Calenzano, con Pittoni e Rosi già convocati. Poi ovviamente per la nostra prima squadra non disdegnerei nel 2018 di poter dimostrare il valore del nostro roster schierando la squadra al completo”.

E di questo campionato Silver, cosa ne pensi? È un torneo ancora non del tutto decifrabile, perché ovunque c’è qualità equilibrio, energia e grande agonismo. Bisogna vedere come le squadre arriveranno alla post season dove condizione fisica e psicologica saranno determinanti”.

Venendo a questo momento con i tanti infortuni e considerato anche che in pratica sono stati sostituiti ben 6 giocatori con solo tre, coach Pinelli, ha tenuto a ringraziare il suo staff, a partire dall’assistent coach Massimo Fusi, ai preparatori Ciofi ed al suo aiuto Parretti, al medico sociale Dr. Niccolò Gori, per finire al massofisioterapista Giovanni Limberti, ormai un’istituzione per tutti i Dragons.

Il tecnico, alla quinta stagione sul “pino” pratese ha po chiosato: “Sono orgoglioso della nostra squadra, stanno lottando tutti i giorni e facendo un viaggio che li renderà più ricchi. Il gruppo si è plasmato da subito. Aggiungere alla già elevatissima qualità morale dei senatori, persone come Pinna, Fontani e Marchini ha dato molto, soprattutto in momenti di apparente difficoltà. La squadra sta lavorando bene, gli infortuni di Fontani e Biscardi e le assenze per lavoro di Marchini, non hanno scalfito l’identità e la voglia; anzi hanno aumentato negli altri responsabilità e consapevolezza. Il gruppo e l’ambiente ancora una volta sono stati il motore di tutto, ancora una volta in casa nostra le difficoltà e i problemi sono state vissute come opportunità e un occasioni per crescere più in fretta”.

Infine tutto lo staff dirigenziale oltre ai ringraziamenti, desidera augurare uno strepitoso 2018 a tutti quelli che gli sono vicini: i supporter, gli sponsor, TV Prato e tutti i media che segue con attenzione e simpatia la squadra, i tecnici, l’equipe medico fisioterapica, i giocatori dal più vecchio al più giovane, ed alle loro fondamentali famiglie.

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Prato Dragons

Commenta
(Visited 33 times, 1 visits today)

About The Author