Torino Teen Basket: Tonin e la sfida di domani sera contro Borgosesia

Roberto Tonin e la sfida di domani sera contro Borgosesia

Il reparto lunghi del Torino Teen Basket è sicuramente quello di maggior esperienza della squadra. Troviamo il capitano, Matteo Menzio, il veterano del team, Andrea Bertulessi, e il secondo giocatore più esperto, Roberto “Bobo” Tonin. Quest’ultimo, classe 1983, è arrivato a Pino Torinese durante l’ultima estate ma si è già ben integrato nel gioco di coach Cibrario, prendendo per mano la difesa pinese e risultando decisivo in più di un’occasione anche nella metà campo offensiva. Domani sera alle 20.30 sarà nuovamente in campo insieme ai compagni per la settima giornata di campionato; al Palazzetto di Pino Torinese arriva Borgosesia, formazione terza in classifica a segno in cinque delle prime sei partite. “Sarà un match difficile” afferma Roberto Tonin, “ma come sempre, pur rispettando ogni avversario, entreremo in campo consapevoli che giocando al meglio possiamo battere chiunque in questa categoria. Abbiamo preparato la partita come sempre, dando un’occhiata alle caratteristiche dei giocatori di Borgosesia ma concentrandoci soprattutto su noi stessi”. L’elemento da controllare con più attenzione sarà probabilmente il playmaker Giroldi, protagonista qualche tempo fa di una vittoria nel campionato di C nazionale con la maglia di Novara.

Tornando al TTB, sarà fondamentale mantenere la giusta intensità per tutti i 40 minuti: “da questo punto di vista nell’ultima sfida contro Ciriè abbiamo fatto buoni passi avanti rispetto alle uscite contro Saluzzo e Chivasso” prosegue Roberto, “abbiamo giocato meglio e siamo stati più concentrati e concreti. Dopo le tre sconfitte consecutive era importante reagire e ci siamo riusciti lottando, anche soffrendo negli ultimi minuti”.

Decisivo nel match della scorsa settimana è stato il terzo quarto, in cui la difesa pinese ha concesso solo 5 punti a Ciriè. Determinante con i suoi aiuti e la sua posizione in area è stato proprio Roberto Tonin, che commenta così la prestazione difensiva dei biancoverdi: “sicuramente positiva, d’altronde per vincere dobbiamo essere quasi perfetti nella nostra metà campo. Nella terza frazione di sabato scorso i nostri meriti sono stati esaltati da un po’ di imprecisione dei nostri avversari. Per quanto riguarda la mia prestazione sono soddisfatto ma so di poter migliorare, per esempio nella reattività e nella conquista dei palloni vaganti. In ogni caso abbiamo intrapreso tutti la strada giusta”.

C’è dunque ottimismo e fiducia nella prima squadra del TTB, un gruppo in cui “Bobo” è entrato solo due mesi fa. Dopo essere cresciuto nelle giovanili dell’Agnelli, Roberto ha militato per 10 anni nell’Auxilium Torino, coprendo un ruolo importante tra la serie B2 e la C1; poi è passato a Moncalieri, in B2, e ha girato in C nazionale tra Cus, Domodossola e Crocetta, dove ha conosciuto tra l’altro gli attuali compagni Menzio e Bertulessi. “Sono arrivato qui con tanta voglia di riscatto dopo l’ultima stagione così così a Carmagnola” conclude, “dopo averlo avuto in panchina per tanti anni conoscevo bene il coach e i suoi metodi di allenamento; sono stato ben contento per la sua chiamata e ho subito accettato. Qui ho trovato un ottimo gruppo, di amici fuori dal campo e quindi unito anche in partita, che le vittorie e la promozione di maggio hanno sicuramente contribuito a cementare”.

Commenta
(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author