Un Latina in forze ridotte si arrende ad Agrigento

Una Benacquista in forze ridotte, reduce da una settimana difficilissima in cui non si è mai allenata al completo, è costretta ad arrendersi alla Moncada Fortitudo Agrigento, non senza aver lottato strenuamente fino all’ultimo istante del match. Il risultato finale di 85-90, che consegna agli ospiti la vittoria arriva al termine di una sfida intensa in cui i nerazzurri hanno messo in campo cuore e anima, nonostante le grandi difficoltà dovute alle assenze di giocatori importanti come Uglietti e Veccia. Un gruppo che ha giocato con energia, supportato dal pubblico meraviglioso del PalaBianchini, che non ha fatto mancare sostegno e calore per tutta la durata del match. Una squadra che ha lottato per completare una rimonta complicata e conquistare la parità a 1:31” dal termine della sfida. Qualche conclusione sfortunata nelle ultime azioni e i tiri liberi realizzati da Agrigento, hanno messo la parola fine alla partita con il successo ospite.

Prima della sfida di Serie A2, sul parquet del PalaBianchini è andato in scena un altro evento: centinaia di bambini hanno preso parte all’iniziativa TIFO – Tutti Insieme Facciamo Olé – ideata dalla Lega Nazionale Pallacanestro e che a Latina ha fissato la sua quarta tappa stagionale. Il progetto è stato sponsorizzato dal gruppo PAM-Panorama e ha dato l’opportunità a tanti bambini dei gruppi minibasket categoria Aquilotti, di trascorrere un pomeriggio fantastico all’insegna della sportività e della correttezza, senza dimenticare il divertimento e il gioco. I responsabili del Tifo sono arrivati in campo per promuovere la più corretta cultura sportiva attraverso la diffusione di una logica di tifo a favore e mai contro l’avversario. Ai bambini dei Centri Minibasket che hanno  aderito, Asso Sport, Basket Sabaudia, Sabotino Basket, Basket Sermoneta, Basket Circeo e Latina Basket, sono stati regalati gadget; al termine delle attività, inoltre, lo sponsor del progetto TIFO nonché della società Latina Basket e dellaJUMP card, ovvero il Gruppo PAM – Panorama, ha offerto a tutti i partecipanti la merenda.

La parola al capo allenatore Franco Gramenzi –  Al termine della sfida con la compagine di Agrigento, coach Gramenzi ha dichiarato: «Nonostante gli errori commessi, avevamo ripreso la partita, purtroppo, però, non siamo riusciti nel finale a concretizzare alcune azioni. Abbiamo pagato molto per i troppi errori commessi tra la fine del primo quarto e l’inizio del secondo, che hanno, senza dubbio, condizionato sicuramente il resto della sfida. Il rientro di Stanback ci ha fornito qualità in campo, ma l’assenza degli infortunati ha pesato molto in fase difensiva avendo meno giocatori per eseguire le rotazione e spendere falli».

I tabellini – BENACQUISTA LATINA vs MONCADA FORTITUDO AGRIGENTO 85-90 (27-29, 40-50, 60-71, 85-90)

 BENACQUISTA LATINA:  Pagano n.e., Guerra n.e., Tavernelli 20, Tagliabue 6, Ihedioha 13, Mei 17, Pastore 2, Stanback 16, Di Ianni, Mosley 11. Allenatore Gramenzi.

MONCADA AGRIGENTO: Cuffaro n.e., Martin 16, Vai 3, Evangelisti 20, Chiarastella 4, De Laurentis 8, Saccaggi 35, Morciano, Visentin, Eatherton 4. Allenatore Ciani.

Percentuali: Latina tiri da 2: 41% (29/71) tiri da 3: 25% (8/32) tiri liberi: 83% (19/23); Agrigento tiri da 2: 62% (29/47) tiri da 3: 68% (10/15) tiri liberi: 88% (22/25)

Spettatori: 1500

Arbitri: Ciaglia Gianfranco di Caserta, Radaelli Roberto di Rho (MI), Callea Marcello di Porto Torres (SS).

