Umana Venezia - Pall. Vigarano, pregara

da sito ufficiale Reyer Venezia:

 
Domenica 2 novembre alle ore 16,00 Umana Reyer Venezia – Pallacanestro Vigarano

Dopo l’ottima performance contro le campionesse d’Italia, l’Umana Reyer ritorna sul proprio parquet nel corso del primo Reyer Day della stagione. Avversaria di turno, la neo promossa Pallacanestro Vigarano che, complice anche un calendario particolarmente impegnativo (ndr già incontrate le “corazzate” Schio e Ragusa) si trova nella fascia bassa della classifica unitamente ad altre 4 squadre e con 2 punti all’attivo.

La vittoria con ampio margine della scorsa domenica su La Spezia ha peraltro ridato morale ed entusiasmo alle ragazze di coach Ravagni che arriveranno desiderose di ben figurare al Taliercio.

Nel basket-mercato estivo, la società emiliana ha attinto a piene mani nella serie inferiore per comporre il proprio roster ingaggiando Bestagno, Moroni, Cupido e Brunelli, tutte protagoniste di ottimi campionati nella stagione 2013/2014.

A far da balia a questo manipolo di neofite, o quasi, per la serie maggiore è stata chiamata quella Francesca Zara di reyerina memoria che sta vivendo una seconda giovinezza con la casacca biancorossa ed è stata confermata l’ala Lorena Venzo.

Il parco straniere è composto dall’ala croata Tania Cirov che dopo le stagioni d’oro vissute a Ragusa mette a disposizione delle compagne talento ed esperienza e dalla guardia USA Dominique Marshal Tyaunna, proveniente dalla quotata Georgia Tech University (che ha accolto quest’anno la nostra Antonia Peresson) nella quale si è distinta per le sue doti di “ruba palloni”, di buona realizzatrice (19,6 punti a partita) e, nonostante il suo ruolo di guardia non lo imponga, per una innata abilità a rimbalzo. I risultati ottenuti nelle varie classifiche di specialità le sono quindi valsi la chiamata nel Draft WNBA al 14mo posto.

In virtù del suo vissuto, chi scrive ha tenuto volutamente per ultima la nigeriana di scuola USA Uju Ukoka, avvicinatasi al basket nel paese natale solo nel 2009 grazie al Camp Hope4Girls che le ha dato la possibilità di tentare la fortuna negli Stati Uniti accasandosi con le Hokies di Virginia Tech, lasciando a Lagos la famiglia con sette fratelli. All’università si è fatta peraltro notare per le sue ottime caratteristiche fisiche e tecniche nonchè per le innate capacità di aggregazione con le compagne.

Sul fronte lagunare, in attesa di completare il definitivo recupero di alcune giocatrici reduci da infortuni e “acciacchi” di varia natura, l’obiettivo principale è di raggiungere l’auspicata continuità di rendimento.

I concetti di “crescita” e di “mentalità” professati da coach Liberalotto, si basano proprio sulla capacità di affrontare ogni incontro con la giusta determinazione, pur con il dovuto rispetto per ogni squadra avversaria, disputando ogni gara come se fosse una vera e propria finale. Proprio sulla base di questi presupposti, l’incontro con Vigarano potrà dare conferma circa gli eventuali progressi conseguiti in questo ambito.

(s.v.)

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author