Una bella Ozzano cede nel finale alla 4 Torri

DESPAR FERRARA – LA.CO. OZZANO 84 – 76

Parziali: 23-20; 45-43; 60-62

 

FERRARA: Bertocco ne, Chiusolo 7, Bergamin ne, Fenati 4, Govi 2, Parmeggiani 14, Lugli 2, Pasquini 20, Magni, Agusto 26, Albertini 9 – All.Cavicchioli

OZZANO: Pasquali, Verardi, Mini 19, Rossi 6, Lalanne 3, Castellari ne, Carretti 9, Teglia ne, Guazzaloca 13, Ballestri, Rambelli 11, Gianasi 15 – All. Grandi

Arbitri: Zambelli – Gasperini

 

Ferrara ed Ozzano in passato ci hanno sempre regalato belle ed intense partite. E nella notte di Halloween, nel match valido per la quinta giornata di campionato, la storia si ripete. Despar e La.Co.  giocano 40 minuti di bel basket, attacchi fisici e precisi, nonostante due buone difese ben messe in campo. L’equilibrio non manca, se si pensa che nei primi 37 minuti di partita il massimo vantaggio sia da un parte che dall’altra è stato di +6. Tutto fa pensare ad una grande serata di pallacanestro fra le due squadre che l’anno scorso in C Regionale hanno fatto faville, ottenendo la promozione e regalando tante emozioni ai propri tifosi. Tutti erano in serata, Ferrara ha dimostrato tutta la sua forza e fisicità, Ozzano ha mostrato significativi e incoraggianti segnali di crescita, soprattutto in difesa. L’unico punto interrogativo arriva dalla coppia in grigio, tutt’altro che pimpante e mai entrata pienamente in partita.

Nei primi 15 minuti Ozzano insegue sempre ad un possesso di distanza; il primo sorpasso firmato Mini arriva al 16’ con un bel tiro da 3. Agusto e Pasquini, i migliori in campo fra i padroni di casa, riportano avanti Ferrara, i quali conducono fino allo scadere del terzo quarto quando le triple di Mini e Rambelli  trascinano Ozzano sul 60-62 all’ultimo mini break. Nel quarto decisivo i Flying partono bene, subito firmano un 4 a 0 che vale il 60 a 66. Il time-out di coach Cavicchioli è fondamentale per riorganizzare le idee in casa Despar, che risponde con un perentorio 10 a 2 di parziale in 7 minuti che fissa il punteggio sul 70 a 68 per Ferrara a poco meno di quattro minuti dalla fine.

A 3’20” dalla sirena finale arriva l’episodio clou del match: Agusto si trova sotto canestro, in attacco, mentre cerca lo scarico per un compagno arriva la giusta fischiata per un fallo di Gianasi. Lo scarico del capitano ferrarese giunge nelle mani di Parmeggiani che a gioco ormai fermo realizza da tre punti. Incredibilmente il secondo arbitro convalida il canestro; dopo un breve consulto con il collega la decisione viene confermata, tripla buona e fallo con nuovo possesso Ferrara. Questa decisione viene vista come il classico scherzetto che si fa ad Halloween, peccato che abbia rovinato un finale di partita bello ed agguerrito che poteva offrire diversi colpi di scena. Il pubblico di fede ozzanese  protesta invano. La Despar si trova così sul +7 (Albertini realizza nell’azione successiva), vantaggio difficile da colmare per Ozzano negli ultimi minuti, vista l’intensità difensiva estense e l’ottima precisione ai liberi. Guazzaloca è l’ultimo a mollare, trova la bomba del -4, ma la Despar dall’altra parte non fallisce un colpo. Negli ultimi 90 secondi la partita si interrompe per il nervosismo  presente in tribuna, con qualche battibecco fra tifosi di fede diversa che rischiava di degenerare. Finisce 84 a 76 un partita che, per come si stava mettendo, poteva regalare un finale diverso, sportivamente parlando. Forse il risultato non sarebbe cambiato, ma di sicuro lo spettacolo negli ultimi 3 minuti ne ha risentito parecchio.

Ozzano torna a casa a mani vuote dal Pala 4T di Ferrara, ma coach Grandi e tutta la squadra devono essere soddisfatti per la partita disputata e per i notevoli segnali di crescita mostrati. Ora arriva il turno di riposo, si torna in campo il 14 Novembre quando al PalaGira arriverà Pontevecchio.

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author