Sicoma Valdiceppo sconfitta da Matera nel recupero della quinta giornata

Ancora una gara coraggiosa da parte dei ragazzi di Pierotti, davanti al solito straordinario pubblico del PalaCestellini. Era il recupero della partita rinviata per via degli eventi sismici, contro un’Olimpia Matera che però si è presentata in campo forte di due vittorie consecutivi e con maggiore consapevolezza dei propri mezzi. La formazione di Roberto Miriello era infatti alla ricerca degli equilibri giusti all’interno di un roster tra i più competitivi del girone, potendo contare su giocatori di categoria superiore come Laudoni o Zampolli. A più riprese la Sicoma è tornata a contatto, giocando a viso aperto e cercando di portare la partita sul proprio terreno, quello del campo aperto e delle giocate in transizione. Ha preso la testa a metà del secondo quarto, a metà partita era sul 39 pari. ma alla lunga ha dovuto pagare dazio alla maggiore fisicità dei materani all’interno del pitturato.
La sfida la apre Laudoni dopo 40”, ma Meschini, Orlandi e Meccoli da tre capovolgono il punteggio (7-2). Lestini prova a far rientrare i suoi dall’arco, ma Burini rintuzza (10-5). Matera pareggia con Grande, Laudoni e un libero di Crotta (10-10). Dopo una serie di schermaglie, con il risultato sempre sulle ali della parità, Orlandi, Negrotti e Panzieri regalano la fuga di fine quarto ai padroni di casa (20-16). Panzieri regala il massimo vantaggio ai suoi ad inizio del secondo quarto (22-16), ma la tripla di Cantagalli fa rientrare gli ospiti (22-19). I due liberi di Zampolli riportano avanti l’Olimpia al 12’34” (22-23), ma la gara torna in equilibrio. Le due squadre rispondono colpo su colpo fino al 27-27. Negrotti e Burini realizzano da fuori, quest’ultimo segna anche da due e l’8-0 parziale porta al nuovo massimo vantaggio i padroni di casa (35-27). Zampolli non ci sta e dimezza il vantaggio con due canestri (35-31). I sei punti di Grande, intervallati solamente da un libero su due realizzato da Meccoli, restituiscono la parità all’incontro a pochi secondi dal riposo lungo (39-39).
Al rientro dagli spogliatoi l’Olimpia cambia marcia. Zampolli da tre e Grande dall’area preparano la fuga (39-44). Poi grazie ai loro canestri e quelli di Laudoni e Lestini, il Matera vala sul +10 (42-52). Meschini prova un accenno di reazione, ma Lestini segna dai 6.75 e poi serve l’assist vincente per Ravazzani al 24’48” (44-57). Gli ospiti rispondono colpo su colpo ai tentativi di rientrare da parte di Perugia e Laudoni dopo una stoppata va fino in fondo e realizza il canestro che chiude il terzo quarto (55-63). Nell’occasione Valdiceppo subisce anche un fallo tecnico di squadra. Si riprende con Grande in lunetta e possesso per Matera. Il play biancazzurro non sbaglia (55-64). Il divario cresce e il canestro dall’area di Zampolli vale il nuovo massimo vantaggio per Matera +14 al 34’03” (58-72). Panzieri nel corso del 39′ realizza i punti che provano a far rientrare i suoi (71-77), ma i biancazzurri ospiti allungano ancora con una schiacciata di Lestini, poi Laudoni e Zampolli. Matera, che chiude sul 71-85 la sfida, per una coraggiosa Sicoma la conferma che è dura, ma che le possibilità di competere per la salvezza ci sono tutte. Dopo il match la partecipazione alla tradizionale Cena di Natale di centinaia di appassionati e tifosi dimostra il sostegno e la passione che c’è intorno a questa squadra e a questo progetto e la volontà da parte di tutto l’ambiente di giocarsi tutte le carte a disposizione per raggiungere un obiettivo prestigioso per tutto il movimento

Commenta
(Visited 21 times, 1 visits today)

About The Author