Udas Cerignola-Geofarma Mola 73-66, la Geofarma ci mette il cuore, ma vince la capolista

Si arrende solo nel finale la Geofarma, Cerignola porta a 23 la striscia di vittorie consecutive e ipoteca il primo posto che varrà gli spareggi interregionali, ma al roster molese vanno gli applausi per aver tenuto il risultato in bilico fino agli ultimi possessi della gara, bloccando a 73 punti una squadra che vanta una media realizzativa di oltre 90 per incontro. Gara attenta, coraggiosa, ordinata e volitiva quella dei ragazzi di coach Alba che è un ben sperare per gli ultimi quarttro impegni restanti a cominciare dalla prossima complicata di Ceglie al cospetto della quarta forza del torneo.

LA PARTITA

Coach Marinelli non recupera il fanatastico americano Cooper, il quintetto d'impatto è dunque composto da Sims, Leo, Marchetti, Romano e Scarponi, la Geofarma risponde con Clemente, Musci, Didonna, Campbell e Pavone. Subito tripla di Romano, Marchetti rintocca, gli ospiti però non vogliono fare la parte della vittima predestinata e trovano presto due triple con Pavone (5-3) e con l’insolito cecchino Musci (7-6) al minuto 3. Ancora Marchetti a far male dalla lunga. Timbra anche l’ex Leo in sospensione (12-8) e il neo entrato Cota imbuca dai 6.75 per un primo tentativo di fuga interna al minuto 7. E’ un primo quarto in cui la squadra molese risponde per le rime alla capolista e si riporta a -4 con due punti di Pavone. All’appello del canestro da tre manca Scarponi che non si fa attendere troppo e confeziona il tiro del 18-10 che chiude la prima frazione.

E’ fiera delle triple in casa Udas, la squadra foggiana strattona il risultato già in avvio di secondo quarto con due nuove bombe – sei dopo appena 12 minuti – (24-10) firmate Scarponi e Tredici. Cerignola amministra il vantaggio con la palla in cassaforte da Leo, Geofarma a metter punti con Campbell e Pavone (26-16). Ci prova Campbell a cambiare corso alla sfida con una tripla delle sue e una successiva penetrazione a tagliare difesa Udas, poi inventa assist prezioso per la schiacciata di un ottimo Pavone che riapre la sfida al 16′ (28-23). E’ proprio Antonello Pavone l’uomo del quarto in casa Mola: su assist di Didonna trova una nuova bomba che mette pressione al Cerignola quando all’intervallo lungo mancano 2 minuti e poi va a guadagnarsi canestro con fallo trasformato dalla lunetta per il minimo ritardo Geofarma certificato dalla sirena che scorta negli spogliatoi (34-31).

La settima e l’ottava tripla targata Udas arrivano dalle mani del cecchino scelto Scarponi, Mola non si dà per vinta e prova a rispondere con Prete in una sorta di sfida dalla distanza in principio di terza frazione, il roster di coach Alba è nella partita e lo ufficializzano i punti di Campbell e Musci (44-40) che regalano l’equilibrio. Il fianco dolente però arriva sempre dall’arco dei tre punti da dove piove una nuova parabola di capitan Tredici, poi è un tap in del carenato Sims a riallargare il vantaggio interno a metà del terzo quarto. La sentenza Scarponi si abbatte ancora sul canestro, Musci in sospensione blocca il momento no molese, De Bellis appena entrato e ancora Musci danno nuova linfa alla voglia di lottare fino alla fine della Geofarma (52-46 al 28′). Quattro punti di Sims e la tripla di Ferilli chiudono la penultima frazione sul risultato ancora in bilico di 56-49 per i padroni di casa.

E’ Gambarota il primo a finire sui tabellini nell’ultima frazione dopo 2′, De Bellis e Campbell riportano sotto i passanti, Pavone avrebbe anche tra le mani la bomba del meno due ma il ferro rimanda al mittente la richiesta così il solito Leo in sospensione infila il +7 (60-53). Bene Pavone (17) che stavolta infila un tiro piedi a terra, botta e risposta Leo-Prete dalla lunghissima distanza, per una gara sempre in bilico anche se Cerignola pare controllarla. E’ sempre Leo l’uomo della salvezza mentre cresce a visa d’occhi la prestazione di Campnell: sua la tripla del 67-63 che rende gli ultimi due minuti ansiogeni per il pubblico Udas, quando una successiva sentenza scagliata dalla guardia statunitense trova il ferro. Cerignola con la Geofarma al bonus falli raggiunto si rifugia nella lunetta e con i canestri di Leo e Marchetti mette una ipoteca sui due punti, Campbell è l’ultimo ad accettare la resa con un nuovo siluro del -4 a 20 secondo dalla sirena. La chiude Tredici – quinto uomo in doppia cifra per i padroni di casa – con la dodicesima tripla della serata messa in sacco. Applausi sinceri per tutti sulla sirena, vincitori e vinti.

UDAS CERIGNOLA 73

GEOFARMA MOLA 66

UDAS: Sims 12, Dimmito NE, Gambarota 2, Marchetti 11, Cota 3, Leo 13, Tredici 10, Scarponi 15, Romano 7, Ulano. Coach Marinelli

GEOFARMA: Washington 6, Fiore NE, Clemente, Musci 8, Prete 8, De Bellis 4, Pavone 17, Campbell 19, Didonna, Ferilli 4. Coach Alba

Parziali 18-10; 34-31;56- 49;73-66

Comunicato a cura di Donatello Biancofiore

Commenta
(Visited 47 times, 1 visits today)

About The Author