Spezia Basket Club Tarros-Basket Sestri Levante 91-77, i Tarros non brillano ma vincono lo stesso

Preferisco arrivare alla partita con il Cus dopo la prestazione di oggi che non dopo la prova della scorsa settimana contro il Follo. Abbiamo qualche giorno per rimettere a posto alcuni aspetti della fase difensiva”: guarda il lato positivo della prestazione non eccelsa dei suoi, coach Andrea Padovan, che, al termine della partita vinta ma sofferta contro il Sestri, è già proiettato alla settimana di lavoro, in vista dell’impegno fondamentale contro i genovesi. Sarà infatti quella, probabilmente, la partita decisiva in chiave griglia play-off, posto che, comunque, ci saranno poi altre due giornate di regular season.

Ma torniamo al match di oggi; come dicevamo una partita un po’ sottotono per i bianconeri che hanno mostrato alcune defaillance soprattutto in fase difensiva, che hanno poi condizionato anche l’attacco. Molti punti, infatti, sono arrivati grazie a lampi personali ed al talento individuale, appiglio al quale affidarsi quando manca la manovra corale.

Bisogna considerare, però, anche gli avversari, ai quali vanno i complimenti del tecnico spezzino: “Lo avevo detto anche alla vigilia che sarebbe stata una partita ostica; la loro è una squadra di cinque guardie e ci crea difficoltà per quanto concerne gli accoppiamenti difensivi. Poi un plauso sicuramente va fatto anche all’atteggiamento che hanno messo sul parquet, una grande grinta dalla palla a due alla sirena. Il nostro merito, e soprattutto il merito dei ragazzi che ho lasciato che in un qualche modo trovassero la maturità di tirarsi fuori dalla situazione da soli, è stato quello di aver piano piano trovato la quadra”.

Chiosa perfettamente il Presidente Danilo Caluri: “Se questa squadra non resta squadra operaia, non conclude nulla” – poi anche lui sottolinea la difficoltà del match – “Il Sestri, non dimentichiamolo, e lo abbiamo visto, è squadra rognosa”.

In effetti i bianconeri non hanno avuto vita facile. Buona la partenza, con il primo quarto chiuso avanti di 6 punti, anche se, fin dall’inizio, si è visto che in fase difensiva la Tarros non aveva la precisione e la brillantezza di altre partite. Nella seconda frazione il leitmotiv non cambia ed il Sestri si porta anche, seppure per poco e con il minimo scarto, in vantaggio. Poi i padroni di casa, grazie ad un break nel finale di 9-0, vanno alla pausa lunga avanti di 8 lunghezze.

Un po’ meglio la fase difensiva bianconera al rientro sul parquet, dopo le parole di coach Padovan negli spogliatoi. I ragazzi pian piano trovano la quadra e finiscono in crescendo. Il punteggio non fa che rispecchiare questo. Si chiude sul 91-77.

Due punti sudati, ma che sono comunque una prova di maturità e di crescita, anche se sul fronte del gioco si è visto qualche passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Ma, come sottolineato, bisogna tenere conto anche degli avversari e delle loro caratteristiche. Ora ad attendere i bianconeri è una settimana di duro lavoro, con alcuni aspetti difensivi da puntualizzare, in vista dell’impegno fondamentale contro il Cus. Appuntamento a Genova sabato 25 febbraio alle 18.45.

Tabellino

Spezia Basket Club Tarros – Basket Sestri Levante: 91-77 (27-21; 48-40; 68-55)

Spezia Basket Club Tarros: Pipolo 17, Visigalli 31, Tringale n.e., Fazio 2, Kuntic 26, Melley 1, Santoni 14. Coach Padovan.

Basket Sestri Levante: Davini 2, Pardi 2, Ferri R. 4, Ferri E. 20, Garibotto 30, Massucco 6, Poltroneri 10, Calzolari 3. Coach Canepa.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Spezia Basket Club Tarros

Commenta
(Visited 33 times, 1 visits today)

About The Author