Trenta minuti di grande qualità e l'Amatori Pescara vince contro Valdiceppo

Pescara coglie un fondamentale successo in trasferta contro gli umbri, 68-60, con un’ottima prestazione e con uno straordinario secondo quarto. Negli ultimi dieci minuti c’è stato un calo di tensione che ha pericolosamente riportato Valdiceppo in partita, ma l’Amatori ha chiuso la pratica senza particolari brividi. Nel corso del match, coach Giorgio Salvemini ha ruotato tutti e dieci i giocatori a disposizione e la squadra ha continuato a giocare un’ottima pallacanestro anche quando hanno riposato diversi titolari.

Forse non era un match di cartello, ma era una partita davvero importante per la stagione degli abruzzesi. Dopo il turno infrasettimanale e il passo falso con Matera, Valdiceppo non era un cliente semplice, visto l’ottimo momento di forma che attraversano i perugini.  Pescara invece ha approcciato benissimo al match, prendendo letteralmente il largo nel secondo quarto e consolidando un vantaggio di oltre venti punti. Nell’ultimo quarto i biancorossi hanno avuto un calo di tensione e gli ospiti hanno preso coraggio, spinti da un pubblico tornato rumoroso; l’Amatori ha fatto un po’ di confusione e ha faticato a segnare, ma ha gestito bene le ultime difese e alla fine ha portato a casa la partita senza tremare.

Top scorer il solito Simone Pepe, con 20 punti in diciotto minuti sul parquet, lasciato a riposo per ampi tratti del match dopo le recenti fatiche. 14 punti per Matteo Bini e ben 8 rimbalzi offensivi per Capitanelli, in una serata in cui praticamente tutti hanno dato un ottimo contributo. L’Amatori nel prossimo turno riceverà la visita dellaMalloni Porto Sant’Elpidio, che oggi ha cancellato lo score negativo di sei sconfitte consecutive con una clamorosa vittoria in casa della capolista Montegranaro.

Coach Salvemini inizia il match schierando nello starting five il quintetto base, con Rajola, Pepe, Valentini, Di Donato e Capitanelli. Paolo Pierotti sceglie i tre esterni Burini, Meschini e Casuscelli, con Panzieri da ala grande e Giovagnoli pivot.

Il primo quarto si gioca praticamente allo specchio: entrambe le squadre iniziano con grande applicazione difensiva, senza incantare in fase offensiva.  Valentini apre le danze con due tiri liberi dopo una bella iniziativa in area, a cui risponde un canestro da sotto di Giovagnoli. Si registra qualche azione consecutiva senza segnare, con la palla non vuole entrare in nessuno dei due canestri e danza beffardamente sul ferro di entrambe le squadre. Simone Pepe inizia il suo bombardamento ma Burini replica dall’altra parte (5-5). Altra tripla di Pepe e nuova risposta ponteggiana (8-8); Capitanelli e Panzieri non realizzano da sotto, mentre Burini e Pepe segnano tutti e due in transizione (10-10). Ancora loro sparano da lontano e il tempino termina sul 14-14: un primo quarto praticamente in fotocopia per le due squadre, ma Pescara ha approcciato bene al match e pur senza segnare tantissimo sembra poter prendere le redini del match.

Questa sensazione è presto confermata: la manovra di Valdiceppo diventa molto meno fluida (con quattro palle perse di Meccoli), mentre Pepe continua ad essere il finalizzatore dei biancorossi: quando viene fermato da un fallo antisportivo, può spingere i suoi verso il primo strappo (16-21). Coach Salvemini pesca a piene mani dalla sua panchina e viene ricompensato dai suoi: la difesa cresce d’intensità e gli attacchi si fanno sempre più fluidi. La difesa biancorossa parte a zona per poi seguire i tagli dei locali, mentre il tiro da tre funziona bene: con questi due marchi di fabbrica l’Amatori spacca letteralmente la partita e le triple di Bini, Ucci e Capitanelliscavano un divario importante. I padroni di casa segnano con il contagocce davanti alla difesa ospite e si va all’intervallo lungo con gli abruzzesi che ha doppiato gli avversari (22-44), con tutti e dieci i giocatori in campo a dare un tangibile contributo; Grosso e Battaglia sono meno appariscenti al tiro,  ma altrettanto fondamentali nell’intensità difensiva e nella costruzione di qualche azione molto spettacolare.

