Trapani - Scafati in sala stampa

Giovanni Perdichizzi (coach Scafati): “Sapevamo che Trapani avrebbe giocato con tre giocatori in meno. Questo ci preoccupava, perché conosciamo anche il cuore dei granata e l’abilità di coach Ducarello nel toccare questo genere di corde. I miei complimenti vanno proprio ai nostri avversari, che sono riusciti a condurci nel finale a giocare la sfida fino all’ultimo possesso, con la concreta possibilità di portare la gara a casa per entrambe le formazioni in campo. L’atipicità sfoderata dalla Pallacanestro Trapani e la difesa a zona ci hanno messo in difficoltà, ma abbiamo certamente subito anche l’assenza di Simmons: naturalmente, però, davanti ai problemi manifesti di Trapani non possiamo essere noi a lamentarci delle defezioni. E’ stata una partita di grande sofferenza e alla fine sono stati i possessi conclusivi a risultare decisivi. Siamo riusciti a spuntarla con le nostre armi e questo è certamente un risultato importante”.

 

Ugo Ducarello (coach Pallacanestro Trapani): “E’ difficile fare un vero e proprio commento tecnico del match. Voglio ringraziare la squadra per il grande sforzo compiuto. Questa non era una partita solo contro la capolista, ma contro tutto e contro tutti. Nessuno si è tirato indietro ed è chiaro che abbiamo commesso alcuni errori, ma non ho davvero nulla da rimproverare ai miei giocatori, che meritano di essere elogiati, nonostante il risultato finale non ci abbia premiato. Nell’ultimo periodo il metro arbitrale ha influito e non credo sia stato equo: non vuol dire che Scafati abbia vinto per merito degli arbitri, ma dal punto di vista tecnico ci sono stati degli errori e lo stesso metro è un po’ cambiato nel corso del match. Così come è giusto segnalare ciò che poteva andare meglio a partire dalla squadra, e infatti dobbiamo ancora lavorare molto. In questo momento non ci gira nulla a favore e con un pizzico di fortuna oggi potevamo conquistare anche i due punti. Tenteremo di tenere alto il morale e questo gruppo sta tenendo duro: faremo di tutto per continuare su questa strada con positività, perché il fattore emotivo è una componente fondamentale per il proseguo del campionato. Stiamo guardando anche al mercato, ma sia chiaro che valuteremo solo l’eventualità di aggiungere al roster un giocatore davvero utile alla squadra e non un innesto fine a se stesso”.

 

Gianluca Tartamella – Responsabile Comunicazione Pallacanestro Trapani

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author