La partita –  Pronti, via e Capitan Tavernelli realizza la tripla del 3-0 con cui si aprono i giochi. Anche Ihedioha centra la retina dai 6.75 e al 2’ il tabellone segna 6-1 in favore dei padroni di casa. Qualche errore nelle conclusioni, poi è ancora il capitano nerazzurro a piazzare una tripla, mentre Agrigento risponde colpo su colpo dall’area (6-3 al 3’). Nicola Mei a mettere a referto un bel gioco da 3 punti e Stanback, appena rientrato dall’infortunio,  a segnare 5 punti consecutivi per il 16-8nerazzurro. Il ritmo si alza, Agrigento piazza un break di 5-0, ma Latina risponde prontamente e al 5’ il punteggio è sul 18-12. Aumenta ulteriormente l’intensità del match, con Martin che  trascina Agrigento (9 punti personali dopo i primi 7’ di gioco). La Benacquista prova a reagire, ma a 2:22” dal termine del primo quarto i siciliani sono sotto di 2 lunghezze (24-22) e coach Gramenzi chiama time-out. La squadra siciliana raggiunge la parità con la precisione dalla lunetta di Evangelisti e conquista anche il sorpasso con la tripla di Saccaggi (24-27 a 30” dalla sirena). Il primo periodo va in archivio  sul punteggio di 27-29 in favore degli ospiti.

In avvio di seconda frazione, Agrigento continua a condurre il gioco, complici anche alcune conclusioni sfortunate da parte dei padroni di casa (29-34 al 12’). Coach Gramenzi ruota i suoi uomini, facendo rientrare la coppia di americani Mosley-Stanback, mentre Ihedioha realizza i due liberi a disposizione per il -3 nerazzurro (31-34 al 13’). Si lotta sotto le plance, la Benacquista soffre per trovare canestri importanti, al contrario della Fortitudo che , letteralmente presa per mano da Saccaggi (20 punti realizzati nei primi 20’ di gara) riesce a centrare la retina ripetutamente dai 6,75 e al 16’ il punteggio è sul 36-40. Gli ospiti, galvanizzati, incrementano il vantaggio e a 2:48” conducono di 9 lunghezze (36-45). Nuovo time-out per la panchina di Latina. Al rientro in campo è Tavernelli a risollevare il punteggio della Benacquista (38-45). A 1:21” dal termine del quarto, Mosley commette il suo terzo fallo personale e coach Gramenzi è costretto a richiamarlo in panchina. Il cronometro scorre e gli ospiti riescono a guadagnare il vantaggio in doppia cifra con cui si va negli spogliatoi: 40-50.

Al rientro dal riposo lungo, Latina parte a razzo siglando un parziale di 9-1 (49-51 al 22’) grazie a un eclatante Chace Stanback. La Fortitudo chiama time-out e al rientro in campo realizza un gioco da 3 punti che vale il +5 ospite (49-54). Incrementa ulteriormente il divario Agrigento e al 25’ è avanti di 7 punti (51-58). La Benacquista cerca di reagire con Mosley e Ihedioha , ma la Fortitudo trova canestri incredibili, che valgono il nuovo +8 (55-63). Saccaggi per gli ospiti è in ottima serata e continua a essere il punto di riferimento per i suoi: 58-68 a 1:23” dal termine del terzo periodo e 28 punti personali realizzati. Coach Gramenzi chiede la sospensione, al rientro sul parquet la Benacquista prova a reagire, ma Agrigento gioca in scioltezza e chiude il quarto sul +11 in proprio favore:60-71.

L’avvio dell’ultimo periodo è ancora di marca siciliana: 62-75 al 31’. Latina non demorde, Mosley mette a segno una delle sue schiacciate spettacolari (64-75) ma Evangelisti, sul fronte opposto, è chirurgico dalla lunetta (64-77 al 32’). Ancora una reazione nerazzurra con la tripla dall’angolo di Marco Tagliabue, che vale il -10 (67-77 a 5:46” dalla sirena). I nerazzurri, sostenuti dal tifo incessante del pubblico del PalaBianchini, trovano l’energia per recuperare punti preziosi, grazie ai canestri di Tavernelli e Mei e al 36’ il tabellone recita: 75-79. Agrigento realizza un libero (75-80 a 3:35”). A 3:20” dalla sirena, Ihedioha realizza i due liberi scaturiti dal quinto fallo di Martin e Latina è sul -3 (77-80). E’ ancora la lunetta a muovere il punteggio, questa volta per i siciliani (77-82 a 2:22”). Tavernelli realizza il canestro del 79-82 a 2:00”, mentre è la tripla di Nicola Mei a far esplodere il palazzetto per conquistata parità: 82-82 a 1:31”. Gli ospiti non stanno a guardare e approfittano di qualche incertezza dei nerazzurri per portarsi sul +4(82-86 a 45”). Mancano 19” al termine quando Agrigento realizza i due liberi del +6 (82-88). Gli ultimi due liberi della Fortitudo Agrigento e la tripla di Tavernelli sulla sirena sanciscono il risultato finale di 85-90 con cui la compagine siciliana espugna il PalaBianchini.

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author