Valentini apre con due punti anche il secondo tempo. Bini è in fiducia e sfrutta le mancanze della difesa avversaria, sia dentro che fuori dall’area l’area (24-51). Casuscelli rompe un pò l’impasse e Valdiceppo accorcia un pochino (28-51); intanto rientra qualche biancorosso che era a rifiatare. Rimane in panchina Pepe, a riposare un po’ dopo gli ultimi acciacchi.  Pescara in questa fase è meno precisa dall’arco, ma tra rimbalzi offensivi e palle recuperate controlla agevolmente il match e gioca tantissimo nella metà campo ospite. Qualche bella giocata sotto canestro di PelliccioneDi Donato tiene l’Amatori nettamente avanti (anche a +28), mentre qualche invenzione del solito Casuscelli tiene in partita gli ospiti, fino al 38-60 con cui si concludono i primi trenta minuti di gioco.

L’Amatori rientra in campo per l’ultimo tempino meno concentrata del solito: i locali realizzano un paio di bei canestri e, complice il risveglio del pubblico, trovano la forza per mettere a segno un bel break che li riporta piano piano in classifica. Coach Salvemini spende due timeout e rimanda in campo anche Di Donato e Pepe. Pescara torna presto a difendere meglio, limitando i tiratori avversari, ma fa troppa fatica a segnare e gli umbri si spingono sino al -6 con un bel canestro in transizione di Negrotti. Casuscelli avrebbe il tiro per rintuzzare ancora di più lo svantaggio, ma lo manda sul ferro. Da lì in poi Rajola e compagni ritrovano la solidità  che li caratterizza:  gestiscono benissimo gli ultimi possessi e le ultime difese e, senza rischiare più nulla, fanno scorrere il cronometro. Di Donato e Pepe segnano i liberi che sanciscono la vittoria della squadra del presidente Di Fabio.

Coach Giorgio Salvemini ha commentato così la prestazione della sua squadra: “innanzitutto devo sottolineare che abbiamo fatto i tre quarti migliori della stagione per qualità e intensità. Abbiamo fatto una partita di grandissima sostanza e si devono fare i complimenti ai ragazzi. Ovviamente è inammissibile non chiudere la partita: capisco la stanchezza e il fisiologico calo, ma non dobbiamo permettere a nessuno di riaprire una partita chiusa. Questo è fondamentale in questa fase del campionato, in cui tutti si giocano qualcosa, tutti hanno grandi motivazioni e non si possono lasciare certe chances agli avversari. Detto questo, stasera abbiamo visto la squadra che abbiamo in testa, che ha giocato alla grande trenta minuti, sempre sul pezzo, sempre precisa nelle situazioni di gioco e quindi sono soddisfatto della prestazione dei miei”.

Sicoma Valdiceppo Perugia- Amatori Pescara 60-68 (14-14; 22-44; 38-60)

Valdiceppo Perugia: Banach 9, Meschini 12, Casuscelli 7, Negrotti 13, Panzieri 5, Anastasi, Matejka Meccoli, Giovagnoli 5, Bracci 2, Burini 7.

Allenatore: Paolo Pierotti.

Tiri dal campo:  22/55 (40%), tiri da due punti: 11/28 (39%), tiri da tre punti 11/27 (41%), tiri liberi 5/10 (50%). Rimbalzi 28.

Amatori PescaraPelliccione 5, Pepe 20, Rajola, Battaglia 4, Grosso 2, Di Donato 5, Ucci 6, Bini 14, Capitanelli 7, Valentini 4.

Allenatore: Giorgio Salvemini.

Tiri dal campo:  19/56 (34%), tiri da due punti: 9/29 (31%), tiri da tre punti  10/27 (37%), tiri liberi 19/26 (73%). Rimbalzi 40.

Arbitri: sig. Barbieri (RM) e Bellamio (LT)

Commenta
(Visited 21 times, 1 visits today)

About The Author