Un Golfo dal gran carattere espugna Borgosesia

Piombino esce vincitore da Borgosesia in una partita che è parsa la fotocopia della vittoria di anno passato sempre al Loro Piana, partenza mirabolante dei gialloblu, recupero degli arancioni nei secondi due quarti, parità e supplementari che consegnano i due punti al Basket Golfo. E pensare che la trasferta non era iniziata sotto i migliori auspici, nella nottata di sabato una forma influenzale metteva ko Mario Gigena, giocatore e uomo fondamentale nel team piombinese, quindi senza neanche la possibilità di preparare alternative tattiche per sopperire a questa assenza, coach Padovano si affida totalmente ai suoi ragazzi, convinto che ognuno di loro darà qualcosa in più per sopperire a questa assenza. E mai fiducia fu meglio ripagata, nel primo quarto un inedito starting five con Pedroni in campo per Guerrieri, quintetto che, grazie ad un ottima difesa a zona, mette in grande difficoltà Valsesia, i padroni di casa non riescono ad attaccarla e trovano solo qualche soluzione dalla distanza, perdendo inoltre molti palloni e così il Golfo trascinato in fase offensiva da un super Venucci, segnerá 22 punti nei primi due quarti e 34 totali, con 11 rimbalzi, 7 assist e 3 recuperi, per un 46 di valutazione, insieme a lui vanno a segno Bianchi con due bombe e Genovese con una, Persico è dominante in area e realizza alcuni bei canestri, il primo quarto va a referto con i gialloblu in vantaggio 28 a 19. Nel secondo parziale coach Pansa trova la chiave per attaccare la zona, è Santarossa che grazie alla sua esperienza fa dei buoni tagli in area enon sbaglia mai da sotto, Nel frattempo Persico nel tentativo di fermare un indemoniato Padoin si carica di falli ed esce, ma Franceschini non fa rimpiangere il lungo livornese, realizzerà 14 punti con 5 rimbalzi e il Golfo anche se soffre un po´ in difesa, in attacco martella senza sosta e chiude il secondo quarto con 57 punti all´attivo contro i 42 dei locali. Alla ripartenza la difesa piemontese aumenta l´intensità, grazie anche ad una minore esposizione nei falli, Piombino soffre, finisce il magic moment di Venucci e l´attacco piombinese non trova altri sbocchi, ma la voglia di sacrificio dei gialloblu contiene il tentativo di rimonta degli avversari e si va all´ultimo riposo sul più undici, 59 a 70. Nel quarto finale la partita diviene un autentica corrida, fra falli,antisportivi, tecnici, espulsioni e nervosismo in campo e sugl spalti. La bagarre pare favorire i padroni di casa, facendo perdere lucidità ai gialloblù, che nei primi cinque minuti segnano solo 5 punti  e vengono raggiunti grazie alle bombe di Giovara, Tomasini e Gatti e ai moltissimi rimbalzi offensivi, Persico esce per cinque falli, ma l´emorragia si interrompe, torna l´equilibrio e fino alla fine la vittoria sarà a portata d´entrambe, a uno e trenta Padovano perde anche Iardella per falli, a 27 secondi primo vantaggio dei locali Paolin dalla lunetta fa 82 a 81, ma gli arbitri fischiano in precedenza un tecnico alla panchina arancione e Genovese dalla lunetta fa parità, sul possesso successivo gl arbitri non si sentono di fischiare un evidente spinta a Venucci in penetrazione e si va così all´overtime. Piombino ci arriva con due uomini fuori per falli e Frandeschini e Pedroni in campo con 4, sembra mettersi male, ma i gialloblu tirano fuori gli attributi e quei rimbalzi che erano mancati nel quarto quarto stavolta li prendono, a metà supplementare una bomba impossibile di Venucci e un canestro con libero aggiuntivo di Franceschini spezzano in modo  definitivo l´equilibrio e i canestri di Genovese nel finale fissano il definitivo 89 a 97. Piombino così stacca Monsummano e Valsesia, si piazza al quinto posto al pari con Santarcangelo, a soli due punti dalle tre seconde a pari merito, Cecina, Piacenza e Cento e lancia la sfida a Forlì che scenderà domenica prossima al Palatenda.

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author