Su Stentu Sestu, coach Sassaro: "La partita non sarà decisiva, il cammino è ancora lungo"

Sull’onda dell’entusiasmo dopo i tre successi consecutivi ottenuti contro Costa Volpino, Crema e Milano, il Su Stentu Sestu si prepara ad affrontare lo scontro diretto di domenica pomeriggio sul campo dell’Argomm Iseo, ora solitaria all’ultimo posto in classifica con 10 punti. Il match rappresenta un crocevia importante per il cammino salvezza delle due formazioni, anche se coach Sassaro invita alla prudenza: “Non voglio certo negare il peso specifico di questo incontro – dichiara – però non penso che si rivelerà decisivo in senso assoluto. Il cammino è ancora molto lungo, a prescindere da quello che sarà l’esito finale di domenica”.

Forti dei 6 punti in fila conquistati, i Pirates viaggiano a vele spiegate: “E’ vero – ammette il tecnico – la vittoria ottenuta su Milano ci permette di affrontare questa partita con un pizzico di tranquillità in più, ma stiamo attenti a non trarre conclusioni affrettate. Per passare dalle stelle alle stalle, in questo campionato, ci vuole davvero pochissimo. Tra noi e Iseo ci sono solo due punti di differenza: non esattamente un abisso. Dunque non ci facciamo illusioni, domenica ci attende una gara davvero complessa”.

Nonostante occupi l’ultimo gradino della classifica (l’unico che apre direttamente le porte della Serie C), Iseo è tutt’altro che una squadra in disarmo. Lo scorso sabato la formazione allenata da Matteo Mazzoli ha chiuso il primo quarto in vantaggio sulla forte Baltur Cento, mentre in precedenza era stata in grado di battere a domicilio la Tramarossa Vicenza. Il miglior realizzatore di squadra è il playmaker Andrea Leone (13.4 punti di media), che è inoltre al terzo posto dietro Sanguinetti e Centanni nella speciale classifica dedicata agli assistmen. Ma a ridosso della doppia cifra di media ci sono anche il lungo Gianluigi Prestini e la guardia Marco Azzola: “Nutro un grande rispetto per Iseo – aggiunge l’allenatore dei Pirates – anche perché è una realtà abbastanza simile alla nostra. Come testimonia la partita d’andata, si tratta di una compagine che non è abituata a “sporcare” le partite, nemmeno quando la posta in palio è molto alta. Negli ultimi tempi hanno colto dei risultati importanti esprimendo dei sensibili miglioramenti nella qualità di gioco. Le statistiche di Leone e Prestini saltano agli occhi, ma la realtà è che Iseo è una formazione composta da tanti giocatori intercambiabili e tutti ugualmente capaci di exploit offensivi. Un fatto, questo, testimoniato dall’ottima prestazione di Veronesi (classe 1998, ndr) contro Cento”.

Dopo la rovinosa caduta di Desio, il Su Stentu è diventata un’altra squadra. E il segreto, fatto salvo il fondamentale contributo portato dai nuovi arrivati Scodavolpe e Samoggia, sta soprattutto nell’atteggiamento: “La sconfitta contro l’Aurora è stata uno spartiacque – aggiunge Sassaro – da quel momento in poi siamo stati capaci di trovare la serenità necessaria per esprimerci al meglio. Anche quando si trova sotto grande pressione, la squadra riesce a eseguire ciò che viene proposto dallo staff. E credo che  sia sintomatico del percorso di maturazione che i ragazzi stanno portando avanti”.

Per la trasferta di Iseo potrebbe tornare a disposizione Guillermo Laguzzi, che in settimana ha ripreso ad allenarsi dopo le due settimane di stop forzato. Negli ultimi giorni anche capitan Villani ha accusato qualche problema fisico, ma dovrebbe comunque essere della spedizione.

Palla a due domenica 26 febbraio alle 16.30 alla Palestra ITC Antonietti di via Paolo VI a Iseo (BS). Gli arbitri designati sono i signori Edoardo Gonella di Genova e Alberto Morassutti di Sassari.

Fonte: Ufficio stampa Su Stentu Sestu

Commenta
(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author